Stella al mercurio-manganese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le stelle al mercurio-manganese sono un particolare tipo di stella peculiare che presentano una marcata linea spettrale a 398,4 nm[1] a causa dell'assorbimento di mercurio ionizzato.

Sono stelle di classe spettrale B8, B9 o A0 caratterizzate da un'abbondanza di elementi quali fosforo, manganese, gallio, stronzio, ittrio, zirconio, platino, mercurio accompagnata da un campo magnetico debole.

La loro rotazione è relativamente lenta e di conseguenza l'atmosfera relativamente tranquilla. La prevalenza degli effetti gravitazionali fa precipitare verso l'interno alcune tipologie di atomo e lascia emergere verso la superficie altri tipi sotto la spinta della pressione di radiazione determinando una composizione non omogenea della massa stellare.

Il prototipo di queste stelle è Alpheratz (α Andromedae). Le più luminose tra loro sono elencate nella tabella sottostante.

Nome Classe spettrale Magnitudine apparente
Alpheratz (α Andromedae) B8IVmnp +2,06
Gienah Gurab (γ Corvi) B8III +2,59
Maia (20 Tauri) B8III +3,87
χ Lupi B9IV +3,96
Muliphein (γ Canis Majoris) B8II +4,10
φ Herculis B9mnp +4,23
π1 Bootis B9p +4,91
ι Coronae Borealis A0p +4,98
κ Cancri A B8IIImnp +5,24
Dabih (β Capricorni B) B9.5III/IV +6,10

Fonte: Classe spettrale e magnitudine apparente dalla base dati SIMBAD.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Mercury-manganese star. The internet Encyclopedia of Science