Stanislao Mattei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stanislao Mattei

Stanislao Mattei (Bologna, 10 febbraio 1750Bologna, 12 maggio 1825) è stato un francescano, compositore e gregorianista italiano.

Vita e opere[modifica | modifica wikitesto]

Nato da modesta famiglia di artigiani, conobbe il padre Giovanni Battista Martini cui divenne allievo e che seguì nella vita religiosa come frate minore conventuale. «Fu sacerdote esemplare e tanta era la stima che aveva lo stesso padre Martini da sceglierselo per confessore»[1]. Nel 1776 fu lo stesso Martini a volerlo - nonostante l'opposizione dell'Accademia dei filarmonici - suo coadiutore e sostituto[2] nella conduzione della Cappella Musicale di S. Francesco di Bologna, di cui sarà poi titolare dopo la morte del maestro. Per pochi mesi, nel 1809, fu maestro di Cappella al Santo di Padova e, sino alla morte, a S. Petronio di Bologna. In seguito alla soppressione napoleonica delle corporazioni religiose del 1797 prese alloggio con la madre in via Nosadella dedicandosi all'insegnamenti privato. Insegnò contrappunto al Liceo filarmonico di Bologna (ora Conservatorio Giovanni Battista Martini), dove ebbe tra i suoi allievi Donizetti, Rossini, Giuseppe Vianesi (v. Pellegrini - Vianesi) e Morlacchi[3]. Compose soprattutto musica sacra in gran parte inedita. Di lui si conservano circa quattrocento composizioni presso la biblioteca del Conservatorio e l'archivio musicale del convento di S. Francesco[4] della sua città.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • A Stanislao Mattei è intitolato il Gruppo campanari costituito in Bologna l'11 febbraio 1934[5]-
  • Al p. Mattei sono intitolate le via di alcune località italiane: Bologna[6]; Castiglione dei Pepoli (Bologna); Catania; Dolianova (Cagliari).
  • Nella città di Bologna sono collocate due lapidi che fanno riferimento all'attività del p. Mattei: la prima in via Nosadella, sulla parete esterna del civico 38 (già 642) dove egli dimorò con la madre[7]; la seconda all'interno della basilica di San Francesco collocata nel 1926 in occasione della traslazione dei suoi resti mortali dal cimitero della Certosa[8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Varotti,  p. 220.
  2. ^ G.B. Martini. La vita: Polemiche, un erede, la morte. URL consultato il 2 gennaio 2012..
  3. ^ Pasquini,  pp. 182-183
  4. ^ Pollastri,  nn. 238-272,299,301; pp. 96-110,125-126.
  5. ^ Sito web del Gruppo campanari Stanislao Mattei. URL consultato il 12 febbraio 2014..
  6. ^ Nel quartiere Saragozza, nella zona sud-ovest della città, tra le vie Giacomo Antonio Perti e Giacomo Spataro.
  7. ^ «Al sorger del secolo xix / il padre Stanislao Mattei dei Minori conventuali / contrappuntista incomparabile / qui ebbe stanza e perfezionò nella scienza musicale / Rossini, Donizetti, Morlacchi, Pacini» (cfr. Iscrizioni commemorative a soggetto musicale a Bologna. URL consultato il 2 gennaio 2012.).
  8. ^ «Il Municipio, la R. Accademia filarmonica, la / fabbriceria di questo tempio ed i Minori / conventuali vollero l’a. 1926 qui trasportati / dal cimitero comunale i resti mortali del / p. Stanislao Mattei, bolognese, che fu reli- / gioso nel vicino convento, musicista insigne / discepolo di G.B. Martini e maestro del sommo / Rossini e del grande Donizetti. / Morì a 75 anni il 12 maggio 1825 e Bologna / lo ascrisse fra i cittadini illustri e bene- / meriti della patria» (cfr. Iscrizioni commemorative a soggetto musicale a Bologna. URL consultato il 2 gennaio 2012.).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Filippo Canuti, Vita di Stanislao Mattei, Bologna, 1829. Full text. URL consultato il 2 gennaio 2012..
  • Juste Adrien La-Fage, Memoria intorno la vita e le opere di Sanislao Mattei, p. minorita bolognese, Bologna, pei tipi di Jacopo Marsigli, 1840. Ebook. URL consultato il 2 gennaio 2012.
  • Elisabetta Pasquini, Mattei Stanislao (al secolo, Gaetano Stanislao), in Dizionario biografico degli italiani, vol. 72: Massimo-Mechetti, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 2009, pp. 182–185. Testo online. URL consultato il 2 gennaio 2012..
  • Mariarosa Pollastri, Biblioteca del Convento di S. Francesco di Bologna. Catalogo musicale fondo nuovo (FN). Manoscritti-edizioni, Bologna, Arnaldo Forni, 2006.
  • Albino Varotti, L'Immacolata nella produzione musicale dei maestri compositori O.F.M.Conv., in Virgo Immaculata. Acta congressus mariologici-marianim, Romae anno MCMLIV celebrati, vol. XV: De Immaculata Conceptione in litteratura et in arte christiana, Roma, Academia Mariana Internationalis, 1957, pp. 220-221.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 79200339

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie