Stanislao Osio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stanislao Osio
cardinale di Santa Romana Chiesa
Stanisław Hozjusz.PNG
Marcello Bacciarelli, Ritratto di Stanislao Osio
Nato Cracovia, 5 maggio 1504
Ordinato presbitero 1543
Creato cardinale 26 febbraio 1561 da papa Pio IV
Deceduto Capranica, 5 agosto 1579

Stanislao Osio (in polacco Stanisław Hozjusz, in latino Stanislaus Hosius; Cracovia, 5 maggio 1504Capranica, 5 agosto 1579) è stato un vescovo cattolico e cardinale polacco  nominato da papa Pio IV.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque a Cracovia nel 1504 da una nobile famiglia di origine tedesca: studiò presso le università di Cracovia, Bologna e Padova, dove si addottorò in utroque iure nel 1534.

Segretario di Sigismondo I di Polonia e canonico della cattedrale di Cracovia, fu vescovo di Chełmno (sede poi trasferita a Peplin) dal 12 luglio 1549; nel 1551 venne trasferito alla sede metropolitana di Varmia (principato ecclesiastico). Sigismondo II lo volle come suo ambasciatore presso Ferdinando I di Boemia a Praga e presso Carlo V a Gand e Bruxelles: in seguito, venne chiamato presso la Santa Sede, dove prestò servizio come diplomatico.

Papa Pio IV lo innalzò al cardinalato nel concistoro del 26 febbraio 1561: ottenne il titolo di San Lorenzo in Panisperna ma optò poi per quello di San Pancrazio, quindi per quello di Santa Sabina e per quello di San Teodoro; fu legato a latere in Polonia e legato pontificio al Concilio di Trento.

In seguito optò per il titolo di Santa Prisca, e poi ancora per quelli di Santa Anastasia, San Clemente e Santa Maria in Trastevere.

Il 18 maggio 1571 fu nominato Camerlengo del Sacro Collegio, carica che tenne fino al 23 gennaio 1572.

Campione della controriforma in Polonia, fu amico di San Pietro Canisio e lasciò una Confessio Catholicae Fide.

Il 5 agosto del 2006 è iniziato il processo per la sua beatificazione.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 66506400 LCCN: n85260674