Stazione di Castellammare di Stabia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima stazione SFSM, vedi Stazione di Castellammare di Stabia (Circumvesuviana).
Castellammare di Stabia
stazione ferroviaria
Stazione Castellammare di Stabia.jpg
Stato Italia Italia
Localizzazione Castellammare di Stabia, piazza Matteotti
Attivazione 1842
Stato attuale in uso
Linee Torre Annunziata – Gragnano
Tipo stazione in superficie, di testa, di diramazione
Interscambi autobus urbani ed extraurbani

La stazione di Castellammare di Stabia è la stazione ferroviaria FS principale di Castellammare di Stabia. È posta sulla linea Torre Annunziata – Gragnano ed è una stazione di testa.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Inaugurata nel 1842, la stazione di Castellammare di Stabia ha influito notevolmente sullo sviluppo della cittadina stabiese portando allo sposatamento del centro cittadino verso la ferrovia e la creazione di numerose industrie: nella stazione vi era un elevato traffico sia merci che passeggeri con treni che coprivano interamente la giornata, anche durante la notte. Nel piazzale antistante venne posto anche il capolinea del tram Sorrento – Castellammare di Stabia.

Con l'inaugurazione della linea Torre Annunziata – Sorrento della Circumvesuviana, nel 1948, l'utenza iniziò a diminuire, aggravata di più dal boom del trasporto su gomma. Inoltre con la crisi industriale degli anni ottanta numerose industrie della zona chiusure, portando alla diminuzione sia di treni merci, sia di passeggeri. Alla fine degli anni novanta, con treni solo per Torre Annunziata e Gragnano il traffico era nullo.

Oggi la stazione rivive una nuova giovinezza grazie ai treni di tipo metropolitano per Napoli Campi Flegrei. Nel 2008 sono stati esaguiti dei lavori di riqualificazione che hanno portato alla pitturazione del fabbricato viaggiatori e all'installazione della nuova segnaletica.

Nel 2009 vennero soppressi tutti i servizi passeggeri per Gragnano.

Dal 9 settembre 2012 vennero soppressi anche i treni verso Torre Annunziata e Napoli, e la stazione perse così ogni servizio ferroviario[1]. In seguito alle proteste dell'utenza, il successivo 28 ottobre venne ripristinata una parte dei treni soppressi[2].

Dati ferroviari[modifica | modifica sorgente]

Il fabbricato attuale è stato costruito negli anni sessanta, quando è stato sostituito il vecchio costruito insieme alla linea. Durante gli anni novanta il fabbricato è stato completamente restaurato, che ha portato alla costruzione di un ampio atrio con biglietteria, sala d'attesa, edicola e bar. Inoltre è stata creata anche un discesa d'accesso ai binari per disabili.

La stazione è dotata di 4 binari, tre per i binari passeggeri, dotati di due banchine e uno per il servizio merci. Essendo stazione di testa non vi sono ne sottopassaggi ne sovrapassaggi, mentre la pensilina è presente solo per il binario, essendo presente una pensilina in muratura prima dell'inizio dei binari.

In passato vi era anche un fabbricato merci con un ampio fascio di binari: oggi entrambri sono stati dismessi ed al suo posto è sorto un parcheggio di circa 400 posti.

Un altro binario tronco è presente poco prima di entrare in stazione, da dove parte anche il raccordo ferroviario per Castellammare Marittima e i cantieri navali.

Movimento passeggeri e ferroviario[modifica | modifica sorgente]

La crisi degli anni ottanta - novanta[di che si tratta?], ha portato ad una drastica riduzione del numero di passeggeri e di convogli merci. Oggi la situazione è notevolmente migliorata grazie all'introduzione dei treni metropolitani per Napoli Campi Flegrei che fermano anche in molte fermate della linea 2 nella metropolitana di Napoli.

Servizi[modifica | modifica sorgente]

La stazione dispone di:

  • Biglietteria Biglietteria
  • Accessibile Accessibilità per portatori di handicap
  • Biglietteria Capolinea autolinee
  • Parcheggio di scambio Parcheggio di scambio
  • Bar Bar
  • Edicola Edicola
  • WC Servizi igienici

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Chiusure in Campania, in "I Treni" n. 352 (ottobre 2012), p. 5
  2. ^ Ferrovie riaperte in Campania, in "I Treni" n. 354 (dicembre 2012), p. 4

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Castellammare di Stabia
Direzione Stazione precedente Ferrovia
Torre Annunziata TriangleArrow-Left.svg Rovigliano Pfeil links.svg Torre Annunziata–Castellammare di Stabia
 (5+706)
trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti