Stapleton Cotton, I visconte Combermere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stapleton Cotton, I visconte Combermere
Stapleton Cotton, I visconte Combermere in un ritratto di Mary Martha Pearson (nata Dutton)
Stapleton Cotton, I visconte Combermere in un ritratto di Mary Martha Pearson (nata Dutton)
14 novembre 1773 - 21 febbraio 1865
Nato a Denbighshire
Morto a Clifton
Dati militari
Paese servito Regno Unito Regno Unito
Forza armata British Army
Anni di servizio 1793 - 1855
Grado Feldmaresciallo
Guerre Quarta guerra anglo-mysore
Guerra d'indipendenza spagnola

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Stapleton Cotton, I visconte Combermere (Denbighshire, 14 novembre 1773Clifton, 21 febbraio 1865), è stato un generale britannico.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

I primi anni[modifica | modifica sorgente]

Stapleton Cotton venne educato alla Westminster School, uscendone all'età di soli 16 anni col grado di Secondo Luogotenente e venendo destinato al 23rd Regiment of Foot.[1] Alcuni anni dopo (1793) egli divenne capitano del 6th Dragoon Guards, e prestò servizio con questo reggimento durante la campagna condotta dal principe Federico, duca di York e Albany nelle Fiandre.[1] A 20 anni egli aderì al 25th Light Dragoons (poi 22nd) come Luogotenente Colonnello,[1]Nel 1796 egli si recò in India col suo reggimento prendendo parte alle operazioni di Colonia del Capo (luglio–agosto 1796), e nel 1799 prestò servizio nella guerra contro il sultano Tippoo Sahib, prendendo parte alla Battaglia di Seringapatam (Srirangapatna).[1] Poco dopo questo scontro, dovendo ereditare il titolo di baronetto già del padre, rientrò a casa e venne assegnato al 16th Light Dragoons.[1] Egli fu in Irlanda durante l'insurrezione di Robert Emmet, divenne Colonnello nel 1800 e Maggiore Generale cinque anni dopo.[1]

La guerra d'indipendenza spagnola[modifica | modifica sorgente]

Dal 1806 al 1814 Cotton fu membro del parlamento inglese per Newark.[1] Nel 1808 egli venne inviato in Portogallo per dare inizio alla guerra dove raggiunse in breve tempo la posizione di comandante di cavalleria sottoposto al comando del Duca di Wellington,[1] avendo così modo di dimostrare il proprio coraggio, guadagnandosi grande fama come ufficiale di cavalleria. Cotton ottenne il soprannome di Lion d'Or durante quegli anni a causa del suo coraggio e dell'ostentato splendore nei suoi equipaggiamenti e uniformi. Egli succedette ai titoli paterni nel 1807,[1] ma continuò la sua carriera militare. Si distinse grandemente nella Battaglia di Salamanca (22 luglio 1812) a tal punto da ricevere i ringraziamenti personali di Wellington.[1] Il giorno successivo egli venne accidentalmente ferito. Egli dimostrò grande sangue freddo nella Battaglia di Venta del Pozo del 23 ottobre 1812 dove guidò la retroguardia dell'armata. Nominato Luogotenente Generale e Commendatore dell'Ordine del Bagno ed a conclusione della pace nel 1814 ricevette il titolo nobiliare di Barone Combermere.[1]

Gli ultimi anni[modifica | modifica sorgente]

L'obelisco alla memoria del Feldmaresciallo nel Combermere Park

Cotton non presenziò alla Battaglia di Waterloo, venendo sostituito da Lord Uxbridge. Cotton doveva ancora rimettersi dalle ferite di guerra subite e ad ogni modo rimase in Francia sino al ritiro degli alleati dall'occupazione. Nel 1817 venne nominato Governatore delle Barbados[2] and commander of the West Indian forces.[1]

Tra il 1814 ed il 1820, Cotton si dedicò alla sistemazione della propria abitazione di famiglia, Combermere Abbey, includendovi ornamenti di stile gotico e costruendo l'ala Wellington (oggi demolita) per commemorare la visita del duca alla sua casa nel 1820.[3]

Dal 1822 al 1825 Cotton fu Comandante in Capo dell'Irlanda.[1] La sua carriera di servizio attivo si concluse in India nel 1826 ove condusse l'assedio di Baharatpur, un forte che già ventidue anni prima aveva messo a dura prova il genio di Gerard Lake, I visconte Lake. Per i servizi prestati, Cotton venne creato Visconte Combermere. Nel 1834 egli venne accolto come consigliere privato della Regina e nel 1852 succedette a Wellington come Conestabile della Torre di Londra e Lord Luogotenente di Tower Hamlets. Nel 1855 venne nominato Feldmaresciallo[1] e Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Bagno. Morì a Clifton il 21 febbraio 1865.[1]

Malgrado le benemerenze di Combermere, Wellington lo ricordava come "il dannato pazzo" per le sue azioni imprevedibili e comunque degne di nota per il grande coraggio.[1]

In suo onore, la città di Chester gli dedicò una statua equestre realizzata dallo scultore torinese Carlo Marochetti. Allo stesso modo in sua memoria venne eletto un obelisco a Combermere Park nel 1890, secondo i termini del testamento della vedova.[4] Combermere venne succeduto nei suoi titoli da suo figlio, Wellington Henry (1818–1891), ai discendenti del quale spettano ancora onori e titoli.

