Stalag 17 - L'inferno dei vivi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stalag 17 - L'inferno dei vivi
Stalag Holden.jpg
William Holden
Titolo originale Stalag 17
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1953
Durata 120 min
Colore B/N
Audio sonoro
Rapporto 1.37:1
Genere commedia, guerra, drammatico
Regia Billy Wilder
Soggetto Donald Bevan, Edmund Trzcinski
Sceneggiatura Billy Wilder, Edwin Blum
Produttore Billy Wilder
Fotografia Ernest Laszlo
Montaggio George Tomasini
Effetti speciali Gordon Jennings
Musiche Leonid Raab, Franz Waxman
Scenografia Franz Bachelin, Hal Pereira (art director)
Sam Comer, Ray Moyer (set decorator)
Costumi Allan Sloane
Trucco Wally Westmore, Harry Ray
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
« Ach so! »
(Sefton)

Stalag 17 - L'inferno dei vivi (Stalag 17) è un film del 1953 diretto da Billy Wilder, ambientato in un campo di internamento tedesco, il campo numero 17 appunto.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia si svolge nel campo 17, dove uno dei reclusi è un finto prigioniero americano, in realtà tedesco, che spia gli altri prigionieri per conto dei nazisti. Egli scopre e trasmette i piani di fuga alle guardie del campo con un abile sistema segreto. Un altro prigioniero americano, ingiustamente accusato di essere la spia, alla fine smaschera l'infiltrato e riesce a farlo uccidere per poi fuggire.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

L'attore Jay Lawrence, nella versione doppiata in italiano, fa diverse imitazioni di attori americani e quindi si decise di doppiarlo con voci differenti a seconda dell'attore imitato. Fu doppiato da Emilio Cigoli quando imitava Clark Gable, da Lauro Gazzolo quando imitava Ronald Colman e da Roberto Gicca quando imitava James Cagney.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]