Stephen Bartowski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Steve Bartowski
Steve Bartowski
Steve Bartowski
Universo Chuck
Soprannome
  • Orion (nome in codice)
Autori
1ª app. in Chuck vs. Orion
Ultima app. in Chuck vs. la sconfitta
Interpretato da Scott Bakula
Voce italiana Pasquale Anselmo
Sesso Maschio
Luogo di nascita Santa Barbara, California[2]
Data di nascita 1949[1]
Professione latitante
Abilità

Intersect

  • accesso illimitato a segreti governativi tramite flash
Parenti
« Intersect 2.0, la mia più grande creazione. Dopo te ed Ellie, ovviamente. »
(Steve Bartowski al figlio Chuck)

Stephen J. "Steve" Bartowski, noto anche come Orion, è un personaggio immaginario della serie televisiva statunitense Chuck, di Josh Schwartz e Chris Fedak.
È interpretato da Scott Bakula, con la voce italiana di Pasquale Anselmo.

Steve è il padre estraniato di Chuck ed Ellie Bartowski, ex-agente nonché scienziato della CIA latitante e geniale mente ideatrice dell'Intersect, fu costretto ad abbandonare la famiglia per poter sfuggire al governo.

Come molti personaggi interpretati da Scott Bakula[3] le sue iniziali sono le medesime dell'attore: "SB".

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Una delle principali ragioni che spinsero gli autori della serie a scegliere Bakula per interpretare Steve Bartowski fu l'impressionante somiglianza fisica tra questi e Zachary Levi, interprete di Chuck: alto, magro, asciutto e coi capelli arruffati, ricci e folti, sebbene di un colore maggiormente chiaro e diversi pollici più basso[4]. Il signor Bartowski appare come un uomo trasandato, dall'aspetto molto trascurato e disordinato, ma con dei tratti molto rassicuranti ed un'espressione principalmente pacifica seppur capace di trasmettere anche forti emozioni drammatiche[4].

Per lo più indossa pantaloni sgualciti, scarponi e t-shirt aderenti sopra le quali sfoggia camicie a scacchi lasciate rigorosamente aperte, o alla meglio giubbotti impermeabili; tuttavia in occasione del matrimonio di sua figlia Ellie indosserà un'elegante frac scuro accompagnandola all'altare.

Steve porta sempre al polso un computer estremamente potente capace di garantirgli l'accesso a qualsiasi sistema, simile per aspetto a quello indossato dai Predator.

Personalità[modifica | modifica sorgente]

Stephen si presenta come un uomo scarmigliato, paranoico, ed eccentrico, i suoi stessi figli, Chuck e Ellie lo ricordano come uno svitato; alcuni atteggiamenti, come la sua insistente affermazione di aver sviluppo il touchscreen, il televisore al plasma e svariate altre tecnologie, le quali sarebbero stategli in seguito sottratte da Ted Roark, non fanno che confermare quanto sostenuto dai figli. Sebbene in seguito tutto ciò si riveli essere vero[5].

Chuck ha affermato che né prima né dopo che la madre lasciò la famiglia Stephen fu molto presente per i figli e per questo i due consolidarono il loro rapporto e impararono a fare molto affidamento l'uno sull'altra. Nonostante li abbia abbandonati quando erano ancora molto piccoli, Steve ama molto i suoi figli, e tale gesto ne è la prova dato che lo fece unicamente per proteggerli da coloro che volevano la sua conoscenza. Egli stesso afferma di considerare i due come la migliore cosa che abbia mai fatto, a prescindere da tutte le sue straordinarie invenzioni[5].
La frase che rivolge più di frequente a suo figlio è: «Sei speciale, Chuck»[6].

Stephen, anche dopo essersi ricongiunto ai figli continua a vivere nella macchia e dunque lontano dalla famiglia, tuttavia grazie alla sua mente geniale e al suo carattere previdente riuscirà ancora a contattarli attraverso annunci sui giornali o altri sotterfugi. Appare spesso come ossessionato dalla tecnologia, prende molto in simpatia Devon in quanto uomo "tutto d'un pezzo" e per questo diverso e migliore di lui. È un grande fan di Tron, passione che trasmise al figlio regalandogli inoltre un poster della pellicola; il quale è l'elemento maggiormente di spicco nella scenografia della camera da letto del ragazzo.

Biografia del personaggio[modifica | modifica sorgente]

Antefatti[modifica | modifica sorgente]

Steve nacque il 1949, della sua giovinezza viene rivelato ben poco; ma lo si sa essere stato compagno di università di Ted Roark, il quale rubò tutte le sue idee migliori arricchendosi a sue spese. Poco tempo dopo fu arruolato dalla CIA come scienziato a causa della sua mente geniale, e con l'aiuto dei dottori Jonas Zarnow[7] e Howard Busgang[8] sviluppò il Progetto Intersect, volto allo sviluppo di un supercomputer capace di immettere informazioni nel cervello umano.

All'incirca in questo periodo conobbe e si innamorò di Mary E. Gunter, che sposò nei primi anni settanta e con cui andò a vivere a Burbank, California. Dalla donna, nel 1978, ebbe una figlia: Ellie, e in seguito, il 18 settembre 1981, un figlio: Chuck. Nonostante l'amore nutrito nei riguardi dei due non riuscì mai ad essere un padre molto presente per via del suo lavoro nella CIA.

Pochi anni dopo, durante una pausa mentre stava programmando l'Intersect, il figlio Chuck si sedette al suo computer e, per sbaglio scaricò i file dell'elaboratore nel suo cervello, accortosi che il suo progetto funzionava, nonché del fatto che il bambino non presentava alcun effetto collaterale Stephen rivolse per la prima volta al figlio la frase: «Sei speciale, Chuck»[9].

Dopo aver creato l'Intersect capirà il potenziale nefasto del suo progetto a seguito del caso Volkoff, quando il computer tramutò il mite scienziato Hartley Winterbottom in un terrorista sovietico, fatto dopo il quale la moglie si separò da lui per infiltrarsi nell'organizzazione terrorista nata dall'errore della CIA. Disgustato dal modo in cui il governo tentò di insabbiare la cosa Stephen si installò a sua volta il supercomputer nel cervello e fece poi perdere le sue tracce divenendo un latitante. Oltre alla CIA sulle sue tracce si metteranno sia la NSA, nella persona della Beckman, che gli agenti della Fulcrum.

Nonostante la sua fuga, anni dopo il governo riuscirà a creare una nuova versione del supercomputer. Stephen contatterà allora Bryce Larkin, il quale si guadagnò il suo rispetto per aver protetto Chuck dal reclutamento del governo alla Stanford University; egli gli fece promettere di non lasciar mai cadere il supercomputer neurale in mani sbagliate. Promessa che Bryce accettò di mantenere.

Seconda stagione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Episodi di Chuck (seconda stagione).

Nel momento in cui Chuck promette ad Ellie di rintracciare il padre poiché questi presenzi al suo matrimonio scoprirà che la sua ultima residenza nota fu a Las Vegas, Nevada. Tuttavia le sue ricerche si concluderanno in più buchi nell'acqua.

La prima apparizione di Stephen (come Orion) avviene nell'episodio Chuck vs. il Predator, dove si mette in contatto con Chuck al fine di rimuovergli l'Intersect dalla testa dopo che questo ha svolto una complicata ricerca per attirare la sua attenzione, il tentativo d'incontro tra i due sarà tuttavia ostacolato da un'imboscata di Vincent e della Beckman. Orion riuscirà a fuggire falsificando la sua morte, tuttavia prima di farlo lascerà al figlio le informazioni necessarie ad avviare una sua ricerva personale per rimuovere il computer dal suo cervello, inoltre gli intimerà di non fidarsi di Casey o Sarah.

Successivamente, a seguito di un'indagine non autorizzata di Sarah, Chuck riuscirà a trovare la località in cui è nascosto il padre in Chuck vs. Orion e a convincerlo, sebbene inizialmente riluttante, a tornare a casa per accompagnare Ellie all'altare. A seguito di una burrascosa riunione familiare, farà in modo che Chuck si infiltri assieme a lui nell'ufficio di Roark; rivelando di aver semplicemente fatto in modo che lo trovassero al fine di poter rimuovere l'Intersect al ragazzo nella sede della Roark Industries, dove la Fulcrum tenta di riprodurre il computer. Nel momento in cui i due vengono raggiunti dagli uomini di Roark, Stephen si separa dal figlio su ricatto dell'uomo, il quale ha intenzione di servirsi di lui per completare il computer. Prima di essere rapito dagli uomini dell'agenzia antigovernativa, Stephen ammetterà di essersi sbagliato su Sarah e Casey, nel vederli accorrere in soccorso del figlio.

Per salvare il padre dalle grinfie di Roark, Chuck farà un patto con Jill, restituendole la libertà in cambio delle informazioni per rintracciare il genitore. Saputo dell'acaduto la Beckman ordinerà l'interamento del giovane, a cui Sarah si opporrà decidendo di fuggire con lui. I due latitanti tuttavia, aiutati da Casey, troveranno il modo di sgominare i piani della Fulcrum e liberare Stephen, che nel processo riuscirà tramite un meccanismo a rimuovere il supercomputer dalla mente del figlio.

Successivamente parteciperà alle nozze di Ellie e tornerà in latitanza immediatamente dopo, continuando però a rimanere in contatto con la famiglia.

Terza stagione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Episodi di Chuck (terza stagione).

Steve riapparirà nuovamente verso la fine della terza stagione, poiché l'Anello, nella persona di Sullivan, igannerà Ellie al fine di contattarlo e farlo cadere in trappola, l'uomo però, invece che rivelare alla figlia il suo indirizzo si recherà da lei per visitarla; in tali circostanze scoprirà che Chuck ha scaricato nella sua mente l'Intersect 2.0 ed è rimasto nello spionaggio.

Sentendosi tradito Steve tornerà nella sua capanna tra i boschi, ma poco dopo verrà raggiunto dagli agenti dell'Anello; dopo essere stato salvato da Chuck e Sarah, l'uomo si chiarirà col figlio e capirà che il motivo per cui ha scaicato il supercomputer una seconda volta è il medesimo per cui l'uomo l'ha creato: aiutare la gente. Fiero delle azioni di Chuck, Stephen deciderà di aiutarlo a controllare l'energia in eccesso rilasciata dal computer tramite un dispositivo chiamato Il Governatore, motivo per il quale l'Anello lo aveva aggredito dal momento che ne necessitava per tenere a bada il supercomputer del loro Intersect umano: Daniel Shaw.

Dopo che, nell'episodio Chuck vs. la sconfitta, attraverso vari sotterfugi Shaw riesce a far passare l'intero Team Bartowski per traditori portando al loro arresto, Steve accompagnerà il figlio in loro soccorso col solo risultato di cadere in una trappola dell'Anello e venire ucciso da Shaw con un colpo di pistola al petto.

Stephen J. Bartowski morirà dunque tra le braccia del figlio dicendogli un'ultima volta: «Sei speciale, Chuck».

Abilità[modifica | modifica sorgente]

Steve è, nell'universo narrativo in cui è ambientata la serie, la mente più geniale della terra, capace di dar forma a tecnologie quasi fantascentifiche; come ad esempio il Progetto Intersect; tra le sue maggiori creazioni si possono tuttavia annoverare anche computer troppo sofisticati per essere hackerati[5], laboratori alimentati d'energia in maniera autonoma e terminali capaci di interfacciarsi con qualsivoglia apparecchiatura elettronica. Al pari del figlio dispone di una memoria eidetica che lo rende capace di visualizzare tutte le immagini contenute nell'Intersect, inoltre la sua conoscenza di elettronica e di informatica è tale da eclissare completamente quella di Chuck[5], sebbene affermi che un giorno potrebbe eguagliarlo. Anche senza usare uno dei suoi computer, non esiste sistema informatico che non possa crackare o sistema che non sappia manomettere[10].

Steve è inoltre un grande esperto di spionaggio, capace di sfuggire alla CIA per oltre 20 anni e di simulare perfino la propria morte qualora necessario[11]. La mente di Steve inoltre è capace di calcolare un ampio numero di variabili per cui anche dopo la morte ha lasciato una serie di gadget che all'occorrenza i figli riescono ad reperire tramite indizi disseminati dall'uomo prima della sua dipartita[12]. Possiede inoltre una notevole competenza in fatto di combattimento corpo a corpo.

Intersect umano[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Intersect.

L'acquisizione dell'Intersect gli consente attraverso stimolazione visiva da parte di volti, voci, immagini o parole chiave contenuti nei fascicoli segreti, di accedere a un'immensa quantità di segreti governativi e militari di CIA e NSA. Tali segreti sono classificati almeno come di livello 6 nella scala di sicurezza spionistica[13].

Essendo l'Intersect installato nel cervello di Steve un modello più antiquato, probabilmente il prototipo, degli altri utilizzati nella serie, i flash forniti da esso sono molto più lenti e dolorosi[14].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ È coetaneo di Ted Roark
  2. ^ NBC.com: Spy Dossiers
  3. ^ Vedi Sam Beckett in In viaggio nel tempo.
  4. ^ a b From Inside the Box
  5. ^ a b c d Chuck vs. Orion
  6. ^ Consuetudine citata già nel primo episodio per bocca di Ellie.
  7. ^ Chuck vs. l'elicottero
  8. ^ Chuck vs. Perseus
  9. ^ Chuck vs. l'Anello: Parte II
  10. ^ Chuck vs. l'Intersect
  11. ^ Chuck vs. il Predator
  12. ^ Chuck vs. la banca del male
  13. ^ Chuck vs. il diamante
  14. ^ Chuck vs. l'Anello

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione