Stand up paddle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lo Stand Up Paddle è una variante del Surf in cui si sta in piedi su una Longboard e ci si sposta utilizzando una Pagaia. Questo sport ha avuto una considerevole crescita negli ultimi anni a livello mondiale, con alcuni praticanti anche in Italia.

Alcuni cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Le origini del SUP non sono molto chiare, ma nelle memorie del Capitano James Cook, nel 18° secolo mentre navigava in acque Polinesiane, si parla di tale sport, visto che lo stesso capitano afferma di aver avvistato degli indigeni intenti a pescare con delle lance stando in piedi su delle rudimentali tavole e utilizzare dei remi per spostarsi, racconti simili sono stati trovati anche nelle memorie di Robert Louis Stevenson e Jack London due secoli più tardi. Lo sport diventa molto popolare negli anni 50 tramite i Waikiki Beach Boy quando alcuni surfisti, primo tra tutti John Zabatocky , iniziarono ad alzarsi sulle loro longboard utilizzando remi per raggiungere i turisti che praticavano surf e scattare foto. Nell'estate del 2000 i maggiori Surfisti hawaiani, tra cui Laird Hamilton e Dave Kalama, cominciarono ad allenarsi con le canoe tandem per provare nuove emozioni e per prendere onde sempre più grandi. Da qui iniziarono a sviluppare il concetto di una tavola capace di far prendere onde enormie forti, e solo nel 2004 Brian Keaulana introduce lo Stand up Paddle come una vera e propria disciplina sportiva.