Stefano Lentini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stefano Lentini
Stefano Lentini
Stefano Lentini
Nazionalità Italia Italia
Genere Colonna sonora
Indie rock
Baroque pop
Folk rock
Musica elettroacustica
Alternative rock
Periodo di attività 1999 – in attività
Album pubblicati 8
Studio 8
Live 0
Raccolte 0
Sito web

Stefano Lentini (Roma, 26 novembre 1974) è un compositore italiano. Scrive colonne sonore per cinema e televisione. È uno dei due compositori italiani rappresentati da The Gorfaine/Schwartz Agency insieme a nomi come John Williams, Thomas Newman, James Newton Howard. Ha collaborato alla colonna sonora del film The Grandmaster di Wong Kar Wai, candidato a due Premi Oscar. Ha firmato le musiche di numerosi film prodotti per Rai Uno tra cui la serie televisiva Braccialetti rossi diretta da Giacomo Campiotti e Non è mai troppo tardi, Bakhita, Il sorteggio. Tra i documentari, ha composto la colonna sonora di "Sfiorando il muro", selezionato alla 69ma Mostra del Cinema di Venezia e Skin Deep (SBS), Einer Von Uns (ZDF, ORF). Ha scritto numerose musiche per la trasmissione televisiva Ballarò e per il corto-beffa La Nuova Armata Brancaleone firmato da Mario Monicelli. Ha tenuto corsi di Musica per il cinema presso l'Istituto di Stato per la Cinematografia e la televisione "Roberto Rossellini" di Roma.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Roma nel 1974, il suo primo strumento è stato una chitarra classica costruita dal nonno falegname. Fin da piccolo compone e incide i suoi brani utilizzando un Registrazione multitraccia Fostex X-33. Il suo esordio risale agli anni novanta al Folkstudio di Roma come chitarrista insieme alla cantante Laura Polimeno. In seguito all'esperienza come cantore nel Coro della Basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri di Roma scrive la sua prima opera per coro nel 1995. Conosce nello stesso periodo il chitarrista folk inglese John Renbourn da cui viene influenzato nell'uso di accordature non convenzionali. Laureato in Antropologia culturale, ha studiato Etnomusicologia presso la School of Oriental and African Studies di Londra.

La sua prima opera per pianoforte e orchestra 84 Urne viene eseguita nel 2004 dalla "Bacău "Mihail Jora" Philharmonic Orchestra" diretta da Marco Morrone. La sua musica è stata eseguita in Italia, Romania, Spagna, Irlanda, Svezia, Germania, Inghilterra, Grecia, Messico, Costa Rica, Australia e presso la "Fryderyk Chopin Music Academy" di Varsavia in Polonia.

Interessato allo sviluppo di linguaggi personali è un grande catalizzatore di generi e stili, capace di mescolare peculiarità della musica colta e popolare. Nelle sue composizioni utilizza strumenti della musica colta e strumenti etnici, la pipa (liuto cinese), il bansuri (flauto indiano), il daf, lo zarb, il duduk, la darbuka. La sua musica è stata definita "capace di far respirare con rispetto ed incanto per ogni molecola d'ossigeno" perché ricca di particolari preziosi e nascosti capaci di svelare universi musicali sempre inediti. Di Lentini è riconosciuta la capacità di trattare la musica da film come una materia sempre in divenire lontana dalle formule estetiche predefinite. Ha collaborato alla colonna sonora del film The Grandmaster di Wong Kar Wai presentato in anteprima europea al Festival internazionale del cinema di Berlino e candidato a due Premi Oscar nel 2014. Ha firmato numerose colonne sonore per cinema e televisione tra cui i film Il sorteggio e Bakhita di Giacomo Campiotti, i documentari "Skin Deep", "Death at Dawn", "Einer von Uns" e "Sfiorando il muro" di Silvia Giralucci e Luca Ricciardi, selezionato alla 69ma Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica. Ha scritto le musiche per la trasmissione televisiva Ballarò e per il corto La Nuova Armata Brancaleone di Mario Monicelli. Ha pubblicato diversi album tra cui: Shooting Silvio (C.A.M. Original Soundtracks), Il sorteggio (Rai Trade), Cinematic Soundscape e Tango & Popular Vibes (Rai). Ha tenuto corsi di Musica per il Cinema presso "l'Istituto di Stato per la Cinematografia e la televisione Roberto Rossellini" di Roma. Come giornalista collabora con la rivista italiana "Sound & Lite" dove ha fondato la rubrica "Indipendenti dentro".

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Il suo album Stabat Mater (As Seen in Wong Kar Wai's "The Grandmaster") è attualmente nella Top 10 iTunes nella sezione "Colonne Sonore Originali" in Belgio, Francia, Taiwan, Hong Kong.

Colonne sonore[modifica | modifica sorgente]

Collaborazioni[modifica | modifica sorgente]

  • Excellent Cadavers (In un altro paese), regia: Marco Turco, Fandango (2005)
  • Family Game, regia: Alfredo Arciero, RAI Cinema (2008)
  • Oltre la rabbia e l'orgoglio, regia: Giosuè Boetto Cohen, RAI Educational (2010)
  • Gli Arbëreshë del Parco, regia: Gianpiero Capecchi, Wesson & Boyle (2010)
  • What did I do last night, regia: Trtistan Anderson, BBC (2011)
  • Mussolini, il cadavere vivente, regia: Fedora Sasso, RAI (2012)
  • 150 Le Storie d'Italia, regia: Giovanni De Luna, Gush (2012)
  • Just a Few Drinks, regia: Trtistan Anderson, BBC (2012)
  • Maria di Nazareth, regia: Giacomo Campiotti, RAI Fiction (2012)

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album[modifica | modifica sorgente]

  • Stabat Mater - As Seen in Wong Kar Wai's "The Grandmaster" Milan Records, Warner Classics (2013)
  • Watanka Musiche Originali della Serie Televisiva Braccialetti rossi, Edizioni Curci (2014)
  • Non è mai troppo tardi Musiche Originali della Mini-serie Televisiva, RAI (2014)
  • Cinematic Soundscape Soundtrack, RAI (2011)
  • Tango & Popular Vibes Soundtrack, RAI (2011)
  • Il sorteggio Original Soundtrack Motion Picture, RAI (2010)
  • BAKHITA Original Motion Picture Soundtrack, RAI (2009)
  • Una piccola piccola storia, Le Disco de Rondone (2009)
  • Shooting Silvio Original Soundtrack, C.A.M. Original Soundtracks (2007)
  • Soundtrack Sampler, Various Artists, C.A.M. Original Soundtracks (2007)
  • Soundtrack Sampler, Various Artists, C.A.M. Original Soundtracks (2006)
  • Super Naim Experience, SNE (1999)

Collaborazioni[modifica | modifica sorgente]

  • Marte Live Compilation, Various Artists, Procult (2004)
  • In un altro Paese OST, C.A.M. Original Soundtracks (2005)
  • Fiorenza, CNR Entertainment (2009)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]