Stercorarius parasiticus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Labbo
Stercorarius parasiticus1.jpg
Stercorarius parasiticus
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Ordine Charadriiformes
Famiglia Stercorariidae
Genere Stercorarius
Specie S. parasiticus
Nomenclatura binomiale
Stercorarius parasiticus
Linnaeus, 1758
Un labbo fotografato nello Snæfellnes (Islanda occidentale)

Il labbo (Stercorarius parasiticus Linnaeus, 1758) è un uccello appartenente alla famiglia Stercorariidae.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il labbo è un grosso uccello diffuso in Nord Europa caratterizzato da due tipologia di colorazione, chiara e scura, che variano in proporzione nelle diverse popolazioni, ad esempio sull'Isola di Fair sono presenti in rapporto di 3:1 con dominanza della tipologia scura.

Dimensioni[modifica | modifica sorgente]

  • Lunghezza: 45 cm
  • Peso: 330-500 g

Uova[modifica | modifica sorgente]

  • Dimensioni: 5,9 x 4,2 cm
  • Uova deposte per nidiata: 2

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Cleptoparassiti, rubano il cibo ad altri uccelli marini con spettacolari acrobazie aeree, ma sono anche spazzini e predatori effettivi, soprattutto di piccoli mammiferi come il lemming e piccoli uccelli. Persino insetti e bacche possono essere inclusi nella dieta.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Formano coppie strettamente monogame.
Nidificano in siti dove son presenti altre colonie di uccelli marini, che appunto parassitano.

Spostamenti[modifica | modifica sorgente]

Effettuano migrazioni trans-equatoriali, partendo dalle acque del Nord Atlantico a fine agosto per dirigersi in Patagonia o Argentina oppure lungo la corrente Benguela a largo della Namibia.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Il labbo ha due sottospecie:

  • S. parasiticus parasiticus
  • S. parasiticus parallelus

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]