Strada regionale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La strada regionale è una classificazione amministrativa delle strade, prevista dal Codice della strada italiano.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il concetto è stato introdotto per la prima volta in Italia, limitatamente alla regione autonoma Valle d'Aosta (dove non esiste nessun ente provinciale), con la legge regionale n. 1 del 10 ottobre 1950[1].

Il concetto è stato poi esteso a livello nazionale dal decreto legislativo nº 285 del 30 aprile 1992 (Nuovo Codice della strada) che la definisce come:

« Strada regionale: quando allaccia i capoluoghi di provincia della stessa regione tra loro o con il capoluogo di regione o allaccia i capoluoghi di provincia o i comuni con la rete statale se ciò sia particolarmente rilevante per ragioni di carattere industriale, commerciale, agricolo, turistico e climatico. »
(Codice della Strada)

Le prime strade (escludendo la Valle d'Aosta) classificate come SR (strada regionale) sono state create in seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998, nel 2001. Il decreto ha individuato alcune strade di interesse non più nazionale ma regionale. Pertanto le competenze su queste strade statali, prima dell'ANAS, sono passate alle regioni. A loro volta ogni regione ha regolato la questione in maniera diversa. Per motivi organizzativi molte regioni hanno affidato le strade ex statali alle province pur mantenendo la sigla SR.

Oltre a queste strade regionali nate in seguito al declassamento della rete statale esistono strade regionali classificate subito come tali (ad esempio la SR 6 in Puglia anche se successivamente declassata a provinciale) o strade regionali ex provinciali come la SR 89, ex SP 62, in Veneto.

Le SR possono essere classificate tecnicamente come strade extraurbane principali (strada di tipo B) o come strade extraurbane secondarie (strada di tipo C). Se attraversano centri abitati con popolazione superiore ai 9.999 abitanti sono strade di competenza comunale e quindi urbane (tipo D e E). Se attraversano centri o nuclei abitati con popolazione inferiore ai 9.999 abitanti sono urbane (tipo D e E) ma la competenza rimane del gestore.

Oltre alle strade identificate dalla sigla SR esistono strade gestite dalla regione ma identificate dalla sigla SP (ad esempio molte SP in provincia di Belluno sono gestite dalla società Veneto Strade al 30% dell'omonima regione).

Le strade regionali in Valle d'Aosta[modifica | modifica wikitesto]

La legge regionale n. 1 del 10 ottobre 1950[1] della Valle d'Aosta (dove non esiste nessun ente provinciale) ha classificato come strade regionali le strade fino ad allora classificate come strade provinciali, di seconda classe e di terza classe (previste dall'articolo 1, lettera b e c del Regio Decreto 15 novembre 1923, n. 2506). La legge regionale definiva così le strade regionali:

« Appartengono alla categoria delle strade regionali le rotabili correnti in territorio della Valle d'Aosta riconosciute di particolare importanza per le relazioni industriali, commerciali ed agricole della Regione, purché facciano capo a strade statali, a ferrovie, nonché le strade che collegano centri di riconosciuta importanza turistica a strade classificate statali o regionali. »

La legge regionale 20 novembre 2006 n. 26[2] ha riformulato la definizione di strada regionale:

« Sono strade regionali quelle che:
  • collegano al capoluogo della Regione i capoluoghi di Comuni;
  • allacciano a strade statali o regionali capoluoghi di Comuni o centri di riconosciuta importanza turistica;
  • costituiscono diretti ed importanti collegamenti tra strade statali ovvero tra strade regionali ovvero tra strade statali e regionali;
  • presentano rilevante interesse per le relazioni industriali, commerciali, turistiche e socio-economiche della Regione;
  • costituiscono grandi direttrici del traffico regionale. »

Le classificazioni delle ex statali[modifica | modifica wikitesto]

Le classificazioni riportate nei seguenti paragrafi sono reperite o dalla segnaletica effettivamente installata o da elenchi presenti nei siti web delle province. In quest'ultimo caso la segnaletica potrebbe essere non aggiornata o diversa da quanto riportato nei siti web delle province.

