Squarcino Borri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Infobox militare}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

Squarcino Borri, detto anche Scarsino (Santo Stefano Ticino, 1230Invorio, 1277), è stato un condottiero italiano signore delle terre di Santo Stefano Ticino.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Squarcino era figlio di Lanfranco dei Borri (fine XII - inizio XIII secolo), signore feudale locale della città di Santo Stefano Ticino che vantava tra i propri antenati anche un vescovo milanese, San Mona. Ancora in gioventù, a differenza del padre, pur mantenendo le proprie prerogative signorili, Squarcino intraprese la carriera militare e si pose a capo dei nobili esuli da Milano all'avvento dei Torriani, rimanendo fedelissimo sostenitore della famiglia Visconti. Si distinse come capitano al servizio di Ottone Visconti nella famosa Battaglia di Desio.

Nel 1254 sposò Antonia, di casato sconosciuto, dalla quale ebbe una figlia, Bonacossa Borri, che venne data in sposa a Matteo I Visconti, che divenne in seguito Signore di Milano, a partire dal 1269. Nella medesima epoca alla famiglia Borri vennero riconfermati i propri diritti feudali sulle proprie terre, e lo stesso Squarcino divenne feudatario anche delle terre di Castellazzo de' Stampi, nel 1275, rimanendo in carica sino alla propria morte.

Morì a Invorio nel 1277.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie