Stadio Città di Arezzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 43°27′04″N 11°53′40″E / 43.451111°N 11.894444°E43.451111; 11.894444

Città di Arezzo
Stadio Arezzo.jpg
Informazioni
Stato Italia Italia
Ubicazione Via Antonio Gramsci
52100 Arezzo (AR)
Inizio lavori 1959
Inaugurazione 1961
Copertura tribuna
Pista d'atletica presente
Ristrutturazione 1992
Mat. del terreno erba
Dim. del terreno 105 × 68 m
Proprietario Comune di Arezzo
Uso e beneficiari
Calcio Arezzo Arezzo
Capienza
Posti a sedere 13.128
 

Lo Stadio "Città di Arezzo" è il principale impianto calcistico di Arezzo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Inaugurato il 24 settembre 1961, in sostituzione del vecchio stadio cittadino, ha, da allora, sempre ospitato le gare interne dell'Associazione Calcio Arezzo, cui è concesso in uso. L'impianto appartiene al comune di Arezzo e, per tale motivo, si è chiamato "Stadio Comunale" fino al 18 novembre 2006 quando la giunta comunale della città toscana ne ha modificato il nome in quello attuale.

L'originaria forma dell'impianto era ellittica e gli unici settori disponibili erano la tribuna coperta e l'opposta "Maratona" . Il 28 febbraio 1965, in occasione della partita Arezzo-Ternana 1-1, fu aperta per la prima volta la curva "Nord", destinata agli ospiti sostenitori; il 19 settembre 1982, per la gara Arezzo-Foggia 0-0, fu inaugurata la "Sud", ospitante i tifosi locali e fino ad allora in gradoni d'erba. Il terreno erboso era circondato da una pista di atletica, inaugurata nel 1967. La capienza iniziale dello stadio, prima dell'apertura della curva nord, era di 8.000 posti.

Una prima sostanziale modifica fu eseguita nel 1992, in occasione della visita di papa Giovanni Paolo II alla Diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro (19 e 20 settembre 1992). La tribuna centrale venne rinnovata, permettendo così al Papa la celebrazione di una messa il giorno conclusivo della visita; in generale l'impianto fu reso maggiormente efficiente sul piano delle infrastrutture e della sicurezza, rinnovando la sala stampa, gli spogliatoi e i corridoi di accesso.

Nel 2004, all'indomani della promozione dell'Arezzo in serie B e per il previsto aumento delle presenze alle relative partite, venne completamente ricostruita la curva Sud. In precedenza, tale settore dello stadio possedeva la forma curvilinea della curva nord e poteva ospitare circa 2.000 spettatori. Demolita subito dopo la fine del campionato di Serie C1 2003-04, la curva è stata ricostruita in una nuova versione "all'inglese" pur priva di una copertura, con forma rettangolare e molto più alta della precedente. Ribattezzata dagli ultras amaranto "Curva Lauro Minghelli" (in onore dello sfortunato ex-capitano aretino, deceduto nel 2004 a causa del Morbo di Gehrig), può ospitare 5.000 persone, dando allo spettatore un'ottima visibilità del terreno di gioco anche nei livelli più alti. La "Curva Minghelli" dà direttamente sul campo e, per tale motivo, la sua realizzazione ha richiesto la demolizione del tratto della pista di atletica che precedentemente percorreva l'intera ellisse dello stadio. Del resto la pista di atletica non veniva più utilizzata da anni (le gare di atletica ad Arezzo sono infatti disputate in un altro impianto, situato in via Fiorentina).

L'edificazione della nuova curva ha portato lo stadio all'attuale capienza di 13.128 posti.

Infrastrutture[modifica | modifica wikitesto]

Lo stadio è vicino al centro cittadino ed è facilmente raggiungibile in auto, a piedi o facendo uso dei mezzi pubblici. È circondato da un ampio parcheggio di circa 500 posti auto, mentre nelle immediate vicinanze ne sorge un altro, sito in prossimità del locale campo da baseball. Il "Città di Arezzo" sorge in effetti nella principale area sportiva cittadina, nella quale si trova anche la piscina comunale e un campo da rugby.

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alla citata visita di papa Giovanni Paolo II, lo stadio ha ospitato ininterrottamente la manifestazione musicale di Arezzo Wave dal 1996 al 2006, quando ne è stato annunciato lo spostamento a Campi Bisenzio (in provincia di Firenze) e successivamente a Livorno.

A livello calcistico, la nazionale italiana di calcio ha qui giocato due amichevoli: accadde il 18 maggio del 1990, quando gli azzurri di Azeglio Vicini si imposero sul Cannes (squadra che allora militiva in Prima Divisione francese) per 3 reti a 0 durante la preparazione ai mondiali di Italia '90 e contro lo stesso Arezzo il 28 novembre del 1993, partita vinta dagli azzurri di Arrigo Sacchi per 9 reti ad 1.