Stationers' Register

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lo Stationers' Register (in italiano "Registro del cartolaio" o "Registro del libraio"[senza fonte]) era un registro, attivo fra il XVI secolo e il XVIII secolo, attraverso il quale editori e tipografi potevano assicurarsi la pubblicazione di un testo. La compilazione del registro avveniva per mano della Stationers' Company, una corporazione londinese attiva dal 1403 sino ad oggi[1] con il compito specifico di regolare e monitorare i processi di pubblicazione e vendita dei testi scritti, che deteneva il monopolio del settore dell'editoria ricavando profitto dai pagamenti degli autori necessari per la registrazione.

Tale registro, il cui inserimento dei propri lavori non era obbligatorio, era però necessario sia dal momento in cui un editore desiderava stampare e vendere delle opere, sia quando un poeta desiderava allestire una messinscena teatrale. La diffusione di un'opera senza il suo inserimento nel registro era passabile di sequestro, veniva bruciata e gli editori potevano essere arrestati[2]. Va da sé che la registrazione era anche un atto censorio da parte della corporazione, che vagliava i contenuti delle opere[3]. Tuttavia l'inserimento di un'opera nel Registro non garantiva nessun tipo di copyright all'autore, che cedeva ogni diritto all'editore, ma la corporazione assicurava a quest'ultimo la non riproduzione o stampa da parte di altri[3].

L'archivio è una preziosissima fonte di informazioni sulla letteratura inglese e sul teatro elisabettiano in particolare[4]. Grazie ad esso, difatti, è stato possibile risalire alla data di registrazione di numerose opere teatrali, e così alla loro data di composizione e di prima rappresentazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sito attuale della Stationers' Company
  2. ^ Articolo sulla Stationers’ Company
  3. ^ a b (PDF) Karl Foegel, "Breve storia sul copyright", Red Bean, 2004
  4. ^ Edmund K. Chambers, The Elizabethan Stage, Oxford, Clarendon Press, 1923, vol. 3, pg. 164-177


teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di teatro