Stato dell'arte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con la locuzione di origine anglosassone [1] stato dell'arte (da state of the art) si intende il più alto livello di sviluppo o conoscenza finora raggiunto da una tecnologia o da un campo d'indagine scientifico, sinonimo di "all'avanguardia", "dell'ultima generazione", "eccellenza".

In italiano è talvolta utilizzato in maniera impropria come sinonimo di "stato di avanzamento", o per indicare lo stato attuale di una determinata situazione.[2]

Normativa sui brevetti[modifica | modifica wikitesto]

Nel contesto della normativa europea sui brevetti, il termine stato dell'arte è un concetto molto importante nel processo per stabilire l'effettiva innovazione e il passaggio inventivo, ed è sinonimo dell'espressione arte prima [3][4] (in inglese chiamata prior art o background art). Lo stato dell'arte dovrebbe essere utilizzato per designare tutto ciò che è reso disponibile al pubblico tramite descrizione orale o scritta, utilizzo vero e proprio, o qualsiasi altra modalità, prima della data di registrazione dell'applicazione Europea dei brevetti, in accordo con l'art. 54 EPC [3]. In determinati casi, come la verifica dell'effettiva novità del brevetto, occorre fare riferimento anche all'art. 54(3).

Anche l'espressione arte di base è utilizzata in certi ambiti legali, come nella Regola 27[5], ed ha lo stesso significato [6]. L'espressione stato dell'arte interno è utilizzata per descrivere lo stato dell'arte solamente nell'ambito del possesso di applicazioni del brevetto, ma non nel dominio pubblico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Un articolo di Raffaella Setti pubblicato sul periodico dell'Accademia La Crusca per voi n. 29 (ottobre 2004), con un piccolissimo aggiornamento del 3 giugno 2009, a cura di Matilde Paoli, relativo alla lessicografia più recente. [1]
  2. ^ Esempio: La Stampa: Berlusconi, per Alitalia "c’è la coda": Micciché lo ha aggiornato sullo stato dell’arte: Intesa considera essenziale per Alitalia il ricorso alla legge Marzano, seppur modificata e, prima della fusione con la Air One di Carlo Toto, la liquidazione «indolore» della compagnia.
  3. ^ a b [2]
  4. ^ [3]
  5. ^ Regola 27
  6. ^ EPO - T 0011/82 (Control Circuit) of 15.4.1983

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]