Stato maggiore dell'Unione europea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stato maggiore dell'Unione europea
Lo stemma dello SMEU
Lo stemma dello SMEU
Descrizione generale
Attiva dal 2002
Nazione Unione europea Unione europea
Ruolo stato maggiore sovranazionale interforze
Guarnigione/QG Belgio Bruxelles
Comandanti
Direttore generale Regno Unito Lt.Gen. Wolfgang WOSOLSOBE[1]

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Lo stato maggiore dell'Unione europea (SMEU) è uno strumento chiave nella politica di difesa e sicurezza della UE, nato nel 2002 e acquartierato presso la città belga di Bruxelles, è responsabile della direzione delle missioni rientranti nelle competenze della PESD. Dipende direttamente dall'Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, carica attualmente ricoperta dalla britannica Catherine Ashton ed è formato da circa 200 dipendenti tra civili e militari.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo SMEU nasce in seguito alla decisione sancita dal Consiglio europeo con il trattato di Nizza del dicembre 2000 che allo scopo di fornire in caso di crisi controllo di direzione strategica unitaria all'Unione, decise la costituzione di nuove strutture politiche e militari al suo interno, tra le quali il Comitato politico e di sicurezza (COPS), Comitato militare dell'Unione europea (CMEU) e stato maggiore dell'Unione europea (SMEU).

Ruolo[modifica | modifica wikitesto]

Lo stato maggiore dell'Unione europea svolge attività di preavviso, valutazione della situazione e pianificazione strategica nell'ambito della gestione della crisi al di fuori del territorio dell'Unione[2].

Ricadono sotto la sua responsabilità sia le operazione di "mantenimento della pace" sia quelle che prevedono l'impiego della forza in scenari di combattimento, nonché altri compiti rientranti nella strategia europea di sicurezza come le operazioni di disarmo congiunto e di controllo sui livelli di armamenti, quelle a sostegno dei Paesi terzi nella lotta al terrorismo e nelle delegazioni di esperti e consiglieri militari. Lo stato maggiore opera subordinato al Comitato militare dell'Unione europea con cui collabora e riferisce assicurando il collegamento tra le forze armate degli stati membri e il Consiglio assicurando le conoscenze militari necessari, fornendo capacità e competenze degli esperti militari messi a disposizione da ogni Stato membro, permettendo di pianificare, valutare e fornire indicazioni tecniche nella gestione delle crisi e nella strategia militare in generale al fine di armonizzare le decisioni del Comitato militare e i vari stati maggiori nazionali.

Lo Staff europeo condivide inoltre numerosi mezzi e capacità con la NATO.

Le operazioni[modifica | modifica wikitesto]

L'EUMS ha gestito, nell'ambito della PESD le seguenti missioni internazionali:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ EU Military staff
  2. ^ Art. 1712 del trattato di Nizza

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]