Squilla mantis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cannocchia
Squilla mantis - Naturmuseum Senckenberg - DSC02132.JPG

Squilla mantis.jpg
Squilla mantis

Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Arthropoda
Subphylum Crustacea
Classe Malacostraca
Sottoclasse Hoplocarida
Ordine Stomatopoda
Sottordine Unipeltata
Superfamiglia Squilloidea
Famiglia Squillidae
Genere Squilla
Specie S. mantis
Nomenclatura binomiale
Squilla mantis
Nomi comuni

heuschreckenkrebs (DE) skoulíki (EL)
mantis shrimp (EN) galera (ES) squille (FR)
Nomi regionali italiani:
pannocchia, panocchia (Abruzzo), sparnocchia,
spernocchia, scrificio (Campania); canocchia (Emilia-Romagna)
balestrin, sigà de maa, sighea (Liguria)
pannocchia (Marche), cecala, caraviedde (Puglia)
cambara de fangu, solegianu de mari (Sardegna)
astrea, stria, streusa, schirifizu (Sicilia), canocia
(Veneto, Friuli-Venezia Giulia)

La cannocchia o canocchia, detta anche pannocchia o panocchia (Squilla mantis) è un crostaceo della famiglia degli Squillidae che può raggiungere una lunghezza massima di 20 cm.

I nomi dialettali usati in letteratura per indicare questa specie sono: panocchia, pannocchia (Abruzzo); spernocchia, sparnocchia (Campania); canocia, canoccia (Veneto, Friuli-Venezia Giulia); sparnocchia e cicala di mare (Lazio); balestrin, sigà de mà. çigařa (Liguria); cannocia, pannocchia (Marche); cannocchiella, cecala (Puglia); càmbara de fangu, solegianu de mari (Sardegna); astrea, cegala de mari (Sicilia); canocchia, cicala di mare (Toscana).

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Ha una corazza di colore bianco-grigiastra con riflessi rosati e con due caratteristiche macchie ovali bruno-violacee sulla coda simili ad occhi, la forma è allungata.

Vive ad una profondità che va dai 10 m ai 200 m sui fondi sabbiosi, fangosi costieri, spesso in prossimità della foce dei fiumi o dello sbocco dei canali.

La canocchia è un animale solitario, vive durante il giorno in gallerie scavate nel fondo e di notte esce alla ricerca di cibo o per la riproduzione. Viene generalmente catturata con le reti a strascico.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Egidio Trainito, Atlante di flora e fauna del Mediterraneo, 2004ª ed., Milano, Il Castello, 2004, ISBN 88-8039-395-2.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi