Stephen Paea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stephen Paea
Paea (54) nel 2010.
Paea (54) nel 2010.
Nazionalità Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Altezza 185 cm
Peso 136 kg
Football americano American football pictogram.svg
Ruolo Defensive tackle
Squadra Stemma Washington Redskins Wash. Redskins
Carriera
Giovanili
2008 - 2010 Stemma Oregon State Beavers Oregon State Beavers
Squadre di club
2011-2014 Chicago Bears
2015- Stemma Washington Redskins Wash. Redskins
Statistiche aggiornate al 15 marzo 2015

Stephen Paea (Auckland, 11 maggio 1988) è un giocatore di football americano neozelandese che gioca nel ruolo di defensive tackle per i Washington Redskins della National Football League (NFL). Fu scelto nel corso del secondo giro (53° assoluto) del Draft NFL 2011 dai Chicago Bears. Al college ha giocato a football all'Università statale dell'Oregon.

Carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

Chicago Bears[modifica | modifica wikitesto]

Paea fu scelto dai Chicago Bears nel corso del secondo giro del Draft 2011[1]. Esordì come professionista il 16 ottobre contro i Minnesota Vikings, mettendo a segno un sack su Donovan McNabb nella end zone dando luogo a una safety, il primo giocatore dei Bears a realizzarne una al debutto almeno dal 1970. Concluse la sua stagione da rookie con 11 presenze, nessuna delle quali come titolare, con 14 tackle e 2,0 sack. Nella stagione successiva divenne stabilmente titolare dei Bears facendo registrare 24 tackle e 2,5 sack.

Washington Redskins[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 marzo 2015, Paea firmò un contratto quadriennale con i Washington Redskins del valore di 21 milioni di dollari[2]..

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Partite totali 55
Partite da titolare 40
Tackle 94
Sack 12,0
Intercetti 0
Fumble forzati 2

Statistiche aggiornate alla stagione 2014

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 2011 National Football League Draft, Pro Football Hall of Fame, 2 maggio 2011. URL consultato il 28 settembre 2012.
  2. ^ (EN) Redskins sign DT Stephen Paea, ESPN.com, 10 marzo 2015. URL consultato il 15 marzo 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]