Regioni con strade classificate come SR[modifica | modifica wikitesto]

  • In Abruzzo[3] e Umbria[4] le ex statali vengono indicate come SR (es. SR 11), anche se in tutte queste regioni la gestione di tali strade è stata delegata alle province; fanno eccezione le province di Chieti[5] e Teramo[6] che hanno rinumerato le ex strade statali con un nuovo numero e con la sigla SP;
  • in Toscana le ex statali trasferite al demanio regionale sono indicate con la sigla SR[7] mentre non è nota la classificazione delle strade trasferite dal demanio statale a quello regionale e infine trasferite al demanio delle singole province[8]. Sono tutte gestite dalle province competenti. Fa eccezione la superstrada FI-PI-LI che non ha mai ricevuto una sigla alfanumerica composta dalle lettere SS ed è gestita principalmente dalla provincia di Firenze;
  • nel Lazio le ex statali sono gestite dalle province; alcune ex statali sono state classificate come SR, strade regionali, e mantengono il numero di quando erano statali, altre ex statali invece sono state classificate come SP e rinumerate[9]. Non è nota la classificazione delle ex statali nella provincia di Frosinone;
  • in Piemonte le ex statali sono divenute strade regionali e successivamente date in gestione alle province. La classificazione delle ex statali varia da provincia a provincia. Nella provincia di Torino le ex strade statali trasferite dal demanio regionale a quello provinciale sono state classificate come strade di I categoria e quindi come SSP (ad es. SSP 24) e non come SR[10]. La provincia di Cuneo ha mantenuto la numerazione delle strade statali cambiando la sigla in SP, tuttavia per alcune strade ha aggiunto una cifra poiché la numerazione era già usata per altre strade provinciali mentre solo 3 strade, pur gestite dalla omonima provincia, sono indicate dalla sigla SR, infine due strade ex statali indicate in origine come dir e bis sono state indicate da un nuovo numero progressivo e dalla sigla SP[11]. La provincia di Alessandria ha mantenuto la numerazione delle strade statali cambiando la sigla in SP, tuttavia alcune ex strade statali hanno perso il suffisso dir o var[12]. La provincia di Novara ha mantenuto la numerazione cambiandone solo la sigla in SP[13]. Non è nota la classificazione delle ex statali nelle province di Alessandria, Biella, Vercelli e Verbano-Cusio-Ossola;
  • in Friuli-Venezia Giulia dal 1º gennaio 2008 le strade statali dismesse e passate alla regione sono gestite dalla società regionale Friuli Venezia Giulia Strade e sono classificate come SR mantenendo la stessa numerazione. Alcune hanno mantenuto la denominazione di strada statale (SS)[14];
  • in Veneto le strade statali dismesse sono gestite dalla società regionale Veneto Strade che le ha classificate in parte come SR (quelle di maggiore importanza), ed in parte come SP (strade provinciali) nonostante la loro gestione non sia in capo alle province. Alcune di queste strade (quelle con la numerazione bis, ter, dir, ...) sono anche state rinumerate[15]; le strade ex statali in provincia di Vicenza sono invece quasi tutte gestite dalla società Vi.Abilità S.p.a (della provincia di Vicenza per il 95%, di Veneto Strade per il 5%) che le ha riclassificate in SP[15];
  • in Puglia le ex statali sono state rinominate in provinciali e hanno ricevuto anche una nuova numerazione[16]; non è nota la classificazione delle ex statali nella provincia di Taranto; in ogni caso la strada della Murgia centrale nel primo periodo di apertura è stata classificata come SR 6. Successivamente la gestione della SR 6 è stata trasferita alla provincia competente che l'ha rinumerata e riclassificata.

Regioni senza strade classificate come SR[modifica | modifica wikitesto]

In tutte le altre regioni le ex statali sono gestite dalle province e non esistono strade regionali né aperte ex novo né derivanti in seguito a classificazioni di ex SP.

