Splinder

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Splinder
Splinder-logo.gif
URL splinder.com
Commerciale
Tipo di sito Blog hosting
Registrazione Opzionale
Proprietario
Creato da Tipic Inc
Lancio 2001
Stato attuale Disattivato

Splinder è stata una piattaforma blog sviluppata in lingua italiana a partire dal 2001 dalla società Tipic Inc, dal 2006 facente parte del Gruppo Dada, e ufficialmente chiusa il 31 gennaio 2012.

Nel 2003 Tipic Inc creò una versione del servizio per il mondo anglosassone, detta Motime, con scarso successo. L'annuncio della dismissione del sito è stato dato il 21 novembre 2011[1].

La parola "Splinder" non ha un significato conosciuto.

Servizi e tecnologia[modifica | modifica wikitesto]

Splinder offriva funzionalità di blog, multimedia, messaggistica istantanea, motore di ricerca, una sorta di servizio a metà strada tra il blogging e il social networking. La tecnologia di sviluppo si basava soprattutto su Software Libero e protocolli aperti (Linux, PHP, XMPP ecc.).

La community[modifica | modifica wikitesto]

Splinder aveva un approccio particolare nei confronti della comunità dei suoi iscritti, dato che conteneva strumenti pensati per facilitare la comunicazione e lo scambio di opinioni. In particolare, Splinder permetteva l'utilizzo di una chat per comunicare con gli altri utenti, di un servizio di messaggi privati, di script che mostravano agli utenti registrati i visitatori del proprio profilo e, per alcuni anni, di una webmail con dominio splinder.com. La home page di Splinder ed altre pagine erano pensate come vetrina per mettere in evidenza utenti e contenuti pubblicati.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Splinder nacque da un’idea di Marco Palombi, che nel 2001 parlava sul suo blog di "The lonely net", la rete solitaria. La riflessione alla base era che visitando i siti si era sostanzialmente soli, e veniva spontaneo chiedersi cosa stessero facendo quelli che contemporaneamente stavano leggendo le stesse parole. Una prima intuizione fu quella di creare soluzioni di messaggistica istantanea e cioè tecnologie che permettessero alle persone di comunicare facilmente e in maniera immediata. Passo successivo, con la stretta collaborazione di Francesco Delfino, poi chief technology officer di Tipic, fu quello di mettere insieme l'instant messenger e i contenuti, cioè il web; in particolare i blog. La combinazione di messaggistica istantanea e blog avrebbe permesso di risolvere il problema della "lonely net";

L'idea si sviluppò con l'incontro con Fabio Cabula e Andrea Santagata, che hanno contribuito insieme a Paolo Werbrouck, come cofondatori, all'ideazione del prodotto aziendale, alla definizione dei suoi requisiti funzionali e al lancio sul mercato.

A questi primi passi si sono aggiunti, Stefano Mallozzi e Damiano Mallozzi (sviluppo LAMP), Howard Liptzin (business development e community manager di Motime), Paolo Murgia (Product/Community per Splinder) e Roberto Lo Jacono (marketing e communication) oltre alle figure di riferimento per gli sviluppi successivi: Gino Micacchi (chat e mobile), Loreto Parisi (chat e mobile), Stefano Falsetto (sistemi), Lorenzo Glielmi (motore di ricerca).

Nell'ottobre 2006 Tipic venne acquistata da Dada Inc. del Gruppo Rcs.

Anche a causa della concorrenza di altre piattaforme come Wordpress.com (lanciato a fine 2005) e Blogger (reso disponibile in italiano a fine 2006), per Splinder è iniziato un periodo di declino. Questa parabola discendente, i cui primi segni hanno cominciato a scorgersi nel 2008, non ha subito inversioni di tendenza (ancora nel 2007 a volte raggiungevano le 2300 persone contemporaneamente online, mentre nel 2011 non si superavano quasi mai le 500 persone). Nel novembre 2011 Splinder ha annunciato la chiusura della piattaforma con decorrenza dal 31 gennaio 2012[1]. Il 1º febbraio 2012 la piattaforma è stata chiusa.

Pubblicazioni, iniziative, eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Splinder e la London School of Economics, una ricerca sul tema Blog e Politica in Italia dove si è voluto valutare in che modo leggere i blog potesse influenzare le nostre opinioni politiche,
  • Splinder e l’Università IULM di Milano, un’indagine, un convegno e un libro (“Blog-grafie. Identità narrative in rete”) pubblicato sul tema dei Blog diaristici, diari virtuali che rappresentano una forma di scrittura del sé e una nuova opportunità che viene offerta alla costruzione ed espressione della propria identità.
  • Diario Aperto, la più grande ricerca sui blogger fatta in Italia, promossa da Splinder, SWG, Università di Trieste e Punto Informatico.
  • Ibridamenti, Splinder e l’Università "Ca' Foscari" di Venezia insieme in un progetto per la creazione di un laboratorio sperimentale in cui si è aperto un confronto tra l’Università e i blogger.
  • Splinder e l’AIE (Associazione Italiana Editori) per la gestione dello SPAZIO BLOG di "Più Libri più liberi", la Fiera della piccola e media editoria di Roma, dicembre 2007.
  • Dal 2006, grazie anche al supporto logistico della casa madre Dada, la Redazione di Splinder organizza un evento annuale per festeggiare la community e far incontrare i blogger. Questo evento si chiama SplinderNight e si è svolto a Milano nel 2006 e a Roma nel 2007. Per l'edizione del 2008, le città candidate erano Firenze e Bologna, ma quell'anno l'evento non si è mai svolto: causa non meglio precisati problemi, la Redazione ha deciso di rinviarlo a data da destinarsi. La consuetudine della SplinderNight si è così spenta.

Splinder si è inoltre curata della pubblicazione di due libri:

  • Blog al 100 per cento, edito da RGB Media. Crea il tuo sito in 5 minuti con Splinder, di Marco Palombi, Roberto Lo Jacono e Paolo Murgia - Unwired Media (2006), il libro che fornisce tutte le indicazioni utili per aprire un blog e per identificare quali contenuti pubblicare. Il libro, che è un manuale della piattaforma, è tuttora distribuito gratuitamente on line su Splinder come file PDF.
  • Vita da Blogger, a cura di Marco Palombi, Roberto Lo Jacono, Paolo Murgia, Simona Andalo - Splinder (2007), il libro che raccoglie testimonianze di persone che hanno cambiato il loro reale grazie ad una presenza “virtuale” che il blog ha permesso loro di avere. Questo libro oggi è distribuito on line presso lo storefront Splinder di Lulu.com

Sono comunque numerosissimi i blogger di Splinder finiti in libreria: fra i più noti, Orsarossa (Il banchetto dell'angelo), Pornoromantica (alias Carolina Cutolo, con il libro "Pornoromantica"), Pulsatilla (alias Valeria di Napoli, "La ballata delle Prugne Secche"), Antonella Landi ("Diario di una profe con gli anfibi"), Duchesne (alias Federico Baccomo, "Studio Illegale")

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Dal 2001 al 2006 i membri del team di Splinder hanno lavorato in remoto, ciascuno dalla propria città (Cagliari, Napoli, Milano, Como, Gaeta), utilizzando gli stessi strumenti di chat della piattaforma come principale mezzo di comunicazione.
  • Il core di Splinder è sostanzialmente frutto di cinque tesi di laurea.
  • Marco Palombi, fondatore ed ex AD di Splinder, è stato ospitato, nella puntata del 15 luglio 2006, nella trasmissione Reporter diffuso condotta da Marco Montemagno su SKY TG 24.
  • Agli inizi della piattaforma esisteva un "Inno di Splinder".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b blog - Articoli e post su blog trovati nei migliori blog

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Web Portale Web: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Web