Squatina squatina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Squatina squatina
Squatina squatina lanzarote.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 CR it.svg
Critico
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Chondrichthyes
Sottoclasse Elasmobranchii
Ordine Hexanchiformes
Famiglia Squatinidae
Genere Squatina
Specie S. squatina
Nomenclatura binomiale
Squatina squatina
Linnaeus, 1758
Areale

Squatina squatina distmap.png

Squatina squatina Linnaeus, 1758 è uno squalo della famiglia Squatinidae e dell'ordine Squatiniformes.

Areale e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Vive nell'Oceano Atlantico Nordorientale, più precisamente dalla zona di Svezia, Norvegia e Isole Shetland fino al Marocco. Abita anche nel Mediterraneo e presso le Canarie, a profondità non superiori a 150 metri[1].

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Disegno di uno Squatina squatina.

Il maschio raggiunge lunghezze di 183 cm, la femmina di 244[1], anche se in genere la specie è lunga 1.5 metri[2]. La massa corporea più grande mai registrata è di 80 kg[3].

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Ha l'abitudine di giacere nascosto sul fondale, lasciando emergere soltanto gli occhi dalla sabbia o dal fango dove è sepolto. Conduce una vita notturna e rimane sempre nelle vicinanze del fondale anche mentre si muove. Si nutre principalmente di pesci ossei, ma anche di razze, crostacei e molluschi. Nella parte settentrionale dell'areale, è migratore stagionale.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

La specie è ovovivipara[4], e la madre mette al mondo tra 9 e 20 cuccioli per volta[1].

Interazioni con l'uomo[modifica | modifica wikitesto]

Viene consumato fresco, essiccato e saltato dall'uomo. A volte se ne ricava anche squalene e farina di pesce[1]. Con Regolamento CE 23/2010 la pesca della Squatina squatina, è diventata vietata.

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel Regno Unito questo squalo è noto come monkfish ed è stato venduto nei mercati fin dagli anni settanta. Nel febbraio del 2008 però, il Ministro per la Biodiversità britannico Joan Ruddock ha annunciato che lo Squatina squatina avrebbe ricevuto protezione legale totale in base al Wildlife and Countryside Act.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Compagno, L.J.V. 1984 FAO species catalogue. Vol. 4. Sharks of the world. An annotated and illustrated catalogue of shark species known to date. Part 1 - Hexanchiformes to Lamniformes. FAO Fish. Synop. 125(4/1):1-249.
  2. ^ Dorling Kindersley, Animal, New York City, DK Publishing, 2001,2005, ISBN 0-7894-7764-5.
  3. ^ Muus, B.J. and J.G. Nielsen 1999 Sea fish. Scandinavian Fishing Year Book, Hedehusene, Denmark. 340 p.
  4. ^ Dulvy, N.K. and J.D. Reynolds 1997 Evolutionary transitions among egg-laying, live-bearing and maternal inputs in sharks and rays. Proc. R. Soc. Lond., Ser. B: Biol. Sci. 264:1309-1315.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci