Stazione di Sōen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Coordinate: 43°04′15″N 141°19′55″E / 43.070833°N 141.331944°E43.070833; 141.331944

Sōen
桑園
stazione ferroviaria
Soen station 01.jpg
Stato Giappone Giappone
Localizzazione Nishi-ku, Sapporo
Attivazione 1914
Stato attuale In uso
Linee Linea principale Hakodate

Linea Sasshō

Tipo Stazione sopraelevata passante
Passeggeri
al giorno
all'anno
Fonte: JR Hokkaidō
9000 (2010)
-
Binari 4
Interscambi bus

La stazione di Sōen (桑園駅 Sōen-eki?) è una delle stazioni centrali della città di Sapporo situata sulla linea principale Hakodate e ufficialmente capolinea meridionale della linea Sasshō, sebbene tutti i treni arrivino fino alla stazione di Sapporo.

Linee[modifica | modifica wikitesto]

JR logo (hokkaido).svg JR Hokkaido
Linea principale Hakodate
Linea Sasshō

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La stazione è stata aperta il 1º giugno 1924, in origine in superficie, e nel 1988 la stazione è stata portata su viadotto. Dal 1º giugno 2012 la linea Sasshō è stata elettrificata da questa stazione a quella di Hokkaidō-Iryōdaigaku, e viene quindi anche percorsa da treni elettrici.[1][2]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

La stazione è dotata di due banchine a isola che servono 4 binari.

1 Linea principale Hakodate Per Teine e Otaru
2 Linea principale Hakodate Per Sapporo, Iwamizawa e Aeroporto Shin-Chitose
3 Linea Gakuentoshi (Sasshō) Per Ainosato-Kyōikudai, Hokkaidō-Iryōdaigaku e Ishikari-Tōbetsu
4 Linea Gakuentoshi (Sasshō) Per Sapporo

Stazioni adiacenti[modifica | modifica wikitesto]

« Servizio »
Linea Hakodate
Sapporo Tutti i treni Kotoni
Linea Gakuentoshi (Sasshō)
Sapporo Tutti i treni Hachiken

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (JA) 桑園駅バリアフリー情報 [Sōen Station accessibility information], Japan, Hokkaido Railway Company, 2007. URL consultato il 20 luglio 2012.
  2. ^ Yukihiro Nomura, 札沼線電化事業の概要 [Outline of Sasshō Line Electrification Project] in Tetsudō Daiya Jōhō Magazine, vol. 41, nº 340, Japan, Kōtsū Shimbun, agosto 2012, pp. p.4–9.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]