Stalinismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Stalinisti)
Josif Stalin

Il termine stalinismo, in senso stretto, indica la politica di Stalin nel periodo in cui fu a capo dell'URSS, dal 1924 al 1953. In parte questo termine è stato usato impropriamente come sinonimo di comunismo ma di fatto ebbe alcune profonde peculiarità che lo distinguono dalla linea politica di altri teorici comunisti (ad esempio Lev Trockij e Rosa Luxemburg), sia dal leninismo concepito da Lenin.

Prendendo in considerazione l'analisi della storia proposta da molti teorici del Marxismo-Leninismo, il termine "stalinismo" risulta storicamente inesatto, ritenuto un sinonimo semplicistico di derivazione anti-sovietica del più corretto marxismo-leninismo teorizzato da Lenin. Questo perché Stalin, a differenza di Lenin, non ha mai fatto riferimento, nei suoi saggi, ad una presunta nuova via personale al Marxismo, non ha mai utilizzato il termine "stalinismo", ma ha sempre fatto riferimento, almeno a parole, al marxismo di matrice leninista, del quale si riteneva il legittimo successore.

Stalinisti furono anche definiti alcuni regimi di paesi socialisti che si opposero alla destalinizzazione, quali la Cina di Mao Tse-tung, la Corea del Nord, l'Albania, che modificarono (raffreddandoli) i loro rapporti con l'URSS a seguito della destalinizzazione.

Peculiarità[modifica | modifica wikitesto]

Lenin e Stalin

Sotto il profilo economico, la dottrina staliniana vide nell'industrializzazione forzata della Russia il passaggio decisivo per imboccare la via matura che avrebbe portato al socialismo. Sotto Stalin l'impulso massiccio allo sviluppo industriale e il ricorso ai piani straordinari (quinquennali) di conversione capitalista, sotto la supervisione dello stato, dell'economia russa, prevalentemente agricola o fondata su un embrione industriale arretrato, divennero uno dei caratteri fondamentali e peculiari dei successivi regimi sovietici.

In un senso più largo il termine stalinismo indica spesso una visione, o se si vuole, una trasformazione delle idee del marxismo e del movimento operaio in modo da creare una rigida, e piuttosto elementare, dottrina del mondo e della storia, una visione filosoficamente platonica ("oggettiva") del realismo, e la sussunzione sistematica di ogni accidente o compromesso, anche di natura più temporanea, sotto categorie teoretiche, allo scopo di fornirne una giustificazione in termini dottrinari .

Sotto Stalin, cresciuto in un seminario ortodosso, anche l'ateismo viene esercitato come una religione, che si contrappone in modo incompatibile alle altre religioni (demolizioni di chiese, messa fuori legge dei sacerdoti e delle pratiche religiose).[senza fonte] In questa accezione il termine stalinismo acquista una connotazione più culturale che politica. Questo è ad esempio il significato con il quale il termine viene applicato talvolta anche a partiti, idee, personalità, che in senso stretto, politico, tali non possono definirsi. E sempre in questo senso, l'atteggiamento e l'azione del destalinizzatore Khruščёv di fronte alla rivoluzione ungherese del 1956 sono stati anche definiti come stalinisti. In questa accezione stalinista è spesso usato come un epiteto negativo, con un senso politico e culturale più che storico.

L'opposizione allo stalinismo[modifica | modifica wikitesto]

Discorso di Stalin

All'ascesa di Stalin nel controllo totale del Partito comunista russo l'unico che si oppose con continuità e coerenza, sia pure inefficacemente, fu il suo principale rivale alla successione di Lenin, cioè Lev Trockij. A differenza di Trockij, che riteneva che la rivoluzione socialista avesse senso solo in una prospettiva planetaria e globale (la teoria della "rivoluzione permanente"), Stalin riteneva che si dovesse accettare l'idea di un "socialismo in un solo paese", anche se capitalisticamente arretrato come la Russia.

Trockij costituisce quella che verrà poi definita "opposizione di sinistra" a Stalin. Trockij in seguito prenderà la via dell'esilio per finire assassinato per mano di un sicario di Stalin in Messico nel 1940, dopo aver fondato la Quarta Internazionale, alternativa alla Terza, di matrice stalinista.

Lo stalinismo nell'Unione Sovietica[modifica | modifica wikitesto]

Stalin nel 1945

Il corso politico di Stalin può essere caratterizzato da vari elementi. Anzitutto una feroce repressione del dissenso politico, reale o anche solo potenziale, iniziata con le Grandi purghe del 1935-1936, l'eliminazione dei kulaki (contadini benestanti) come classe, operazione svolta con mezzi fondamentalmente militari, potenziamento dell'esercito e deportazioni dei gruppi sociali o nazionali "ostili" o potenzialmente tali nei terribili campi di concentramento sovietici (Gulag), nei quali confluiranno poi anche molti prigionieri di guerra.

In seguito Stalin si produsse in una sistematica eliminazione di tutto ciò che potesse in qualche modo mettere in discussione il suo ruolo, o semplicemente - anche solo potenzialmente - fargli ombra. Inoltre, per assicurarsi sicuri appoggi, eliminò progressivamente ogni rappresentante di quella che di volta in volta poteva essere considerata una "vecchia guardia", sia politica sia professionale, allo scopo di sostituirla con elementi nuovi, da lui promossi, e pertanto a lui grati e fedeli. Per questo procedette ad una epurazione massiccia della stessa Armata Rossa, promuovendo giovani quadri e ufficiali, sulla base di requisiti di fedeltà più che di capacità, a scapito degli elementi più esperti, ma per questo motivo più potenzialmente autonomi. A tal proposito è diffusa l'opinione (espressa nei suoi scritti su Stalin, ad esempio, da Roy Medvedeev) che agli esiti di questa operazione, oltre a specifici errori di Stalin, si debba la relativa facilità con la quale le armate tedesche penetrarono profondamente nel territorio sovietico nel corso dell'Operazione Barbarossa nonostante il preavviso a Stalin fornito dalla spia sovietica presso i tedeschi Richard Sorge.

Allo scopo di allestire i processi (purghe) venivano utilizzate false accuse (spionaggio verso paesi stranieri, trockijsmo, frazionismo, in arte "formalismo", deviazionismo, cosmopolitismo, ecc.) che spesso venivano confermate dagli stessi interessati, per un malinteso senso di fedeltà alla causa e al partito, o nella speranza di essere giustiziati ponendo così rapidamente fine alle sofferenze date dalle torture.

Altro elemento che caratterizza il corso politico di Stalin è il recupero del nazionalismo panrusso, l'ostilità verso il "cosmopolitismo" e, in genere, contro ogni tendenza che subordinasse l'interesse nazionale, inteso nel senso più tradizionale, ad interessi più generali, anche se rivoluzionari o internazionalisti.

Sotto il governo di Stalin la Čeka, poi trasformata in NKVD (Commissariato del popolo per gli affari interni), la temuta polizia segreta sovietica, raggiunse l'apice del suo potere. Tuttavia neanche essa era dotata di un potere indipendente, e lo stesso suo capo Nikolaj Ivanovič Ežov, così importante da dare per il periodo del suo apogeo il nome alle purghe (chiamate allora in URSS ezovcine), finì vittima a sua volta di una purga. Vi sono testimonianze[1] che Stalin si fosse dotato di una rete di informatori del tutto autonoma, personale, che egli utilizzava, alla bisogna, contro i dirigenti da lui stesso favoriti e nominati.

Per questi motivi, una volta conosciuta la realtà del suo regime, lo stalinismo è diventato sinonimo di terrore e oppressione. Fu appunto Nikita Khruščёv, salito al potere dopo la morte del dittatore dopo essere riuscito a sbarazzarsi dell'erede putativo di Stalin, Lavrentij Berija, arrestandolo con un trabocchetto, a denunciare per primo i crimini di Stalin (durante il famoso XX Congresso del PCUS), definendoli "violazioni della legalità socialista", e il suo culto della personalità.

Critiche allo stalinismo[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni giudicano il regime di Stalin, lo stalinismo politico, come una degenerazione patologica del comunismo. Lo stesso Partito Comunista Italiano, sia pure in epoca molto posteriore ai fatti, assunse questa posizione. Questo non ha impedito ad alcuni dirigenti (come nel caso, tardivo, di Palmiro Togliatti) di operare dei distinguo, separando l'azione politica di Stalin dalla sua dottrina, criticando la prima ma salvando la seconda.

