Stefano Dicuonzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stefano Dicuonzo
Di Cuonzo.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 179[1] cm
Peso 75[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Squadra Pisa Pisa
Carriera
Giovanili
2002-2006 Juventus Juventus
Squadre di club1
2005-2006 Juventus Juventus 0 (0)
2006-2007 Ravenna Ravenna 23 (1)
2007-2008 Pro Sesto Pro Sesto 7 (0)
2008-2009 Pro Patria Pro Patria 9 (0)
2009-2010 Catanzaro Catanzaro 31 (1)[2]
2010-2013 Juve Stabia Juve Stabia 99 (3)
2013-2014 Grosseto Grosseto 8 (0)
2014 Benevento Benevento 9 (0)[3]
2014- Pisa Pisa 0 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 18 maggio 2014

Stefano Dicuonzo (Torino, 19 settembre 1985) è un calciatore italiano, difensore del Pisa.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

È un calciatore dotato di una buona velocità, abile sia a difendere che attaccare. Infatti, può giocare da esterno sia sulla fascia destra che sinistra e si adatta nel modulo 3-4-3 come esterno di centrocampo, o nel 4-4-2 come terzino.[senza fonte]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Le giovanili alla Juventus[modifica | modifica sorgente]

Dicuonzo ha iniziato la sua carriera di calciatore alla Juventus settore giovanile, nel 1996. Si è fatto strada fino alla Primavera Squadra, quando per la stagione 2005-2006, in cui la Juventus vince il secondo scudetto consecutivo[4], Dicuonzo viene spesso convocato per la prima squadra ed allenato da Fabio Capello. Trascorre tutta l'estate 2006 alla Juventus in prima squadra partecipando anche al ritiro pre campionato.

Le varie esperienze in Lega Pro[modifica | modifica sorgente]

Dopo il ritiro con la Juventus, per la stagione 2006-2007, Dicuonzo si trasferisce al Ravenna con la formula della comproprietà[5]. Gioca da titolare ben 23 partite segnando anche il suo primo gol da professionista e contribuendo così, a far arrivare la sua squadra prima nel girone ed alla successiva promozione in Serie B.

Il 23 luglio 2007 viene ceduto alla Pro Sesto sempre in Serie C1, per la stagione 2007-2008. Quest'ultima si rivela una stagione poco felice per il calciatore, dato che colleziona solo infortuni che lo portano a giocare solo sette partite.

Nel tentativo di rilanciare la propria carriera sportiva, l'anno successivo firma con la Pro Patria, anch'essa militante in Prima Divisione. Ma colleziona solo 9 presenze, sempre per via degli infortuni. Così viene ceduto a titolo definitivo, per la stagione 2009-2010, al Catanzaro[6] in Seconda Divisione dove finalmente disputa una stagione da protagonista giocando 32 partite e siglando una rete. A fine campionato la squadra si classifica al secondo posto ma perde i play off contro la Cisco Roma.

Il passaggio alla Juve Stabia e l'esordio in Serie B[modifica | modifica sorgente]

Dopo la splendida stagione passata al Catanzaro, firma con la Juve Stabia un contratto che lo lega fino a giugno 2011[7]. Con la Juve Stabia allenata da Piero Braglia, disputa un'altra annata da protagonista, dato che vince la Coppa Italia Lega Pro ed inoltre con le vespe va ai play off (poi vinti), ma a quali non prenderà parte per una squalifica di sei giornate[8]. Per la stagione 2011-2012 rinnova con la Juve Stabia anche in Serie B. Con le vespe allenate sempre da Piero Braglia, disputa un altro campionato da titolare come terzino sinistro nel 4-4-2. Termina la stagione con 40 presenze su 42 giornate di Serie B, quindi gioca quasi tutto il campionato.

Per la stagione 2012-2013, in virtù della nuova regola introdotta dalla Lega Serie B sui numeri di maglia, è costretto a cambiare numerazione, e sceglie la maglia numero 19. Il 17 novembre 2012, in occasione della 15ª giornata, sigla la rete della vittoria in Spezia-Juve Stabia (2-3). A fine stagione scade il suo contratto con la Juve Stabia, e non rinnovandolo, resta svincolato.

Il ritorno in Lega Pro[modifica | modifica sorgente]

Il 2 settembre 2013 firma con il Grosseto in Lega Pro Prima Divisione[9], in quattro mesi colleziona 8 presenze.

A metà stagione Dicuonzo decide di cambiare casacca e il 10 gennaio 2014 si trasferisce al Benevento, disputando 9 partite in campionato più 2 ai play-off.

Nel luglio 2014 passa al Pisa ancora in Lega Pro.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 18 maggio 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2005-2006 Italia Juventus A 0 0 CI 0 0 - - - - - - 0 0
2006-2007 Italia Ravenna C1 22 1 CI-C 5 0 - - - SL-C1 2 0 29 1
2007-2008 Italia Pro Sesto C1 7 0 CI-C 3 0 - - - - - - 10 0
2008-2009 Italia Pro Patria 1D 9 0 CI-LP 0 0 - - - - - - 38 1
2009-2010 Italia Catanzaro 2D 31+4[10] 1 CI-LP 3 0 - - - - - - 38 1
2010-2011 Italia Juve Stabia 1D 26 1 CI+CI-LP 0+6 0 - - - - - - 32 1
2011-2012 B 40 0 CI 0 0 - - - - - - 40 0
2012-2013 B 33 2 CI 3 0 - - - - - - 35 2
Totale Juve Stabia 99 3 9 0 - - - - 108 3
set. 2013-gen. 2014 Italia Grosseto 1D 8 0 CI+CI-LP 0+4 0 - - - - - - 12 0
gen.-giu. 2014 Italia Benevento 1D 9+2[10] 0 CI+CI-LP - - - - - - - - 11 0
Totale carriera 185+6 5 24 0 - - 2 0 217 5

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni giovanili[modifica | modifica sorgente]

Juventus: 2005-2006

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Ravenna: 2006-2007
Juve Stabia: 2010-2011

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Stefano Dicuonzo, ssjuvestabia.it. URL consultato il 30 settembre 2012.
  2. ^ 35 (1) se si comprendono i play-off.
  3. ^ 11 (0) se si comprendono i play-off.
  4. ^ (IT) Alessio Calfapietra, Juventus Primavera: le perle dei campioni d'Italia, tuttomercatoweb.com, 9 giugno 2006. URL consultato il 1º ottobre 2012.
  5. ^ (IT) Francesco Letizia, UFFICIALE: Ravenna e Juventus, il futuro di Cavagna e Di Cuonzo, tuttomercatoweb.com, 25 giugno 2008. URL consultato il 1º ottobre 2012.
  6. ^ (IT) Andrea Zamalena, UFFICIALE: Catanzaro, ecco Di Cuonzo, tuttomercatoweb.com, 31 luglio 2009. URL consultato il 30 settembre 2012.
  7. ^ (IT) Antonio Vitiello, UFFICIALE: Di Cuonzo alla Juve Stabia, tuttomercatoweb.com, 31 agosto 2010. URL consultato il 30 settembre 2012.
  8. ^ (IT) Alessio Calfapietra, Schiaffo all'arbitro, sei turni stop, tuttomercatoweb.com, 3 maggio 2011. URL consultato il 1º ottobre 2012.
  9. ^ (IT) Maurizio Ribechini, Tutti i colpi di mercato dell'ultim'ora delle toscane di Lega Pro, Radiobrunotoscana.it, 3 settembre 2013. URL consultato il 6 settembre 2013.
  10. ^ a b Play-off.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]