Stadio Erasmo Iacovone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Erasmo Iacovone
Salinella
Stadio Erasmo Iacovone Taranto.jpg
Informazioni
Stato Italia Italia
Ubicazione Via Lago di Como
74121 Taranto (TA)
Inizio lavori 1965
Inaugurazione 1965
Struttura Pianta quadrata
Copertura Tribuna
Pista d'atletica Assente
Ristrutturazione 1985
Costi di ricostr. 14 miliardi di Lire
Mat. del terreno Erba
Dim. del terreno 105 x 68 m
Proprietario Comune di Taranto
Progetto  
Uso e beneficiari
Calcio Taranto Taranto
Capienza
Posti a sedere 30.000 (ridotti a 12.194)
 

Lo stadio "Erasmo Iacovone" di Taranto, ex stadio "Salinella" dal nome del quartiere cittadino nel quale è situato, è il maggiore stadio di calcio della città.

Con i suoi 30.000 posti ca. è il quarto impianto più capiente della regione, nonché uno dei più grandi del Sud Italia.

Attualmente la sua capienza è ridotta a 12.154 posti[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo stadio, inaugurato l'8 dicembre 1965 con una partita amichevole contro il Foggia terminata zero a zero, prese il posto del vecchio stadio "Valentino Mazzola", divenuto strutturalmente inadeguato alle ambizioni dell'Associazione Sportiva Taranto, la società di calcio maschile più rappresentativa dell'epoca. "Un grande stadio per una grande squadra" fu lo slogan che si coniò per l'occasione: esso fu costruito in 100 giorni, utilizzando 130 km di tubi Innocenti e 900 metri cubi di gradoni di legno. In muratura erano soltanto gli spogliatoi e i servizi igienici. Per le palificazioni, la rete di recinzione e le 24 porte di accesso disseminate lungo il muro di recinzione, furono impiegati 5.000 quintali di ferro lavorato. La capienza collaudata fu per 22.610 spettatori, mentre quella massima fu di circa 25.000. Il settore di tribuna coperta fu inoltre dotato di seggiolini in legno semovibili, utilizzati molto spesso dai suoi frequentatori per creare un vero e proprio clima da bolgia infernale, sbattendole all'unisono durante gli incontri calcistici per fare rumore. Il nuovo stadio fu chiamato Stadio Salinella

La prima partita di campionato di Serie C giocata nel nuovo stadio fu Taranto – Sambenedettese del 19 dicembre 1965, e si concluse con il risultato di 1-0 per gli ospiti.

Il 6 febbraio 1978, nel corso di uno dei campionati di Serie B più memorabili nei ricordi dei tarantini, morì per un incidente stradale il centravanti Erasmo Iacovone: lo stadio venne allora intitolato alla sua memoria.

Nel 1985 la nuova normativa in materia di sicurezza rese di fatto la struttura inagibile. Lo stadio venne allora sottoposto ad un cambiamento profondo, costringendo squadra e tifosi a migrare negli stadi delle località limitrofe. I tubi Innocenti ed i gradoni in legno furono sostituiti da 2.500 metri cubi di calcestruzzo e da 1000 quintali di acciaio, fu costruito un profondo fossato tra il terreno di gioco e gli spalti, fu innalzato un secondo anello per ogni settore ed installato un moderno impianto di illuminazione. Furono inoltre spostati gli spogliatoi sotto il settore di Tribuna, ristrutturati i servizi igienici, rimodernata la sala stampa e ristrutturato il campo B situato alle spalle del settore di Gradinata. Al termine dei lavori, appaltati e realizzati in diverse fasi nel corso degli anni successivi, la capienza risulterà pari a 27.584 posti.

Il 26 aprile 1989 lo stadio ospitò per la prima volta la Nazionale italiana in una partita amichevole contro l'Ungheria, e vinse per 4-0 (reti di Berti, Carnevale, Ferri e Vialli).

In occasione dei XIII Giochi del Mediterraneo del 1997, lo stadio è stato dotato di un tabellone luminoso.