Le classificazioni delle ex statali nelle altre regioni
  • In Campania la provincia di Napoli ha rinumerato e riclassificato le ex statali[17]; non è nota la classificazione delle ex statali nelle altre province;
  • in Basilicata[18] le strade ex statali sono indicate come SP ex SS (ad es. SP ex SS 11); non è nota la classificazione delle ex statali in provincia di Matera;
  • in Calabria la provincia di Reggio Calabria[19] e la provincia di Crotone[20] ha proceduto alla completa rinumerazione delle ex strade statali con la sigla SP, nella provincia di Cosenza le strade ex statali sono indicate come SP ex SS[21]; non sono note le classificazioni delle ex statali nelle province di Vibo Valentia e Catanzaro;
  • in Molise le ex statali sono state rinominate in provinciali e hanno ricevuto anche una nuova numerazione nella provincia di Campobasso[22]; nella provincia di Isernia le ex statali sono indicate come SP ex SS[23][24];
  • in Liguria[25] le strade ex statali sono state riclassificate in SP ma non sono state rinumerate; in provincia di Imperia sono invece indicate come SP ex SS[26]; non è nota la classificazione delle ex statali nella provincia della Spezia;
  • nelle Marche le ex statali sono indicate come SP con la vecchia numerazione[27]; le province di Ascoli Piceno[28] e Fermo[29] hanno rinominato le ex strade statali con un nuovo numero progressivo (ad es. la ex SS 78 è divenuta SP 237);
  • in Emilia-Romagna le strade ex statali vengono classificate con la sigla SP R (es. SP 10 R) in provincia di Rimini[30] mentre vengono indicate senza l'aggiunta della R in provincia di Bologna[31], Modena[32], Parma[33], Piacenza[34], Ravenna[35]. La provincia di Forlì-Cesena ha rinumerato le strade provinciali (ad esempio l'ex SS 254 è l'attuale SP 2)[36]. Non è nota la classificazione nelle province di Ferrara e Reggio Emilia;
  • la Regione Lombardia recependo la normativa nazionale mediante la legge regionale nº 1 del 2000 ha deliberato la devoluzione alle proprie province delle strade a sua volta devolutele dallo Stato. Le province di Bergamo[37], Lecco[38] e Varese[39] hanno mantenuto la vecchia numerazione cambiando solo la classificazione in SP. La Provincia di Brescia usa invece la sigla SP BS con la vecchia numerazione[40]; la provincia di Cremona indica le ex statali come CR SP ex SS[41]; le province di Lodi[42], Milano e Monza,[43][44] e Pavia[45] hanno riclassificato le ex statali in SP ex SS mantenendo la vecchia numerazione; la provincia di Sondrio ha rinumerato e classificato come SP le ex statali[46]; non è nota la classificazione delle ex statali nelle province di Como e Mantova;
  • nella provincia autonoma di Trento (che si è vista trasferire dall'ANAS la gestione di tutte le strade statali) le strade statali mantengono usualmente l'indicazione SS (es. SS 127)[47]. Anche nella provincia autonoma di Bolzano le strade statali, pur gestite dalla Provincia Autonoma (anche qui l'ANAS ha trasferito la gestione di tutte le strade statali), mantengono la classificazione SS (strade statali/Staatstraßen) mentre le restanti strade provinciali vengono indicate come SP/LS (strade provinciali/Landestraßen)[48];
  • in Sicilia e Sardegna non sono presenti strade regionali in quanto nessuna strada statale è stata declassata.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Consiglio Regionale della Valle d'Aosta - Legge regionale 10 ottobre 1950, n. 1 - Testo storico
  2. ^ http://www.regione.vda.it/operepubbliche/viabilita/pdf/LR_26_2006.pdf
  3. ^ Provincia dell'Aquila e Provincia di Pescara
  4. ^ Le strade regionali umbre
