Stazione sperimentale per l'industria delle conserve alimentari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

44°48′12.9″N 10°20′22.8″E / 44.803583°N 10.339667°E44.803583; 10.339667

La Stazione sperimentale per l'industria delle conserve alimentari, in acronimo SSICA è una azienda speciale della Camera di commercio di Parma.[1][2][3][4][5][6][7]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Istituita come ente pubblico di ricerca applicata, scientifica e tecnologica nel 1922. La Stazione, con decreto legislativo 29 ottobre 1999, n. 540 è stata successivamente trasformata in ente pubblico economico.[8]

Il decreto attuativo della legge n. 99 del 23 luglio 2009 sul riordino delle stazioni sperimentali per l'industria - che prevedeva la soppressione e l'accorpamento della Stazione sperimentale per le industrie delle essenze e dei derivati dagli agrumi, con sede a Reggio Calabria, alla SSICA[9][10][11] - è stato superato dalla manovra economica straordinaria del maggio 2010 (Decreto-legge 78/2010) che prevede la soppressione di tutte le Stazioni Sperimentali. I compiti e attribuzioni della SSICA sono passati alla Camera di commercio di Parma.[1][2][3]

Il decreto interministeriale attuativo del 1 aprile 2011 ha fissato i tempi e modalità di trasferimento dei compiti e delle attribuzioni, del personale e delle risorse strumentali e finanziarie della soppressa SSICA alla rispettiva Camera di commercio.[12][13][14]

Il 5 aprile 2013 il Giudice del lavoro del Tribunale di Nocera Inferiore ha accolto il ricorso presentato dai dipendenti della sede periferica di Angri contro la CCIAA di Parma, accertati e dichiarati trasferiti ope legis i rapporti di lavoro subordinato a tempo indeterminato, intercorrenti tra i ricorrenti e la soppressa Stazione Sperimentale SSICA, alla Camera di Commercio di Parma, a decorrere dall'entrata in vigore del D.L. 31.05.2010 n.78. La sentenza ha precisato che l'Azienda speciale costruita ad hoc dalla CCIAA di Parma debba ritenersi una mera modalità organizzativa e gestionale dei servizi, ma non costituisce un nuovo ed autonomo soggetto giuridico nel quale far confluire direttamente i dipendenti della soppressa Stazione Sperimentale.[15][16]

La struttura[modifica | modifica sorgente]

Nei laboratori tecnologici disposti su una superficie di 16.000 m², lavorano più di 100 ricercatori.

Gli obiettivi della Stazione[modifica | modifica sorgente]

La stazione promuove il progresso tecnico e tecnologico dell’industria conserviera italiana trasformatrice di frutta, ortaggi, carne, pesce e si colloca fra le più importanti istituzioni di ricerca applicata nel settore della conservazione degli alimenti esistenti in Europa e nel mondo con una sede periferica attiva dal 1987 ad Angri in provincia di Salerno[17][18]. La Stazione ospita anche il nuovo organismo unico nazionale per lo sviluppo della ricerca nell’agroalimentare (vedi Consorzio Italiano per la Sicurezza e la Ricerca sulla qualità degli Alimenti)[19].

L'allestimento del laboratorio diossine e microinquinanti (in collaborazione con la Stazione sperimentale per le industrie delle essenze e dei derivati dagli agrumi -SSEA- con sede a Reggio Calabria[20]) è stato definitivamente annullato con la trasformazione della Stazione in azienda speciale, in quanto non rientrante tra i compiti e gli obiettivi della stessa azienda speciale SSEA.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Stazione sperimentale conserve confluirà in Camera commercio, Repubblica.it, 28-05-2010.
  2. ^ a b Decreto - Legge n. 78 del 31 maggio 2010 recante Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Supplemento ordinario n. 114 del 31 maggio 2010.
  3. ^ a b Decreto-legge 31/05/2010, n.78 - Allegato 2
  4. ^ La Stazione Sperimentale delle Conserve Alimentari diventa Azienda Speciale.
  5. ^ La Stazione sperimentale conserve diventa Azienda Speciale, Repubblica.it, 15-06-2010.
  6. ^ La Stazione Sperimentale Conserve Alimentari diventa Azienda Speciale, Camera di Commercio di Parma, 15-06-2010.
  7. ^ Decreto Interministeriale 1 aprile 2011 - Tempi e modalità di trasferimento dei compiti e delle attribuzioni, del personale e delle risorse strumentali e finanziarie delle soppresse Stazioni Sperimentali per l'industria., Ministero dello Sviluppo Economico e Ministero dell'Economia e delle Finanze, 1 aprile 2011.
  8. ^ Decreto legislativo 29 ottobre 1999, n. 540 Riordino delle stazioni sperimentali per l'industria, a norma dell'articolo 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59
  9. ^ Il riordino delle stazioni sperimentali rischia di penalizzare l'ente reggino, Gazzettadelsud.it, 24 aprile 2010.
  10. ^ Allarme Stazione Sperimentale: quasi certa la fusione con Parma, Strill.it, 15 aprile 2010.
  11. ^ A monte della crisi della Stazione Sperimentale per le Essenze, Strill.it, 19 aprile 2010.
  12. ^ Relazione Illustrativa decreto trasferimento funzioni ex SSI. Versione Definitiva, firmata., Ministero dello Sviluppo Economico e Ministero dell'Economia e delle Finanze, 1 aprile 2011.
  13. ^ Decreto Interministeriale 1 aprile 2011 - Tempi e modalità di trasferimento dei compiti e delle attribuzioni, del personale e delle risorse strumentali e finanziarie delle soppresse Stazioni Sperimentali per l'industria., Ministero dello Sviluppo Economico e Ministero dell'Economia e delle Finanze - Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 141, 20 giugno 2011.
  14. ^ Decreto Interministeriale 1 aprile 2011 (PDF)
  15. ^ Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura Parma - Determinazione del Segretario Generale N. 147 del 12-12-2012, Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Parma, 12 dicembre 2012. URL consultato il 15 giugno 2013.
  16. ^ Tribunale di Nocera Inferiore - Sezione Lavoro - Causa N. 1361-2012 Ruolo gen. - Sentenza del 5 aprile 2013
  17. ^ Fonte dal sito SSICA
  18. ^ Angri. Ancora incertezze sulla Stazione Sperimentale in Agro24, 18 febbraio 2011.
  19. ^ Comunicato stampa della Provincia di Parma emesso il 17 settembre 2007
  20. ^ Ricerca e selezione SSEA

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


agricoltura Portale Agricoltura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di agricoltura