Durante la stagione 2007-2008 in seguito agli incidenti di Taranto-Massese[2] concomitanti e collegati agli avvenimenti che portarono all'omicidio del tifoso laziale Gabriele Sandri[3], lo stadio Iacovone fu squalificato per 4 giornate dal giudice sportivo[4] mentre la curva Nord fu chiusa per 10 giornate[5]. Da allora lo stadio non ha più riaperto nella sua totale capienza che anzi è stata sensibilmente ridotta con il varo delle nuove normative sulla sicurezza negli stadi, fino alla fine della stagione infatti gradinata, tribuna e curva Sud dell'anello inferiore furono interdette e la capienza massima portata prima a 3861[6] posti e poi, con la fine della squalifica della curva Nord, a 7499 posti[7], solo la curva Nord rimase agibile in entrambi i livelli per le ultime due giornate della stagione regolare.

Dai play-off 2007-2008 è stato agibile solo l'anello superiore, infatti in seguito alle verifiche dei tecnici comunali furono riscontrate crepe in quello inferiore, meno recente, che dunque venne chiuso perché bisognoso di una completa ristrutturazione che però a causa delle difficoltà economiche dell'Amministrazione comunale non fu possibile realizzare.

L'impianto tuttavia rimase nuovamente chiuso all'inizio della stagione 2008-2009 perché non ancora a norma (mancavano la zona prefiltraggio, i tornelli e il sistema di videosorveglianza) [8] e per tutto il girone d'andata e oltre, il Taranto fu costretto a giocare senza tifosi. Lo stadio fu ufficialmente riaperto al pubblico solo l'8 febbraio del 2009 nella gara casalinga con il Real Marcianise[9].

I problemi economici del Comune non hanno permesso di realizzare i lavori per l'anello inferiore fino al 2012, quando sono stati appaltati i lavori per il settore curva Nord, il cui cantiere è stato aperto l'8 maggio[10] e dopo il rifacimento ex-novo della struttura, finalmente riaperto al pubblico l'1 settembre 2013[11].

L'impianto è attualmente a norma secondo le leggi vigenti in materia di sicurezza, ha un'area di prefiltraggio, tornelli elettronici, videosorveglianza e un posto di polizia e la Commissione di vigilanza ha autorizzato la nuova capienza a 12.154 spettatori[12].

Nella stagione 2014-2015 ha ospitato alcune partite interne della seconda squadra di calcio cittadina, l'Hellas Taranto, militante nel campionato di Eccellenza Puglia 2014-2015.


Dati tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito, dati tecnici relativi all'impianto.[13]

planimetria dello stadio Erasmo Iacovone
  • Capienza e suddivisione dei posti dichiarate:
    • Primo anello: 1 338
      • Tribuna: inagibile
      • Gradinata: inagibile
      • Curva Nord: 1.338
      • Curva Sud: inagibile
    • Secondo anello: 10 686
      • Tribuna: 3.243
      • Gradinata: 3.333
      • Curva Nord: 2.597
      • Curva Sud: 1.513
    • Capienza anelli:  
    • Tribuna d'onore:
    • Posti stampa:
    • Postazioni per disabili: (più accompagnatori)
    • Capienza complessiva: 26 384 (attuale 12 154[14])
  • Sicurezza: numerazione di tutti i posti, individuazione cromatica dei settori lato Tribuna, accessi indipendenti, chiara segnaletica, videosorveglianza, postazione GOS, tornelli all'entrata, area prefiltraggio.
  • Comfort: installazione di sedili per i posti di Tribuna, servizi igienici.
  • Campo di gioco: 105 m × 68 m.
  • Struttura: Primo anello e secondo anello in acciaio e cemento

Partite di livello internazionale[modifica | modifica wikitesto]

XIII Giochi del Mediterraneo[modifica | modifica wikitesto]

Taranto
19 giugno 1997
Spagna Spagna 0 – 0 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Stadio Erasmo Iacovone
Arbitro Niger Bouchardeau

Taranto
23 giugno 1997
Turchia Turchia 1 – 0
(d.t.s.)
Grecia Grecia Stadio Erasmo Iacovone
Arbitro Niger Bouchardeau

Europei Under 21[modifica | modifica wikitesto]

