Stephanus Zamosius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Stephanus Zamosius, latinizzazione di István Szamosközy (Cluj-Napoca, 1570Alba Iulia, 29 marzo 1612), è stato un umanista, storico e numismatico ungherese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Proveniente da una famiglia calvinista, completò i suoi studi a Heidelberg e Padova. Nel 1593 fece ritorno in Ungheria e iniziò a lavorare a Alba Iulia per l'archivio di corte della Transilvania. Qui iniziò a raccogliere materiale e a scrivere la sua opera principale sulla storia dell'Ungheria.

Stefano Bocskai lo nominò storiografo di corte.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • La sua storia d'Ungheria, rimasta incompleta, non fu mai pubblicata e parti di essa si sono disperse in molte copie manoscritte. Bethlen Farkas salvò le parti più cospicue nella sua storia della Transilvania. Modellò il proprio lavoro sull'esempio delle Rerum Ungaricarum decades di Antonio Bonfini. Szilagyi Sandor pubblicò i lavori di Szamosközy in quattro volumi (Szamosközy törteneti maradvanyai, Budapest, 1876-1880)
  • A Padova pubblicò una raccolta di iscrizioni romane in Dacia
  • È autore di un trattato numismatico
  • Hebdomanes
  • Pentates
  • Storia dell'anno 1594

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • István Szamosközy, Erdely Törtenéte (Storia della Transilvania), Budapest, 1963.
  • Kulcsár Péter, Humanista Történetírók (Storici umanisti), Budapest, Szépirodalmi Könyvkiadó, 1977.