Stazione di Aragona Caldare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 37°22′52.4″N 13°38′12.57″E / 37.381222°N 13.636825°E37.381222; 13.636825

Aragona Caldare
stazione ferroviaria
Stato Italia Italia
Attivazione 1874
Stato attuale In uso
Linee Palermo - Agrigento
Caltanissetta Xirbi - Agrigento
Tipo Stazione in superficie, passante, di diramazione

La stazione di Aragona Caldare è una stazione ferroviaria di diramazione di RFI e uno scalo ferroviario di smistamento sito in Provincia di Agrigento.

Molto frequentata fino alla metà del secolo scorso in conseguenza dell'attività delle miniere di zolfo dell'area è comunque anche oggi importante perché di fermata di tutti i treni per raggiungere le varie destinazioni: per i treni provenienti da Caltanissetta e Catania e diretti ad Agrigento assicura il proseguimento verso Roccapalumba e per quelli provenienti da Palermo la prosecuzione verso Canicattì e Licata.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La stazione di Aragona Caldare venne costruita nell'ambito dei lavori di costruzione della ferrovia da Palermo a Porto Empedocle realizzata dalla Società Vittorio Emanuele come parte importante del progetto di connessione mediante la strada ferrata delle aree zolfifere del bacino nisseno-agrigentino dirigendone i prodotti minerari verso il porto di Porto Empedocle. La stazione venne costruita a valle ad alcuni km dal centro abitato e inaugurata in concomitanza con l'apertura all'esercizio della tratta ferroviaria tra Comitini e Porto Empedocle avvenuta il 1º novembre del 1874[1]. La stazione venne poi collegata con la Stazione di Canicattì il 3 novembre 1880[2] realizzando il collegamento con la Ferrovia Caltanissetta-Agrigento divenendo così una stazione di diramazione. Lo scalo continuò a crescere e a divenire sempre più importante con traffico merci e viaggiatori per tutte le direzioni con l'aumento dell'estrazione di zolfo che proveniva dall'area di Comitini e Racalmuto e dal complesso minerario Trabia-Tallarita .

La progressiva diminuzione della produzione e in seguito la chiusura di molte miniere di zolfo ha prodotta la contrazione del traffico merci relativo ma la stazione mantenne un consistente traffico viaggiatori durante l'ondata migratoria degli anni cinquanta e sessanta successiva alla chiusura delle miniere stesse, che produsse un fortissimo calo demografico in molte aree della Sicilia centrale a causa dell'esodo di migliaia di lavoratori dell'agrigentino verso le miniere di carbone del Belgio ed altre zone dell'Europa centrale.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

La stazione insiste sulla direttrice ferroviaria Palermo-Agrigento per la quale è stazione passante. In essa confluisce la linea proveniente da Canicattì e Licata. Ambedue le tratte sono oggi elettrificate a corrente continua a 3000 volt.

Data la sua posizione strategica venne dotata di rifornitore di acqua e carbone per le locomotive a vapore. Venne dotata inoltre di una piattaforma girevole da 15 metri di diametro, di pesa per carri merce, e di Sagoma limite.

Servizi[modifica | modifica sorgente]

Interscambi[modifica | modifica sorgente]

Dalla stazione è possibile raggiungere la costa sud della Sicilia verso Agrigento e Porto Empedocle (anche se inspiegabilmente quest'ultima destinazione oggi è sospesa), e verso nord, Palermo o, sulla linea diramata, Canicattì, Licata, Caltanissetta e Catania.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Alessandro Tuzza-Treni di carta-Aperture. URL consultato il 18/02/2008.
  2. ^ Alessandro Tuzza-Treni di carta. URL consultato il 18/02/2008.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Aragona Caldare
Direzione Stazione precedente Ferrovia Stazione successiva Direzione
Palermo TriangleArrow-Left.svg P.M. Comitini Pfeil links.svg Palermo–Agrigento
 (124+740)
Pfeil rechts.svg Agrigento Bassa TriangleArrow-Right.svg Agrigento
Caltanissetta-Catania TriangleArrow-Left.svg Comitini Zolfare Pfeil links.svg Caltanissetta-Agrigento
 (124+740)
Pfeil rechts.svg Agrigento Bassa TriangleArrow-Right.svg Agrigento