I sostenitori della visione dello stalinismo politico come degenerazione che si oppone all'epoca di Lenin portano le seguenti ragioni:

  1. lo stalinismo ha tratto teoricamente origine dal leninismo ma già Lenin aveva previsto che la gestione del partito sotto Stalin avrebbe potuto degenerare. Nelle parole di Lenin infatti (Testamento di Lenin ): "il compagno Stalin, divenuto segretario generale, ha concentrato nelle sue mani un immenso potere, e io non sono sicuro che egli sappia servirsene sempre con sufficiente prudenza".
  2. è stato calcolato che solo nel biennio 1937-1938 il numero di vittime della repressione ammontò a 40.000 al mese, dei quali molti avrebbero dovuto essere considerati proletari, la classe rivoluzionaria secondo i comunisti.
  3. Khruščёv aveva affermato: "gli stessi membri del Politburo avevano paura di essere convocati da Stalin: non sapevano mai che cosa poteva loro capitare!". Delle 31 persone tra coloro che entrarono nei Politburi di Lenin e Stalin (1919-1938) effettivamente solo sei sopravvissero a Stalin (Andreev, Kaganovich, Krusciov, Mikojan, Molotov, Voroscilov). Degli altri 25: 19 furono fucilati, 2 si suicidarono e solo 4 morirono di morte naturale. Questo è apparso il tipico approccio di una certa "ortodossia" abbastanza diffusa nei partiti comunisti occidentali, dopo la destalinizzazione.

I sostenitori della visione secondo la quale invece il regime di Stalin trae origine dalle concezioni populiste verso le quali Lenin stesso indulse, e quindi, che si trattò di una degenerazione nel senso di estremizzazione, portano invece le seguenti ragioni:

  1. Stalin si impadronì di un partito oramai divenuto a sua volta totalmente padrone del quadro politico, senza reali riferimenti sociali, senza interlocutori né opposizione, sostituitosi ormai allo stato, dopo la distruzione di ogni opposizione politica e dei soviet, suggellata definitivamente dalla repressione di Kronstadt.
  2. Lo stesso Trockij non riuscì ad opporsi efficacemente alla irresistibile ascesa del tiranno perché non seppe mai liberarsi del mito del partito, all'interno del quale la sua lotta politica restò sempre confinata, e non si rivolse mai alla società civile per un malinteso spirito di disciplina (anche esso fortemente derivato dalle idee del populismo russo). In ogni caso nella società civile, anche per responsabilità dello stesso Trockij, era stata fatta terra bruciata e non esistevano probabilmente più forze in grado di opporsi.
  3. La "teoria del socialismo in un solo paese", un ossimoro secondo le concezioni allora correnti del movimento operaio internazionale, dei movimenti rivoluzionari europei e perfino di quelli russi, era lo sbocco inevitabile di una "rivoluzione proletaria senza proletariato" e cioè, in ultima analisi, nella dottrina comunista, di una "non rivoluzione". A questa visione possono essere ascritti critici della prima ora dello stalinismo, quali Boris Souvarine, critici di matrice socialista e in parte, salvo forse per le critiche a Trockij, di una parte del trockijsmo. È in buona sostanza se non esplicitamente condivisa, almeno sottesa all'opera di molti degli storici che si sono occupati della Russia nel Novecento e dell'Unione Sovietica, quali ad esempio in Italia Piero Melograni, in Francia Hélène Carrère d'Encausse.

Vittime[modifica | modifica wikitesto]

Ai nomi eccellenti di vittime delle Grandi purghe occorre aggiungere milioni di persone anonime le cui storie sono state raccontate da Aleksandr Solženicyn nel suo celebre "Arcipelago Gulag". Lo stesso Solženicyn in un discorso pubblico tenuto a New York il 30 giugno 1975, pochi mesi dopo il suo esilio affermò:

"Secondo il calcolo degli specialisti, basati sulle statistiche più precise ed obiettive, nella Russia prerivoluzionaria, durante gli 80 anni precedenti alla Rivoluzione, gli anni dei movimenti rivoluzionari (quando ci furono attentati contro la stessa vita dello Zar, l'assassinio di uno Zar e la rivoluzione), durante quegli anni furono giustiziati in media 17 persone l'anno. La famosa Inquisizione spagnola, nella decade in cui la persecuzione raggiunse il culmine, fu causa della morte di una decina di persone al mese. In Arcipelago Gulag cito un libro, pubblicato dalla Čeka nel 1920, che rende conto orgogliosamente del lavoro rivoluzionario svolto tra il 1918 ed il 1919 scusandosi del fatto che i suoi dati erano incompleti. Nel 1918 e 1919 la Čeka assassinò, senza processo, più di mille persone al mese. Il libro fu scritto dalla stessa Čeka, prima che comprendesse come sarebbe stato visto dalla storia".
"Nel massimo del terrore staliniano, nel 1937-1938, se dividiamo il numero di persone assassinate per il numero di mesi, il risultato ci dà 40,000 persone al mese. Queste sono le cifre: 17 l'anno, 10 al mese, più di mille al mese, più di 40.000 al mese".

Un calcolo approssimativo (Deutscher)[senza fonte] riporta che Stalin assassinò non meno di un milione e mezzo di comunisti e circa 15 milioni di cittadini sovietici, a vario titolo. Tra le vittime vanno inclusi coloro che furono spinti al suicidio o la cui morte venne ufficialmente dichiarata per suicidio, fra cui tutta l'intellettualità prerivoluzionaria appartenente sia al campo bolscevico sia ad altri settori della politica, della scienza e della cultura.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Žores Medvedeev, Roy Medvedeev Stalin sconosciuto, Feltrinelli

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ludo Martens, Stalin. Un altro punto di vista, Verona, Zambon, 2005. ISBN 88-87826-28-5
  • Giselher Wirsing, Stalinismo. La politica sovietica nella seconda guerra mondiale, Milano, A. Mondadori, 1944.
  • Giuseppe Maranini, Socialismo, non stalinismo, Firenze, All'insegna di Alvernia, 1949.
  • Aa. Vv., 9 domande sullo stalinismo, Roma, Nuovi Argomenti, 1956.
  • Raymond Borde, La fine dello stalinismo, Milano, A. Mondadori, 1957.
  • Angelo Tasca, Autopsia dello stalinismo, Milano, Edizioni di comunità, 1958.
  • Bruno Rizzi, La lezione dello stalinismo. Socialismo e collettivismo burocratico, Roma, Opere nuove, 1962.
  • Guelfo Zaccaria, 200 comunisti italiani tra le vittime dello stalinismo. Appello del Comitato italiano per la verità sui misfatti dello stalinismo, Milano, Azione comune, 1964; SugarCo, 1983.
  • Gaetano Napolitano, Economie degli errori nei sistemi del capitalismo e dello stalinismo. Studi recenti pubblicati su "Stato sociale", ulteriormente rieleborati, Torino, Unione tipografico-editrice torinese, 1967.
  • Alec Nove, Stalinismo e antistalinismo nell'economia sovietica, Torino, Einaudi, 1968.
  • Livio Maitan, PCI 1945-1969: stalinismo e opportunismo, Roma, Samonà e Savelli, 1969.
  • Georges Bataille, La parte maledetta. La società di impresa militare-religiosa, il capitalismo, lo stalinismo, Verona, Bertani, 1972.
  • Andrija Kresic, Per la critica dello stalinismo. Società politica e mitologia politica, Bari, De Donato, 1972.
  • Roj Aleksandrovic Medvedev, Lo stalinismo, Milano, A. Mondadori, 1972.
  • Louis Rapoport, La guerra di Stalin contro gli ebrei, Rizzoli, 1991
  • Giuseppe Paolo Samonà, Letteratura e stalinismo. Note e sintesi, 1958-1974, Roma, Savelli, 1974.
  • Giuseppe Boffa, con Gilles Martinet, Dialogo sullo stalinismo, Roma-Bari, Laterza, 1976.
  • Giuseppe Boffa, Storia dell'Unione Sovietica, 2 voll., Milano, A. Mondadori, 1976-1979.
  • Louis Althusser, Umanesimo e stalinismo. I fondamenti teorici della deviazione staliniana, Bari, De Donato, 1977.
  • Ulf Wolter, Origini dello stalinismo. Lo sviluppo del marxismo da scienza a ideologia, Milano, La Salamandra, 1977.
  • Alessandro Coletti, Il governo di Ventotene. Stalinismo e lotta politica tra i dirigenti del PCI al confino, Milano, La Pietra, 1978.
  • Dimitrios Demu, Il sorriso di Stalin. Stalinismo e disgelo nei ricordi di uno scultore romeno, Milano, Rusconi, 1978.
  • Alfonso Leonetti, Vittime italiane dello stalinismo in Urss, Milano, La salamandra, 1978.
  • Ferdinando Ormea, Le origini dello stalinismo nel PCI. Storia della "svolta" comunista degli anni Trenta, Milano, Feltrinelli, 1978.
  • Boris Souvarine, Lo stalinismo, Genova, ECAT, 1978.
  • Aldo Natoli, Sulle origini dello stalinismo. Saggio popolare, Firenze, Vallecchi, 1979.
  • Michal Reiman, La nascita dello stalinismo, Roma, Editori Riuniti, 1980.
  • Giuseppe Boffa, Il fenomeno Stalin nella storia del XX secolo. Le interpretazioni dello stalinismo, Roma-Bari, Laterza, 1982.
  • Jean-Francois Kahn, Stalin 83. Stalinismo di destra, stalinismo di sinistra, Milano, Spirali, 1983.
  • Aleksandr Zinov'ev, Lo slancio della nostra giovinezza. Saggio letterario-sociologico sullo stalinismo, Milano, Spirali, 1986.
  • Francesco Benvenuti, Silvio Pons, Il sistema di potere dello stalinismo. Partito e Stato in URSS, 1933-1953, Milano, FrancoAngeli, 1988.
  • Giors Oneto, " Le stalinisme apres Staline", Aubagne, Spiridon Int., 1987.
  • Onorato Damen, Gramsci tra marxismo e idealismo. L'analisi di un esponente della prima opposizione allo stalinismo, Milano, Prometeo, 1988.
  • Moshe Lewin, Storia sociale dello stalinismo, Torino, Einaudi, 1988.
  • Gian Paolo Tozzoli, Il caso Albania. L'ultima frontiera dello stalinismo, Milano, FrancoAngeli, 1989.
  • Alain Brossat, Agenti di Mosca. Stalinismo e la sua ombra, Bari, Dedalo, 1991.
  • Boris Groys, Lo stalinismo, ovvero L'opera d'arte totale, Milano, Garzanti, 1992.
  • Giorgio Sacchetti, Otello Gaggi. Vittima del fascismo e dello stalinismo, Pisa, BFS, 1992.
  • Gyorgy Lukacs, con Werner Hofmann, Lettere sullo stalinismo, Gaeta, Bibliotheca, 1993.
  • Arturo Peregalli, Stalinismo. Nascita e affermazione di un regime, Genova, Graphos, 1993.
  • Robert Conquest, Il grande terrore. Gli anni in cui lo stalinismo stermino milioni di persone, Milano, BUR, 1999.
  • Aldo De Jaco, Fine di un gappista. Giorgio Formiggini e lo stalinismo partenopeo, Venezia, Marsilio, 1999.
  • Andres Romero, Dopo lo stalinismo. Gli stati burocratici e la rivoluzione socialista, Roma, Prospettiva, 1999.
  • Lev Sedov, Stalinismo e opposizione di sinistra. Scritti 1930-1937, Roma, Prospettiva, 1999.
  • Martin McCauley, Stalin e lo stalinismo, Bologna, Il mulino, 2000; 2004.
  • Daniele Rocca, Drieu La Rochelle. Aristocrazia, eurofascismo e stalinismo, Aosta, Stylos, 2000.
  • Stefano Petilli, con Riccardo Scarpa, Processi di sviluppo tra libertà, eguaglianza e stato. Riflessioni critiche per una sociologia del liberalismo, dello stalinismo e della globalizzazione. Confronto a due voci, Roma, Eucos, 2002.
  • Andrea Romano, Lo stalinismo. Un'introduzione storica, Milano, B. Mondadori, 2002.
  • Victor Zaslavsky, Lo stalinismo e la sinistra italiana. Dal mito dell'Urss alla fine del comunismo 1945-1991, Milano, Mondadori, 2004.
  • Niccolo Pianciola, Stalinismo di frontiera. Colonizzazione agricola, sterminio dei nomadi e costruzione statale in Asia centrale, 1905-1936, Roma, Viella, 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]