Stefan III Branković

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Monarca}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Santo}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Stefan III Branković.

Stefan IV Branković (... – Belgrado di Varmo, 9 ottobre 1476) è stato per un breve periodo signore della Serbia, o Rascia, come era chiamata allora.

È venerato come santo dalla Chiesa ortodossa serba.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fratello minore di Lazar II Brankovic, pare fosse cieco e perciò rimase escluso dalla linea di successione fino a quando tutti i suoi parenti maschi non furono morti.

Fu incoronato despota di Serbia dopo la morte di Lazar. L'8 aprile 1458 il Re d'Ungheria Mattia I e il re di Bosnia Stefano Tommaso lo detronizzarono e incoronarono il figlio di quest'ultimo, Stefano Tomaševic.

Quando la Serbia fu conquistata dagli Ottomani il figlio di Stefano, Jovan di Rascia, condusse i rifugiati serbi nel sud del Paese. Lì fu riconosciuto come Principe dei Serbi.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Stefan e Angelina Arianit Komneni ebbero cinque figli:

  • Jovan (-1502);
  • Đorđe (-1516);
  • Irene;
  • Maria (1466-1495), sposò il marchese del Monferrato Bonifacio III;
  • Milica (-1554), sposò il voivoda di Valacchia Basarab V Neagoe.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Despota serbo Successore
Lazar II Brankovic 1458-1459 Stjepan Tomašević