Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Stazione di Sugamo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sugamo 
巣鴨
stazione ferroviaria
Edificio della stazione
Edificio della stazione
Stato Giappone Giappone
Localizzazione Toshima, Tokyo
Coordinate 35°44′00.04″N 139°44′22.19″E / 35.733344°N 139.739497°E35.733344; 139.739497Coordinate: 35°44′00.04″N 139°44′22.19″E / 35.733344°N 139.739497°E35.733344; 139.739497
Attivazione 1903
Stato attuale In uso
Tipo Stazione di superficie, passante (JR East) e sotterranea (metropolitana)
Passeggeri
al giorno
all'anno
Fonte: Tutti gli operatori
122.690 (2010)
Binari 2+2
Interscambi Subway TokyoMita.png Linea Mita e bus
Mappa di localizzazione: Tokyo
Sugamo 
Sugamo 

La Stazione di Sugamo (巣鴨駅 Sugamo-eki?) è una stazione ferroviaria di Tokyo, si trova nel quartiere di Toshima. È frequentata da una media di 122.000 utenti al giorno (JR e metropolitana).

Linee[modifica | modifica wikitesto]

Treni[modifica | modifica wikitesto]

Metropolitana[modifica | modifica wikitesto]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Stazione JR East[modifica | modifica wikitesto]

La stazione JR East è servita dalla linea Yamanote con due binari e una banchina centrale a isola. Nel corso del 2013 saranno installate porte di banchina a metà altezza per proteggere l'accesso ai binari.[1]

1 Linea Yamanote per Ueno, Tokyo e Shimbashi
2 Linea Yamanote per Ikebukuro, Shinjuku e Shibuya

Stazione Tokyo Metro[modifica | modifica wikitesto]

La stazione della linea Namboku della Tokyo Metro è sotterranea, con una banchina centrale a isola dotata di porte di banchina per proteggere l'accesso ai binari.

1 Subway TokyoMita.png Linea Mita per Ōtemachi, Meguro e Hiyoshi
2 Subway TokyoMita.png Linea Mita per Nishi-Takashimadaira

Stazioni adiacenti[modifica | modifica wikitesto]

« Servizio »
Linea Yamanote
Ōtsuka Locale Komagome
Linea Mita
Sengoku Locale Nishi-Sugamo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (JA) グループ経営構想Ⅴ [Group Business Vision V] (PDF), Japan, East Japan Railway Company, 30 ottobre 2012, p. 10. URL consultato l'8 novembre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]