Spiro Latsis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Spiros Latsis nel 2011

Spiro Latsis (Atene, 1946) è un banchiere greco.

È il figlio di Errieta Tsoukala (Ερριέτα Τσουκαλά) e di Giannis Latsis, un armatore greco che accumulò una enorme ricchezza negli anni '70 e '80. Dopo la laurea conseguita presso la London School of Economics si dedicò con successo agli affari riuscendo ad incrementare il patrimonio del padre. Alla morte di quest'ultimo nel 2003 prese le redini delle aziende di famiglia.

Spiro Latsis è attualmente l'uomo più ricco del suo paese e 55º uomo più ricco del mondo (secondo Forbes nel 2007) con un patrimonio di 11,0 miliardi di USD.

Opera attraverso la società di famiglia: la EFG Bank European Financial Group un vasto conglomerato che possiede diverse attività soprattutto bancarie. Possiede circa il 40% in EFG Eurobank Ergasias, la filiale greca della sua banca svizzera EFG Group e più del 30% della Hellenic Petroleum, una delle maggiori compagnie petrolifere dei Balcani, possiede anche la Paneuropean Oil and Industrial Holdings S.A. e PrivatAir (una compagnia aerea privata) e la Lamda Development (immobiliare).

Come il padre, anche Spiros gode dei favori della regina Elisabetta II ed è un grande amico di José Manuel Barroso, un importante figura della commissione europea, che più volte ha invitato sul suo lussuosissimo yacht.

Nell'aprile 2010 il quotidiano tedesco Bild lo accusava di aver ordito i fili della speculazione nelle borse europee in seguito alla dichiarazione di insolvenza del governo greco. Il titolo dell'articolo era alquanto ironico: "Perché mai il danaro dei contribuenti tedeschi dovrebbe finire nelle tasche di un miliardario greco?"

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 115400002 LCCN: no96065234

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie