Stilofono

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stilofono
Informazioni generali
Classificazione Elettrofoni semielettronici
Utilizzo
Musica pop e rock
Uno stilofono

Lo stilofono (Stylophone) è uno strumento musicale elettronico di ridotte dimensioni. È formato da una tastiera metallica collegata attraverso un resistore ad un piccolo oscillatore interno a bassa tensione. La tastiera è controllata da una piccola penna elettronica (detta stilo, da cui il nome) il cui contatto con i tasti genera il suono.

Storia dello strumento[modifica | modifica sorgente]

Lo stilofono è stato creato nel 1967 da Brian Jarvis. È stato venduto (tra i vari testimonial pubblicitari dello strumento vi era anche il musicista Rolf Harris) in circa tre milioni di esemplari sotto il marchio Dubreq, soprattutto come strumento musicale giocattolo. Lo strumento è stato utilizzato da diversi gruppi musicali o da musicisti nelle loro incisioni: tra questi vi sono per esempio David Bowie, per i brani Space Oddity, After All, Slip Away e i Kraftwerk, che lo hanno utilizzato nella prima versione di Pocket Calculator per ottenere i bassi.

Tra gli italiani che usano questo strumento vi è il gruppo italiano The Transistors (Maurizio Mansueti e Luca Cirillo) che utilizza abitualmente lo Stylophone per le proprie incisioni e negli spettacoli dal vivo e Marco Castoldi, in arte Morgan, che lo usa prettamente nei live e in alcune apparizioni televisive.

Alcuni celebri "stilofonisti"[modifica | modifica sorgente]


Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica