Ferrovie eritree

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Stazioni ferroviarie dell'Eritrea)
La rete delle ferrovie eritree durante l'epoca coloniale italiana

Le ferrovie eritree sono i resti delle linee costruite durante l'occupazione italiana. Si limitano attualmente alla sola tratta Massaua – Asmara, anche se è allo studio un prolungamento della stessa fino a Cheren. Essendo di derivazione coloniale, si tratta di una rete a scartamento ridotto di collegamento tra la costa e l'interno.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ferrovia Massaua-Saati.

La prima ferrovia in Eritrea venne costruita dall'Italia per ragioni militari nel 1888. I lavori iniziarono con il generale Tancredi Saletta nel 1887 e proseguirono con il generale Alessandro Asinari di San Marzano[1]. Essa, a scartamento ridotto, partiva da Massaua per arrivare alle fortificazioni di Saati (poco dopo Dogali), rioccupate dagli italiani il 1º febbraio 1888. La ferrovia, completata il 15 marzo 1888, era lunga 26 km. Guidava i lavori l'ingengner Olivieri.

In passato è stata in funzione la ferrovia Asmara – Biscia, prolungamento della precedente, costruita dal 1914 al 1922 e chiusa nel 1978.

I progetti prevedevano due prolungamenti verso Tessenei e Om Ager, in direzione rispettivamente del Sudan Anglo-Egiziano e dell'Etiopia.

Alla fine degli anni trenta, all'interno del porto di Assab furono costruiti alcuni raccordi ferroviari, in previsione di un collegamento verso Dessiè e Addis Abeba, anch'esso mai costruito.

Attualmente in Eritrea è in funzione una sola linea ferroviaria, la Massaua – Asmara, costruita ed aperta al traffico tra il 1901 ed il 1911, chiusa nel 1978, e successivamente riattivata fra il 1994 e il 2003.

Tratte[modifica | modifica wikitesto]

Massaua – Asmara[2][modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ferrovia Massaua-Asmara.

La tratta fu aperta tra il 1901 ed il 1911. Fu subito etichettata come "un trionfo dell'ingegneria italiana"[3].

Attualmente solo le stazioni di Massaua e Asmara svolgono servizio viaggiatori.

Nome Immagine Progressiva
chilometrica
Altitudine
(m s.l.m.)
Voce Coordinate
Massaua Massawa station - 2008-10-31.jpg 0+000 2,50 Stazione di Massaua 15°36′23.57″N 39°27′58.19″E / 15.606546°N 39.466163°E15.606546; 39.466163
Campo di Marte 2+800 8,99 15°36′51.76″N 39°26′42.37″E / 15.614378°N 39.445102°E15.614378; 39.445102
Otumlo 4+600 10,86 15°37′24.23″N 39°25′58.84″E / 15.623398°N 39.433011°E15.623398; 39.433011
Moncullo Moncullo station - 2008-10-30.jpg 7+700 29,75 15°36′37.48″N 39°24′31.82″E / 15.61041°N 39.408839°E15.61041; 39.408839
Dogali Dogali station - 2008-10-31.jpg 19+600 100,45
Mai Atal Mai Atal station - 2008-10-31.jpg 29+400 180,62 15°34′05.76″N 39°14′33.96″E / 15.568268°N 39.242767°E15.568268; 39.242767
Damas Damas station - 2008-10-31.jpg 45+000 416,00 15°28′34.33″N 39°12′28.63″E / 15.476202°N 39.207952°E15.476202; 39.207952
Baresa Baresa station - 2008-10-31.jpg 57+100 600,00 15°24′05.12″N 39°11′05.2″E / 15.401421°N 39.184778°E15.401421; 39.184778
Ghinda Ghinda station - 2008-11-02.jpg 69+400 888,00 15°26′19.08″N 39°06′05.21″E / 15.438634°N 39.101447°E15.438634; 39.101447
Embatkallà Embatkalla station - 2008-11-02.jpg 81+100 1.273,50 15°24′01.58″N 39°04′26.29″E / 15.400438°N 39.07397°E15.400438; 39.07397
Nefasit Nefasit station - 2008-10-30.jpg 93+000 1.671,65 15°20′06.76″N 39°03′47.79″E / 15.335212°N 39.063274°E15.335212; 39.063274
Arbaroba Arbaroba station - 2008-11-04.jpg 104+900 2.064,00 15°20′48.33″N 39°00′26.71″E / 15.346758°N 39.007419°E15.346758; 39.007419
Asmara Asmararailwaystation.jpg 117+600 2.342,00 Stazione di Asmara 15°20′20.17″N 38°56′57.56″E / 15.338936°N 38.949323°E15.338936; 38.949323

Asmara - Cheren[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ferrovia Asmara-Biscia.
Stazione ferroviaria di Cheren, ora usata per servizio autobus e mercato regionale

Questa tratta fu attivata tra il 1914 ed il 1923. Attualmente il governo eritreo ne progetta la riattivazione.

Nome Distanza[4] + !Progressiva
chilometrica

- !Altitudine[4]

Altitudine[4] Coordinate
Tzada Cristian 127,2 km (79,0 mi) 2.292 m (7.520 ft)
Zazzega 136,8 km (85,0 mi) 2.217 m (7.274 ft) 15°21′29.45″N 38°48′37.07″E / 15.35818°N 38.810298°E15.35818; 38.810298
Dem Sabai 148,5 km (92,3 mi) 1.988 m (6.522 ft) 15°24′44.85″N 38°46′05.36″E / 15.412457°N 38.768156°E15.412457; 38.768156
Andenna 156,6 km (97,3 mi) 1.907 m (6.257 ft) 15°27′58.67″N 38°45′05.18″E / 15.466296°N 38.75144°E15.466296; 38.75144
Abrascico 164,9 km (102,5 mi) 1.783 m (5.850 ft) 15°30′31.42″N 38°44′08.64″E / 15.508728°N 38.735733°E15.508728; 38.735733
Amba Derho 176,3 km (109,5 mi) 1.688 m (5.538 ft)
Furkuto 185,7 km (115,4 mi) 1.635 m (5.364 ft)
Elabered 195,3 km (121,4 mi) 1.468 m (4.816 ft) 15°40′55″N 38°36′53.04″E / 15.681944°N 38.614733°E15.681944; 38.614733
Halib Mentel 209,9 km (130,4 mi) 1.423 m (4.669 ft) 15°44′43.43″N 38°32′50.17″E / 15.745398°N 38.54727°E15.745398; 38.54727
Cheren 221,7 km (137,8 mi) 1.390 m (4.560 ft) 15°46′37.22″N 38°27′12.18″E / 15.777005°N 38.453382°E15.777005; 38.453382

Cheren - Agordat[modifica | modifica wikitesto]

Le tratta fu aperta tra il 1925 ed il 1928. Attualmente è quasi tutta scomparsa (in alcuni casi distrutta nella seconda guerra mondiale) e/o riutilizzata per altri scopi.

La Stazione ferroviaria di Agordat, che fu costruita in stile arabesco, viene usata attualmente per il piccolo locale aeroporto
Nome Distanza[4] Altitudine[4]
Asciadira 232,7 km (144,6 mi) 1.204 m (3.950 ft) 15°45′48.64″N 38°23′25.72″E / 15.76351°N 38.390479°E15.76351; 38.390479
Hummed 245,7 km (152,7 mi) 935 m (3.068 ft) 15°44′19.9″N 38°19′25.6″E / 15.738862°N 38.323778°E15.738862; 38.323778
Agat 253,3 km (157,4 mi) 864 m (2.835 ft)
Darotai 262,5 km (163,1 mi) 795 m (2.608 ft)
Mai Adarte 15°39′19.2″N 38°08′01.15″E / 15.655334°N 38.133652°E15.655334; 38.133652
Umfutat 284,6 km (176,8 mi) 669 m (2.195 ft)
Carobel 296,4 km (184,2 mi) 677 m (2.221 ft)
Agordat 306,4 km (190,4 mi) 606 m (1.988 ft) 15°32′45.91″N 37°52′52.29″E / 15.546087°N 37.881192°E15.546087; 37.881192

Oltre Agordat[modifica | modifica wikitesto]

Oltre Agordat i binari raggiunsero Biscia nel 1932, per altri 31 km di percorso. Vi erano progetti di continuare la ferrovia fino a Cassala, nel Sudan, da parte delle autorità italiane negli ultimi anni trenta. Furono fatti i ponti della tratta Biscia-Tesseney, e la muratura della Stazione di Tesseney vicino al confine sudanese, ma le rotaie non furono sistemate a causa dell'inizio delle ostilità nel 1940.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Angelo Del Boca, Gli italiani in Africa Orientale Vol.1, Milano 1992, p.265, 278, 284-290
  2. ^ Schema della linea riprodotto qui e qui.
  3. ^ (EN) Eritrean Railway reconstruction achievements
  4. ^ a b c d e Railways Administration in Eritrea, Imperial Ethiopian Government, 16 novembre 1965.
  5. ^ (EN) http://www.eritrea.be/railway.htm Ferrovia eritrea

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Bartolozzi, Treni italiani in Eritrea, in "I Treni Oggi" n. 37 (marzo 1984).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]