Matrimonio e figli[modifica | modifica sorgente]

Il 1º gennaio 1801 egli sposò lady Anna Maria Clinton[1] (m. 31 maggio 1807), figlia di Thomas Pelham-Clinton, III duca di Newcastle-under-Lyne. La coppia ebbe tre figli:[5]

  • Robert Henry Stapleton Cotton (18 gennaio 1802 – 1821)
  • un figlio morto infante
  • un figlio morto infante

Il 18 giugno 1814, egli sposò Caroline Greville[1] (m. 25 gennaio 1837), figlia del capitano William Fulke Greville. La coppia ebbe tre figli:[5]

Nel 1838, Cotton sposò infine Mary Woolley (nata Gibbings),[1] dalla quale però non ebbe figli.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Trattamenti di
Stapleton Cotton
Stemma
Feldmaresciallo dell'esercito britannico
Trattamento di cortesia Sua Eccellenza
Trattamento colloquiale Vostra Eccellenza
Titolo nobiliare I visconte Combermere
Trattamento alternativo Sir
I trattamenti d'onore

Onorificenze britanniche[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Bagno - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Bagno
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Guelfo - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Guelfo
Cavaliere Commendatore dell'Ordine della Stella d'India - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Commendatore dell'Ordine della Stella d'India
Army Gold Cross - nastrino per uniforme ordinaria Army Gold Cross

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s Oxford Dictionary of National Biography
  2. ^ Lord Combermere, About.com
  3. ^ Callander Beckett S (2004) 'A Brief History of Combermere Abbey' (pamphlet)
  4. ^ Combermere Park obelisk
  5. ^ a b Genealogy of the Cottons

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Glover, Michael. The Peninsular War 1807-1814. Penguin, 1974.
  • Oman, Charles. Wellington's Army, 1809-1814. Greenhill, (1913) 1993.
Predecessore Membro del Parlamento per Newark Successore Flag of the United Kingdom.svg
Charles Pole, I baronetto
Henry Willoughby
1806-1814
con Henry Willoughby
Henry Willoughby
George Hay Dawkins-Pennant
Predecessore Colonnello del 20th Regiment of (Light) Dragoons Successore Flag of the British Army.svg
William Bentinck 1813-1818 Titolo soppresso
Predecessore Colonnello del 3rd The King's Own Hussars Successore Flag of the British Army.svg
William Cartwright 1821-1829 George Beresford
Predecessore Governatore di Sheerness Successore Flag of the British Army.svg
Francis Edward Gwyn 1821-1852 Titolo abolito
Predecessore Comandante in Capo dell'Irlanda Successore Flag of the British Army.svg
Samuel Auchmuty 1822-1825 George Murray
Predecessore Comandante in Capo dell'India Successore Flag of the British Army.svg
Edward Paget 1822-1825 George Ramsay, IX conte di Dalhousie
Predecessore Colonnello del 1st Regiment of Life Guards Successore Flag of the British Army.svg
Charles Stanhope, III conte di Harrington 1829-1865 George Bingham, III conte di Lucan
Predecessore Governatore di Barbados Successore Flag of the British Windward Islands (1903-1958).png
John Foster Alleyne
de facto
1817-1820 John Brathwaite Skeete
de facto
Predecessore Conestabile della Torre di Londra
e Lord Luogotenente di Tower Hamlets
Successore Tower of London White Tower.jpg
Arthur Wellesley, I duca di Wellington 1852-1865 John Fox Burgoyne
Predecessore Visconte Combermere Successore Flag of the United Kingdom.svg
Titolo inesistente 1827-1865 Wellington Stapleton-Cotton, II visconte Combermere
Predecessore Barone Combermere Successore Flag of the United Kingdom.svg
Titolo inesistente 1814-1865 Wellington Stapleton-Cotton, II barone Combermere
Predecessore Baronetto Cotton
(di Combermere)
Successore Flag of England.svg
Robert Salusbury Cotton, V baronetto 1809-1865 Wellington Stapleton-Cotton, VII visconte Combermere

Controllo di autorità VIAF: 28763907