Stabilità (sistema)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La stabilità di un sistema è la sua capacità di mantenere le sue grandezze in uscita entro valori limitati a fronte di variazioni limitate delle grandezze ai suoi ingressi (stabilità semplice o sistema semplicemente stabile). Se invece tendono, con l'andare del tempo, a stabilizzarsi ad un dato valore si parla di stabilità asintotica o sistema asintoticamente stabile.

Quanto sopra è la cosiddetta stabilità esterna di un sistema; esiste poi anche il concetto di stabilità interna, che prende in considerazione lo stato interno del sistema invece delle sue uscite. Quindi, un sistema è semplicemente stabile secondo Lyapunov se a fronte di perturbazioni limitate del suo stato iniziale, l'evoluzione successiva di questo (la traiettoria dello stato) rimane a una distanza limitata dalla traiettoria dello stato non perturbato; è invece asintoticamente stabile secondo Lyapunov se la traiettoria dello stato perturbato tende a quella dello stato non perturbato, cioè se la distanza fra le due traiettorie diminuisce costantemente con l'andare del tempo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]