Stop the Clocks

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la canzone omonima, vedi Stop the Clocks (brano musicale).
Stop the Clocks

Artista Oasis
Tipo album Raccolta
Pubblicazione 2006
Durata 87 min : 13 s
Dischi 2
Tracce 18
Genere Britpop
Etichetta Big Brother Recordings, Sony
Produttore The Band
Certificazioni
Dischi di platino 4
Oasis - cronologia
Album precedente
(2005)
Album successivo
(2008)

Stop the Clocks è il best of della band inglese Oasis, pubblicato il 20 novembre 2006. Il disco è stato anticipato da un omonimo EP, pubblicato il 13 novembre 2006. Per un breve periodo è stata disponibile nei negozi una versione speciale del CD, contenente un DVD con un'intervista al gruppo e alcune esibizioni dal vivo.

La raccolta ha esordito in seconda posizione nelle chart britanniche e ha venduto più di 2.5 milioni di copie nel mondo[1], di cui oltre un milione soltanto in Gran Bretagna.

La copertina è stata creata da Peter Blake, autore della copertina del famoso album Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band dei Beatles.

Genesi del disco[modifica | modifica sorgente]

Già poco dopo l'uscita di Don't Believe the Truth la Sony comunicò di aver l'intenzione di pubblicare un greatest hits, nonostante il parere contrario della band, e soprattutto di Noel Gallagher. Pare che gli Oasis siano stati spinti a pubblicarlo proprio per poter risolvere il contratto discografico che li legava alla Sony, così come la band voleva da tempo: la casa discografica, sapendo che non avrebbero rinnovato il contratto alla fine del 2006, voleva chiudere il periodo con una raccolta e la band, praticamente obbligata, decise di assumere l'incarico di scegliere le canzoni.

Nel settembre dello stesso anno arriva la conferma e viene svelata la tracklist ufficiale. La reazione dei fans è per lo più di delusione: ci si aspettavano scelte diverse, soprattutto il nuovo inedito che dà il titolo alla raccolta, poi una diversa selezione che non escludesse brani amatissimi e popolari come Stand by Me, Whatever, Don't Go Away, All Around the World e Stop Crying Your Heart Out. Noel ha motivato l'esclusione di brani inediti dicendo che avrebbero spostato l'attenzione da quelli vecchi.

Contestualmente alla notizia dell'uscita del greatest hits la Sony comunicò che sarebbe stato pubblicato anche un film-documentario dal titolo Lord Don't Slow Me Down, basato sul tour mondiale della band del 2005-06.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Disco 1[modifica | modifica sorgente]

  1. Rock 'n' Roll Star
  2. Some Might Say
  3. Talk Tonight
  4. Lyla
  5. The Importance of Being Idle
  6. Wonderwall
  7. Slide Away
  8. Cigarettes & Alcohol
  9. The Masterplan

Disco 2[modifica | modifica sorgente]

  1. Live Forever
  2. Acquiesce
  3. Supersonic
  4. Half the World Away
  5. Go Let It out
  6. Songbird
  7. Morning Glory
  8. Champagne Supernova
  9. Don't Look Back in Anger

DVD dell'edizione speciale[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Stop the Clocks, amazon.com.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock