Sportitalia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sportitalia
Logo si.JPG
Paese Italia Italia
Lingua italiano
Tipo tematica
Target maschile
Slogan La TV dello sport
Versioni Sportitalia 576i 16:9 (SDTV)
(Data di lancio: 6 febbraio 2004 (1ª volta)
2 giugno 2014 (2ª volta)
Data chiusura 1º novembre 2013 (1ª volta)
Sito sportitalia.com
Diffusione
Terrestre

Dfree
Sportitalia (Italia)
DVB-T - FTA
LCN 153 SDTV
Streaming
Streamit Sportitalia (Adobe Flash)

Sportitalia è un canale televisivo tematico italiano dedicato allo sport e disponibile in Italia a livello nazionale sulla televisione digitale terrestre e in streaming sul portale Streamit.

Il direttore di Sportitalia è Michele Criscitiello.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Sportitalia si costituisce in seguito alla decisione dell'Autorità garante della concorrenza e del mercato di subordinare il via libera della fusione tra TELE+ e Stream alla cessione delle frequenze delle due reti criptate analogiche possedute da TELE+, TELE+ Bianco e TELE+ Nero.

Il finanziere tunisino Tarak Ben Ammar acquista le frequenze in collaborazione con l'emittente satellitare europea Eurosport. Queste diventano quindi di proprietà al 51% dalla Holland Coordinator and Service Bv del finanziere tunisino Tarak Ben Ammar e al 49% dal gruppo Télévision Française 1 - TF1 di Patrick Le Lay, principale emittente commerciale francese che possiede anche il 100% di Eurosport.

Nascono così le società Prima Tv spa e Europa Tv spa che il 30 ottobre 2003 ottengono il via libera dalla Commissione Europea e, successivamente, dalle competenti autorità italiane ed europee. In modo particolare il ministro Maurizio Gasparri emette un decreto che autorizza a trasformare le concessioni da reti TV criptate a reti TV in chiaro: ecco quindi Europa Tv trasmettere sulle vecchie frequenze di TELE+ 2 il canale Sportitalia.

Prima Tv invece lancerà il multiplex Dfree, digitalizzando così le proprie frequenze grazie a Elettronica Industriale (gruppo Mediaset), e su cui trasmetterà fino a gennaio 2009 Sportitalia; attualmente vi sono trasmessi i canali del pacchetto Premium Gallery.

Le trasmissioni iniziano il 6 febbraio 2004 alle ore 19.00, con un notiziario e la differita di una partita di Coppa Libertadores.

Sull'onda degli ottimi risultati di ascolto dei primi 18 mesi dell'emittente, furono lanciati due ulteriori canali irradiati via digitale terrestre: Sportitalia 2 (ex SI Live 24), tv di notizie sportive 24 ore su 24, e SI Solo Calcio, rete interamente dedicata al calcio e chiusa ad ottobre 2006 a seguito della rinuncia della diffusione delle partite di Serie B per la stagione 2006/2007. Nel 2005 l'emittente acquisì infatti per tre anni i diritti di trasmissione degli anticipi, dei posticipi e delle partite dei play off e dei play out di Serie B per tutte le piattaforme digitali. Il 7 settembre 2006 acquisì anche i diritti per la trasmissione di tutte le altre partite di Serie B solo sul digitale terrestre. Tale contratto venne però risolto il 6 ottobre 2006 a seguito di divergenze con la Lega Calcio e con Sky Italia, che aveva acquisito per la stagione 2006/2007 i diritti di trasmissione di tutte le partite del Campionato di Serie B sul satellite, ma anche per il fatto che la retrocessione della Juventus in B aveva scatenato una corsa ai diritti. Per cui Sportitalia trasmise per un solo anno anticipi, posticipi, play-off e play-out di Serie B, ma continuando a seguirla anche negli anni successivi con vari speciali e approfondimenti.

Dal 6 gennaio 2006, Sportitalia ha cominciato a trasmettere in chiaro dal satellite Hotbird (oscurando gli eventi di cui non deteneva i diritti per l'estero) ed è stato inserito nella numerazione Sky Box alla posizione 225.

Dal 16 maggio 2006, ha cessato le trasmissioni in forma analogica (attualmente sostituite dalle trasmissioni DVB-H di Mediaset), e da allora ha continuato a trasmettere esclusivamente in tecnica digitale su piattaforma terrestre e satellitare. Da agosto 2007 le trasmissioni satellitari su Hot Bird sono state codificate ed il canale è diventato accessibile ai soli abbonati Sky Italia fino al 9 gennaio 2009: in tale data, infatti, Sportitalia e Sportitalia 24 (non rientrando nella graduatoria relativa all'assegnazione del 40% della capacità trasmissiva dei multiplex nazionali) hanno cessato le trasmissioni sul mux Mediaset 2 trasferendosi nel mux TIMB 1 e tornando ad essere visibili in chiaro via satellite, ma solo alla posizione orbitale di 12,5 gradi ovest fino al 2011. Rimane comunque disponibile nella piattaforma a pagamento.

Nella primavera/estate del 2006 alcuni giornalisti hanno abbandonato Sportitalia (passando a Sky Italia e Mediaset), compreso il responsabile Antonio Costanzo, che però ha completamente cambiato settore trasferendosi in Austria, alle dipendenze di Bwin.

Dal 21 agosto 2009, il canale Sportitalia 24 è stato sostituito da Sportitalia 2. Inoltre, sempre dalla stessa data, è stata lanciata la nuova emittente radiofonica Sport Radio Energi. Inoltre pochi mesi dopo, il canale ha raggiunto un accordo con l'ULEB per trasmettere nelle prossime 3 stagioni l'Eurolega di basket. L'anno dopo arrivano i diritti di 2 competizioni francesi: il Top14 di rugby e la Ligue 1 di calcio, inoltre Sportitalia 24 rinasce come canale all-news sportivo affiancando gli altri 2.

Da novembre 2010, Sportitalia e Sportitalia 2 trasmettono vari eventi in 16:9. Durante queste trasmissioni, tuttavia, non viene attivato il flag del 16:9; in un televisore con rapporto d'aspetto 4:3 le immagini si vedono allungate verso l'alto, salvo impostazione manuale dell'utente; in un televisore con rapporto d'aspetto 16:9 queste immagini si vedono apparentemente nel formato corretto (in realtà i pixel si allungano), ma i loghi dei canali appaiono ovviamente deformati. Una scelta che, tecnicamente, è assecondata quasi da nessuno nel panorama televisivo nazionale, se non da ClassTV_MSNBC.

Dal 14 febbraio 2011 i canali di Sportitalia hanno cambiato multiplex sul digitale terrestre. Tivuitalia società di Screen Service si è aggiudicata un contratto per trasmettere sulle proprie frequenze per due anni i canali di Sportitalia[1]; ciò ha comportato anche la cessazione delle trasmissioni satellitari in chiaro su Atlantic Bird. La nuova distribuzione risulta avere una copertura inferiore, non essendo più presente all'interno di un multiplex a copertura nazionale. Il passaggio di Sportitalia al multiplex Tivuitalia ha comportato che in moltissime città italiane i canali di Sportitalia non siano visibili sul digitale terrestre.[2]

Dal 7 dicembre 2011 i canali Sportitalia 1 e Sportitalia 2 sono stati inseriti nel mux TIMB 2 solo dove è già avvenuto lo switch-off mentre dal 12 dicembre 2011 sono visibili per tutti sempre sul mux TIMB 2.

Il 5 giugno 2012 i canali Sportitalia 1, Sportitalia 2 e Sportitalia 24 sono stati rimossi dal mux TivuItalia.

Il 29 luglio 2013, i canali del gruppo di Sportitalia, ma senza il marchio Sportitalia sono stati venduti all'asta al gruppo editoriale romano LT Multimedia già editore di canali come: Nuvolari, Marcopolo, Alice, Arturo e Leonardo.

Il 1º novembre 2013 a mezzanotte i canali Sportitalia 1, Sportitalia 2 e Sportitalia 24 sono stati chiusi e sostituiti dai nuovi canali del gruppo LT Multimedia Sport Uno, Sport Due, Sport Tre che a loro volta sono stati chiusi il 20 febbraio 2014. L'ultima trasmissione di Sportitalia1 fu la partita di calcio Bayern Monaco-Viktoria Plžen di Champions League, con la telecronaca di Federico Casotti troncata improvvisamente al 25' di gioco. Attualmente sul digitale terrestre le numerazioni usate dai canali Sportitalia sono utilizzate da Nuvolari (LCN 60), Marcopolo (LCN 61) e un canale che trasmette in loop vecchi eventi sportivi e televendite (LCN 62).

È stato annunciato dalla stampa il ritorno solamente di Sportitalia il 2 giugno 2014 sul canale 153 del digitale terrestre sotto la direzione di Michele Criscitiello e Tarak Ben Ammar.[3]

Il 26 maggio 2014 il canale è stato aggiunto sul mux Dfree. Il 2 giugno 2014 alle ore 20:00 il canale ha cominciato le trasmissioni.

Programmi[modifica | modifica sorgente]

I programmi di Sportitalia possono essere divisi genericamente in due categorie: vi sono gli eventi sportivi veri e propri e le rubriche di approfondimento. Nell'ambito di ogni sport possiamo ovvero assistere sia al prodotto in sé stesso che a programmi (a volte autoprodotti a volte solo doppiati) che ne approfondiscono i temi.

Giornalisti[modifica | modifica sorgente]

Ascolti[modifica | modifica sorgente]

Share 24h* di Sportitalia 1[4][modifica | modifica sorgente]

Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre
2011 N.R. N.R. N.R. N.R. N.R. N.R. 0,17% 0,13% 0,08% 0.08% 0,07% 0,12%
2012 0,14% 0,12% 0,14% 0,13% 0,15% 0,22% 0,26% 0,22% 0,15% 0,14% 0,13% 0,14%
2013 0,17% 0,12% 0,14% 0,14% 0,17% 0,31% 0,33% 0,36% 0,22% 0,12% chiuso chiuso
2014 chiuso chiuso chiuso chiuso chiuso

*Giorno medio mensile su target individui 4+

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Come ricevere i canali di Sportitalia sulle nuove frequenze di Tivuitalia digitale terrestre
  2. ^ DTT. MSE-Com riconosce validità acquisizione impianti Tivuitalia per copertura 70% territorio, ma nega status operatore nazionale
  3. ^ Sportitalia: Ben Ammar e Sawiris riaccendono il segnale
  4. ^ Dati Auditel

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione