Stephan Eicher

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Artista musicale}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Stephan Eicher (2002)

Stephan Eicher (Münchenbuchsee, 17 agosto 1960) è un cantautore svizzero.

È noto in particolar modo nella Svizzera italiana, in Francia ed in Germania.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato da padre jenisch e madre francese, è il secondogenito di una famiglia di tre figli maschi.

Nel 1985 l'artista comincia ad essere notato in Francia con una canzone intitolata Two people in a room (estratta dall'album I tell this night). Nel 1987 poi con Combien de temps (estratto da Silence).

Negli anni 1990, registra due album Engelberg e Carcassonne, che diventano entrambi dei successi internazionali. Come conseguenza, iniziano delle tournée europee, da cui viene tratto l'album Non ci badar, guarda e passa. A questo, fa poi seguito 1000 vies.

Nel 2001 esce il suo primo best of intitolato Hotel*S. Il 2002 lo vede cantare assieme a famosi gruppi francesi e corsi. L'anno successivo invece è il turno di Taxi Europa, disco in cui canta anche in lingua italiana.

Nel 2005 esce, non molto pubblicizzato, un album dal titolo Projet Solo. Due anni dopo, nel 2007, esce Eldorado.

Stephan Eicher negli anni è riuscito a conquistare l'Europa intera cantando in tedesco, svizzero tedesco, italiano, inglese, francese ed anche dialetto di Berna.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

  • 2012 - L'envolée
  • 2010 - Spielt Noise Boys (riedito + 2 titoli inediti come bonus track Hungriges Afrika e One Second Too Late)
  • 2009 - Traces (compilation con 4 CD)
  • 2007 - Eldorado
  • 2004 - Tour Taxi Europa (concerto)
  • 2003 - Taxi Europa
  • 2001 - Hotel's (compilation)
  • 1999 - Louanges
  • 1996 - 1000 vies
  • 1994 - Non ci badar, guarda e passa (doppio album + videocassetta "Guarda e passa")
  • 1993 - Carcassonne
  • 1991 - Engelberg
  • 1989 - My Place
  • 1987 - Silence
  • 1985 - I Tell This Night
  • 1983 - La chanson bleue
  • 1982 - Souvenir
  • 1980 - Grauzone
  • 1980 - Stephan Eicher Spielt the Noise Boys
  • 1979 - Les filles de Limmatquai
  • 1978 - Eisbär

I suoi riferimenti musicali[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 66651597 LCCN: no00059882

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie