Stati Uniti delle Isole Ionie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stati Uniti delle Isole Ionie
Stati Uniti delle Isole Ionie – Bandiera
Stati Uniti delle Isole Ionie - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Stati Uniti delle Isole Ionie
Nome ufficiale Hνωμένον Κράτος των Ιονίων Νήσων (greco)
Īnōmenon Kratos tōn Ioniōn Nīson (greco in caratteri latini)
United States of the Ionian Islands (inglese)
Stati Uniti delle Isole Ionie (italiano)
Lingue ufficiali greco, italiano
Lingue parlate italkian, veneto, yevanico
Capitale Corfù
Dipendente da Regno Unito Regno Unito
Politica
Forma di Stato Repubblica
Forma di governo Federazione
Nascita 9 giugno 1815
Causa Congresso di Vienna
Fine 28 maggio 1864
Causa Trattato di Londra
Territorio e popolazione
Bacino geografico Isole Ionie
Massima estensione 4.694 nel 1864
Popolazione 236.000 nel 1864
Economia
Valuta Obolo (1818–33)
Lepton (1833–64)
Religione e società
Religioni preminenti Cristiana Ortodossa

Cristiana Cattolica

Evoluzione storica
Preceduto da Flag of the Septinsular Republic.svg Repubblica delle Sette Isole Unite
Succeduto da Grecia Grecia

Gli Stati Uniti delle Isole Ionie (anche Unione delle Isole Ionie, in italiano generalmente Repubblica delle Isole Ionie) sono uno stato esistito nel mar Ionio tra il 1815 e il 1864 il quale era un protettorato del Regno Unito. Attualmente fa parte della Grecia, cui fu ceduto a titolo gratuito alla fine del protettorato.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Prima dello scoppio delle guerre rivoluzionarie francesi le isole Ionie erano parte della Repubblica di Venezia; con la dissoluzione di quest'ultima nel 1797, a causa del trattato di Campoformio esse vennero annesse alla Prima Repubblica Francese. Tra il 1798 e il 1799 i francesi vennero cacciati da una spedizione congiunta russo-turca appoggiata dagli inglesi e che comprendeva anche un piccolo gruppo di reduci dell'esercito veneziano. Le forze occupanti fondarono la Repubblica delle Sette Isole Unite che esistette dal 1800 al 1807.

Le isole Ionie vennero riannesse successivamente dalla Francia ed inquadrate all'interno delle province illiriche. Il 2 ottobre 1809 la Gran Bretagna sconfisse la flotta francese al largo di Zante e conquistò Cefalonia, Cerigo e la stessa Zante. I britannici presero Leucade nel 1810. Corfù rimase dominio francese fino al 1814.

Il Congresso di Vienna decise di porre le isole Ionie sotto la protezione esclusiva del Regno Unito. Nonostante l'amministrazione militare inglese, l'Impero Austriaco garantì alle Isole uno status commerciale uguale a quello del Regno Unito. L'accordo venne confermato con la ratifica della "Costituzione Maitland", il 26 agosto 1817, che creò una federazione delle sette isole (il cosiddetto Eptaneso).

Il 29 marzo 1864 Regno Unito, Grecia, Francia e Russia firmarono il trattato di Londra, che tra l'altro impegnava la Gran Bretagna a trasferire alla Grecia la sovranità della federazione ionia dopo la sua ratifica. Quindi, il 28 maggio, dopo la proclamazione del Lord High Commissioner, le Isole Ionie vennero unite alla Grecia.[1]

Stati[modifica | modifica sorgente]

Come il nome stesso suggerisce, gli Stati Uniti delle Isole Ionie erano una federazione. Era composta da sette stati isolani:

Stato Capitale Membri eletti
Corfù Corfù 7
Cefalonia Argostoli 7
Cerigo Chora 1 o 2[2]
Itaca Vathy 1 o 2[2]
Paxò Gaios 1 o 2[2]
Santa Maura Leucade 4
Zante Zante 7

Forma di governo[modifica | modifica sorgente]

Il governo era organizzato sotto la direzione del Lord High Commissioner, nominato dal re britannico su proposta del governo inglese. In totale furono dieci le persone che assolsero a questo compito, incluso William Gladstone quale Lord High Commissioner Straordinario.

Le Isole Ionie avevano un sistema legislativo bicamerale denominato 'Parlamento degli Stati Uniti delle Isole Ionie' formato dall'Assemblea Legislativa e dal Senato.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Edward Hertslet, The map of Europe by treaty (PDF), p. 1609. URL consultato il 21 luglio 2006.
  2. ^ a b c Cerigo, Itaca e Paxos eleggevano ognuno un membro, ma a rotazione ne eleggevano un secondo. Costituzione delle Isole Ionie, Articolo VI
  3. ^ Costituzione delle Isole Ionie, Articolo VII

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]