Split discografico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Uno split è tipicamente una tipologia di singolo, in particolare su 7", che contiene brani eseguiti solitamente da due gruppi musicali o artisti. Per estensione la definizione viene data anche ad album o EP contenenti brani di massimo due o tre artisti. Quando i gruppi sono molteplici, si parla invece di compilation.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Lo split può eguagliare in struttura e durata un qualsiasi full length, singolo o EP. Si differenza dalla compilation di artisti vari per numero di musicisti e tipo di contributo: nello split figurano solitamente un massimo di due o tre artisti che contribuiscono con un brano ciascuno (nel caso di singolo) o più brani ciascuno (nel caso di album).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I primi split sono stati pubblicati fin dagli anni ottanta sotto forma di vinile, e più raramente su cassetta; con la progressiva sostituzione del disco in vinile con il CD, anche gli split sono passati al nuovo supporto. In genere questo tipo di album è tipico delle produzioni indipendenti, e degli artisti rock, in particolare punk, indie ed heavy metal.

Etichette discografiche[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1999 al 2004 l'etichetta punk BYO Records ha pubblicato la BYO Split Series, una collana di 5 split[1] tra band punk.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ink 19 :: BYO Records
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica