Sternotherus odoratus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Tartaruga del muschio comune
Sternotherus odoratus1.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Classe Reptilia
Sottoclasse Anapsida
Ordine Testudines
Famiglia Kinosternidae
Genere Sternotherus
Specie S. odoratus
Nomenclatura binomiale
Sternotherus odoratus
Latreille, 1801
Sinonimi

Kinosternon odoratum

Areale

Sternotherus Odoratus diffusion.svg

Sternotherus odoratus Latreille, 1801 è una tartaruga della famiglia Kinosternidae.


Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Sternotherus dal greco antico στέρνον (stèrnon, petto) e θαιρός (thairòs, cerniera), in riferimento al piastrone unito al carapace; e odoratus (odoroso), dal latino, per il forte odore prodotto dalle ghiandole.[2][3]

L'appellativo "tartaruga del muschio", dato alle specie del genere Sternotherus, fa riferimento alla capacità di secernere una sostanza muschiata da due paia di ghiandole.[2][3]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Di piccole dimensioni, raggiunge solitamente un lunghezza di circa 13 cm.[3]

Il carapace è rigido, ovale, di colore grigio/nero e ricoperto da linee e punti irregolari. Il piastrone, molto piccolo, è stretto posteriormente. Ai lati della testa, robusta e appuntita, sono presenti due strisce di colore beige.[4]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Tartaruga nativa del Canada e degli Stati Uniti, il suo areale è compreso fra il sud dell'Ontario, la costa est della Florida, l'ovest del Wisconsin e il Texas[3]

Predilige acque poco profonde e tranquille con fondale fangoso. È molto comune in zone paludose.[3]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Tartaruga prettamente acquatica, si sposta camminando sul fondo. Ama soffermarsi al sole per scaldarsi. Specie carnivora, si alimenta di pesce soprattutto se di acqua dolce, di insetti come grilli, cavallette, camole del miele. Talvolta si ciba anche di piante galleggianti.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Tartaruga onnivora, si nutre principalmente di molluschi ed insetti acquatici ma non disdegna gamberi, vongole, lombrichi, uova, pesci, girini, alghe e talvolta carogne.

Galleria immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Tortoise & Freshwater Turtle Specialist Group 1996, Sternotherus odoratus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ a b (ES) Tortuga: Sternotherus carinatus GRAY, 1855, testudines.org. URL consultato il 27 dicembre 2011.
  3. ^ a b c d e Common musk turtle, Sternotherus odoratus, aquatic.uoguelph.ca. URL consultato il 26 dicembre 2012.
  4. ^ Sternotherus odoratus, testudines.org.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ferri V., Tartarughe terrestri e acquatiche, De Vecchi Editore.
  • Ferri V., Tartarughe grandi e piccole, De Vecchi Editore.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

rettili Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili