Steve LeVine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Steve LeVine (Dallas, 1969) è uno scrittore, giornalista e blogger statunitense.

È stato un corrispondente estero per diciotto anni, in Unione Sovietica, Pakistan e Filippine, per The Wall Street Journal, The New York Times, The Washington Post, il Financial Times e il Newsweek. Attualmente copre gli affari esteri e le fonti energetiche per BusinessWeek, con sede a Washington. LeVine è sposato con Nurilda Nurlybayeva e hanno due figlie. Ha pubblicato due libri: The Oil and the Glory (2007) che racconta la poco nota storia della lunga, epica lotta per la fortuna, la gloria e la potenza sul Mar Caspio; Putin's Labyrinth (2008), un profilo della Russia attraverso la vita e la morte di una mezza dozzina di russi. Questo libro è dedicato al collega e amico Daniel Pearl, giornalista statunitense rapito da un gruppo di fondamentalisti islamici collegati direttamente ad Ahmad Omar Sa'id Shaykh. Nel film A Mighty Heart - Un cuore grande Steve LeVine, che lo stesso giorno del rapimento si recò a Karachi per incontrare Daniel Pearl, è interpretato da Gary Wilmes.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Steve LeVine vive a Dallas. In precedenza ha vissuto in Asia centrale e nel Caucaso per 11 anni - a partire due settimane dopo il crollo sovietico del 2003. Ha guidato l'ufficio de The Wall Street Journal prima e del New York Times poi per la regione delle Otto Nazioni.

Dal 1985 al 1988, è stato corrispondente del Newsday per le Filippine. Dal 1988 al 1991, è stato corrispondente del Newsweek per l'Afghanistan con base in Pakistan.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Edite in Italia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie