Stemma del Wisconsin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Seal of Wisconsin.svg
Stemma del Wisconsin
Vetrata decorativa nella Milwaukee City Hall

Il sigillo del Wisconsin è un sigillo usato dal segretario dello stato per autentificare tutti gli atti ufficiali del governatore, eccetto le leggi. Consiste nello stemma, con la scritta "Great Seal of the State of Wisconsin" sopra di esso e 13 stelle, rappresentanti degli stati fondatori, sotto di esso.

  • Sopra lo scudo:
    • Forward, ("Avanti") il motto;
    • un tasso.
  • Al centro , lo scudo:
    • in alto a sinistra: un aratro, rappresentante l'agricoltura;
    • in alto a destra: un piccone e una pala, rappresentanti le miniere;
    • in basso a sinistra: un braccio tenente un martello, rappresentante l'industria;
    • in basso a destra: un'ancora, rappresentante la navigasione,
    • in centro: lo scudo degli Stati Uniti, compreso il motto E Pluribus Unum
    • lo scudo è tenuto da un marinaio e un yeoman (considerato generalmente un minatore), rappresentanti il lavoro tanto in acqua che sulla terraferma.
  • Sotto lo scudo:
    • una cornucopia, rappresentante abbondanza e prosperità;
    • 13 lingotti di piombo, rappresentanti la ricchezza mineraria e i 13 stati fondatori.[1]

Il sigillo enfatizza l'industria mineraria e il trasporto navale. Al tempo della fondazione del Wisconsin nel 1848 le miniere di piombo e ferro erano la più grande industria del paese, che terminò all'inizio del XX secolo.[2] Lo stato è anche un importante nodo navale tra i Grandi Laghi e il Mississippi. Con l'avvento delle ferrovie verso la fine del XIX secolo, l'importanza navale diminuì.

Il Segretario di Stato è il tutore del sigillo, che viene posto in tutte le aule giudiziarie dello stato.

Sigilli governativi del Wisconsin[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ State of Wisconsin Blue Book 2007-2008, p. 962.
  2. ^ Iron Mining in Wisconsin in Board of Regents of the University of Wisconsin System, wisconsingeologicalsurvey.org. URL consultato il 21 settembre 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

araldica Portale Araldica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di araldica