Taranto
17 novembre 1999, ore 20.45 CET
Italia Italia 2 – 1
(d.t.s.)
Francia Francia Stadio Erasmo Iacovone (25.000 circa spett.)
Arbitro Portogallo Lucilio Cardoso Cortez Batista

Amichevoli[modifica | modifica wikitesto]

Nazionale Maggiore[modifica | modifica wikitesto]

Taranto
6 febbraio 1989, ore 15.30 CET
Italia Italia 4 – 0 Ungheria Ungheria Stadio Erasmo Iacovone (40.000 circa spett.)
Arbitro Svizzera Röthlisberger

Nazionale Under 20[modifica | modifica wikitesto]

Taranto
8 dicembre 2009, ore 17.00 CET
Italia Italia 1 – 4 Germania Germania Stadio Erasmo Iacovone

Concerti e Avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

A partire dall'agosto del 1987, l'impianto è stato usato per molti concerti musicali; il primo artista italiano a esibirsi è stato Vasco Rossi il 14 agosto dello stesso anno[15] e la prima donna fu Laura Pausini il 28 giugno 2005. Il primo gruppo straniero a esibirsi allo Iacovone è stato la band pop-soul britannica dei Simply Red che ha suonato il 22 luglio 2003[16]


  1. Vasco Rossi (14 agosto 1987) - C'è Chi Dice No Tour
  2. Zucchero (14 settembre 1999) - Bluesugar World Tour
  3. Renato Zero (25 luglio 2001)
  4. Simply Red (22 luglio 2003)
  5. Eros Ramazzotti (17 luglio 2004)
  6. Tiziano Ferro (20 agosto 2004)
  7. Laura Pausini (28 giugno 2005) - World Tour 2005
  8. Pooh (25 giugno 2006)
  9. Jovanotti (18 luglio 2006) - Tour Buon Sangue
  10. Gianna Nannini (23 luglio 2006)

Avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Taranto - Organigramma del 2014-2015, delfinierranti. URL consultato il 9 aprile 2015.
  2. ^ Il calcio all'inferno, delfinierranti.org. URL consultato il 9 aprile 2015.
  3. ^ repubblica.it, http://www.repubblica.it/2007/11/dirette/sezioni/cronaca/a1/a1/index.html?ref=search. URL consultato il 9 aprile 2015.
  4. ^ Taranto che mazzata, delfinierranti.org. URL consultato il 9 aprile 2015.
  5. ^ Giudice, un'altra mazzata, delfinierranti.org. URL consultato il 9 aprile 2015.
  6. ^ C'è spazio per pochi:lo Iacovone ha 3861 posti, delfinierranti.org. URL consultato il 9 aprile 2015.
  7. ^ Tolleranza zero ai tifosi violenti, delfinierranti.org. URL consultato il 9 aprile 2015.
  8. ^ A porte chiuse, delfinierranti.org. URL consultato il 9 aprile 2015.
  9. ^ Taranto, riapre lo stadio Iacovone, ilgiornaledellosport.ne. URL consultato il 9 aprile 2015.
  10. ^ STADIO ERASMO IACOVONE: I LAVORI SONO PARTITI VERAMENTE, ECCO LA PROVA, fondazionetaras.it. URL consultato il 9 aprile 2015.
  11. ^ TARANTO CALCIO: RIAPRE LA CURVA NORD E PARTE LA PREVENDITA, tvtaranto.it. URL consultato il 9 aprile 2015.
  12. ^ RIAPRE LA CURVA NORD, delfinierranti.org. URL consultato il 9 aprile 2015.
  13. ^ Taranto, riapre lo stadio Iacovone, ilgiornaledellosport.net. URL consultato il 9 aprile 2015.
  14. ^ TARANTO - ORGANIGRAMMA DEL 2014-2015, digilander.libero.it. URL consultato il 9 aprile 2015.
  15. ^ C'è Chi Dice No Tour 1987, vascorossiforever.it. URL consultato l'8 aprile 2015.
  16. ^ i Simply Red il 22 a Taranto, repubblica.it. URL consultato l'8 aprile 2015.