Spyro 2: Season of Flame

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Spyro 2: Season of Flame
Sviluppo Digital Eclipse Software
Pubblicazione Universal Interactive Studios
Serie Spyro the Dragon
Data di pubblicazione Stati UnitiCanada 25 settembre 2002

EuropaAustralia 3 ottobre 2002

Giappone Non pubblicato

Genere Piattaforme
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma Game Boy Advance
Fascia di età ESRB: E (tutti)

ELSPA: 3+

OFLC:G

CERO: A

Preceduto da Spyro: Season of Ice
Seguito da Spyro: Enter the Dragonfly

Spyro 2: Season of Flame (o più semplicemente Spyro: Season of Flame) è un videogioco a piattaforme per Game Boy Advance della serie Spyro the Dragon, sviluppato da Digital Eclipse e pubblicato da Universal Interactive Studios e da Konami (in Giappone). È stato rilasciato in Nord America il 25 settembre e in Europa il 3 ottobre 2002. A differenza dell'originale, non è stato rilasciato in Giappone.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Dopo la loro ultima avventura, Spyro, Sparx, Bianca e Hunter si sono presi una lunga e meritata vacanza. Ma una volta tornata a casa, il draghetto viola si accorge che, incredibilmente, la temperatura nel Regno dei Draghi si è notevolemente abbassata, e come se non bastasse, il potere dei draghi di sputare fiamme è stato misteriosamente sostituito con un soffio di gelo. Ciò, a causa del fatto che qualcuno ha rubato le diverse lucciole che permettono di sputare fuoco, probabilmente Ripto.

Spyro si ritrova quindi un'altra volta costretto a partire per un lungo viaggio che lo porterà a recuperare gli oggetti rubati. Ma contro di lui ci saranno tutti gli scagnozzi del mago malvagio e i suoi due bracci destri, Crush e Gulp, oltre a Ripto stesso.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • I nomi delle 99 lucciole catturabili sono in gran parte legati al fuoco (es. Pepe, Scintilla);
  • il nome del teschio che in un livello Spyro deve riportare all'amico fantasma, è Yorick, chiara ispirazione a Yorick, personaggio dell'Amleto.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi