Stemma dell'Uruguay

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stemma dell'Uruguay

Lo stemma dell'Uruguay (in spagnolo, Escudo de Uruguay) è uno dei simboli nazionali del Paese sudamericano. Fu adottato con la legge del 19 maggio 1829 e successivamente modificato con la legge del 12 luglio 1906 e, da ultimo, con il decreto del 26 ottobre 1908[1][2]. In occasione di quest'ultima modifica, il governo approvò la versione definitiva, disegnata da Miguel Copetti e priva dei trofei militari dell'esercito e della marina, che fino ad allora campeggiavano nell'emblema nazionale[1].

Lo stemma uruguaiano è sormontato dal Sole di maggio, presente anche nella bandiera nazionale (oltre che nella bandiera e nello stemma dell'Argentina) e rappresentante la Rivoluzione di maggio (18-25 maggio 1810), l'evento storico che segnò l'avvio del processo di indipendenza di Uruguay e Argentina dalla Spagna. Ispirato alla rappresentazione della divinità incaica Inti, costituisce, altresì, un omaggio alle popolazioni indigene[1].

Lo stemma è quadripartito:

  • nel quarto in alto a sinistra, figura una bilancia dorata, simbolo di uguaglianza e di giustizia, su campo blu[2][3];
  • nel quarto in basso a sinistra, campeggia un cavallo nero su campo argentato, a simboleggiare la libertà[2][3];
  • nel quarto in alto a destra, figura un monte verde dominante il mare e sormontato da una torre, su campo argentato. Trattasi della rappresentazione della fortezza del quartiere montevideano del Cerro e simboleggia la forza[2][3];
  • nel quarto in basso a destra, è raffigurato, su campo blu, un bue dorato, simbolo di abbondanza[2][3].

Lo stemma è bordato da due rami, uno di alloro (a sinistra), simbolo di gloria, l'altro di olivo (a destra), simbolo di pace[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (ES) Símbolos Patrios in El Uruguayo. URL consultato il 24-04-2012.
  2. ^ a b c d e f Símbolos patrios de Uruguay in Escuela 11 de Melo. URL consultato il 24-04-2012.
  3. ^ a b c d (ES) Los símbolos nacionales in Aula Uruguay. URL consultato il 24-04-2012.
araldica Portale Araldica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di araldica