Stato crociato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gli stati crociati (in toni di verde) nel 1135.
L'Asia Minore e gli stati crociati, c. 1140

Gli Stati crociati furono territori organizzati secondo lo schema feudale creati dagli occidentali europei (cattolici) che arrivarono nel Mediterraneo orientale (ortodosso/musulmano) durante le Crociate nel XII secolo e XIII secolo.

Il Levante[modifica | modifica sorgente]

I primi quattro Stati crociati furono creati nel Levante immediatamente dopo la Prima crociata:

Il primo Stato crociato, la Contea di Edessa, fu fondata nel 1098, sotto la guida di Baldovino di Boulogne (poi divenuto re di Gerusalemme), fratello del condottiero crociato Goffredo di Buglione. Il Regno di Gerusalemme durò fino al 1291, quando cadde la città di Acri. Il Regno armeno di Cilicia esisteva già prima delle Crociate, ma fu semi-occidentalizzato dalla dinastia dei Lusignano (Francia).

Esistevano anche molti Stati vassalli del Regno di Gerusalemme, tra i quali:

Cipro[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Regno di Cipro.

L'isola di Cipro fu venduta da Riccardo I a Guido di Lusignano nel 1192. L'isola rimase sotto il dominio della dinastia dei Lusignani fino al 1489 quando l'ultima regina lusignana dovette cedere l'isola alla Repubblica di Venezia.

Grecia[modifica | modifica sorgente]

Durante la Quarta crociata, l'Impero bizantino fu conquistato e suddiviso in quattro stati:

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Crociate Portale Crociate: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Crociate