  5. ^ L'elenco delle ex strade statali in Provincia di Chieti a pag. 47
  6. ^ Provincia di Teramo
  7. ^ http://www.regione.toscana.it/regione/multimedia/RT/documents/2010/02/17/879c76618ac67167eb289debf011b00a_centriabitatidefinitivo.pdf [collegamento interrotto]
  8. ^ Provincia di Arezzo, Provincia di Firenze, Provincia di Grosseto, Provincia di Lucca, Provincia di Pisa, Provincia di Pistoia, Provincia di Prato e Provincia di Siena
  9. ^ Provincia di Roma, Provincia di Latina, Provincia di Rieti e Provincia di Viterbo
  10. ^ vedi http://www.provincia.torino.it/viabilita/esercizio/sportello/modulistica/dwd/pdf/tabella_c.pdf
  11. ^ Lavori Pubblici | Provincia di Cuneo
  12. ^ http://www.provincia.alessandria.it/files/news/808/strade.pdf
  13. ^ http://www.provincia.novara.it/Viabilita/CartografiaStradeProvinciali.pdf
  14. ^ Monografia strade
  15. ^ a b http://www.consiglioveneto.it/crvportal/pdf/pratiche/8/pda/PDA_0056/1000_5Ftesto_20presentato_20_28parte_20003_20di_205_29.pdf
  16. ^ Provincia di Bari, Provincia di Barletta-Andria-Trani, Provincia di Brindisi, Provincia di Foggia, Provincia di Lecce
  17. ^ http://www.notes.provincia.napoli.it/NA_Concorsi1.NSF/81402b6e9e53a991c12566a3003919fd/4ff39664a2f90500c1257506002c58ff/$FILE/Elenco%20strade.pdf
  18. ^ Provincia di Potenza
  19. ^ http://www.provincia.reggio-calabria.it/binary/provincia_rc/menu/nuova_numerazione_strade_provinciali_8.1099658418.pdf
  20. ^ Ad esempio l'ex SS106racc è l'attuale SP66
  21. ^ Provincia di Cosenza - Portale
  22. ^ Viabilità - Strade provinciali
  23. ^ Archivio delibere di Giunta
  24. ^ Archivio delibere di Giunta
  25. ^ Provincia di Genova e Provincia di Savona
  26. ^ A pag. 21
  27. ^ Provincia di Ancona, Provincia di Macerata e Provincia di Pesaro-Urbino
  28. ^ Trasporti: strade provinciali
  29. ^ http://provincia.fm.it/public/la-provincia/regolamenti/files/reg-COSAP-CLASSIFICAZIONE_STRADE.pdf
  30. ^ http://www.provincia.rimini.it/progetti/llpp/mn_viabilita/sspp_2010.pdf
  31. ^ http://cst.provincia.bologna.it:81/stradeprov/viewer.htm
  32. ^ Portale della Provincia di Modena | Bandi e Moduli | Portale della Provincia di Modena
  33. ^ portale.parma
  34. ^ Provincia di Piacenza
  35. ^ Elenco strade provinciali - Viabilità - Argomenti - Sito ufficiale della Provincia di Ravenna
  36. ^ Alcune strade ex statali rinumerate e Elenco completo strade provinciali Forli-Cesena
  37. ^ Vivi la Provincia Online
  38. ^ Schema rete circondario 1
  39. ^ http://www.provincia.va.it/ente_data/viabilita.nsf/8cb6d048946894e9c12570b3004f75fa/03709f218d383555c12570b6003caa5b/$FILE/Elenco%20Rete%20Viaria%20Provinciale%20aggiornata%202010.pdf
  40. ^ http://www.provincia.brescia.it/portal/pls/portal/docs/1/1268197.PDF
  41. ^ http://sit.provincia.cremona.it/pmapper-2.1.2/map.phtml?winsize=medium&language=it&config=
  42. ^ Provincia di Lodi - Unità Operative
  43. ^ http://www.provincia.milano.it/export/sites/default/trasporti/documenti/Carta_amministrativa_strade_provinciali.pdf
  44. ^ La Provincia di Monza è nata successivamente a tale normativa, ed ha quindi ereditato le deliberazioni milanesi come un dato di fatto.
  45. ^ http://www.provincia.pv.it/provinciapv/brick/viabilita
  46. ^ http://www.provincia.so.it/download.asp?file=/turismo/trasporti/trasporto%20privato/trasporti%20eccezionali/elenco/Elenco%20strade%20provinciali.pdf
  47. ^ Viaggiare in Trentino
  48. ^ [1] e lo stradario

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

  • Classificazioni amministrative delle strade italiane:
  • Classificazioni tecniche delle strade italiane: