Stenocereus thurberi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Stenocereus thurberi
Stenocereus thurberi.JPG
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Caryophyllales
Famiglia Cactaceae
Sottofamiglia Cactoideae
Tribù Pachycereeae
Genere Stenocereus
Specie S. thurberi
Nomenclatura binomiale
Stenocereus thurberi
(Engelm.) Buxb., 1961

Stenocereus thurberi (Engelm.) Buxb. 1961 (detta anche Marshallocereus) è una pianta della famiglia delle Cactaceae nativa del Messico.[1]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Lo S. thuberi è una cactacea dal fusto colonnare, ramificante appena sotto la base di color verde slavato. Presenta numerose coste, areole brune e dalle 5 alle 8 spine, dritte e sporgenti, di color nero.

In prossimità del suo apice, durante il periodo vegetativo (da aprile a giugno), possono sbocciare fiori dai colori sgargianti, rossi o viola, solitamente impollinati dai pipistrelli, seguiti dai frutti, rossi e dal sapore dell'anguria, grandi come una pallina da tennis.

La loro polpa, racchiusa da un guscio di spine, oltre che fornire cibo alla comunità degli indiani Seri (che chiama il cactus ool) è da questi utilizzato anche come medicina naturale.[2] Sebbene possa raggiungere fino ai 4 metri di altezza, è una pianta dal ciclo vitale molto lento, tanto che per raggiungere la piena maturità può impiegare, in media, fino ai 150 anni.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Stenocereus thurberi in The Plant List. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  2. ^ Felger, Richard, Moser, Mary B, People of the desert and sea: ethnobotany of the Seri Indians, Tucson: University of Arizona Press, 1985. ISBN 0-8165-0818-6.
  3. ^ Johnson, G. Mark, The Ultimate Desert Handbook, McGraw-Hill Professional, 26 marzo 2003, p. 27. ISBN 0-07-139303-X.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica