Spiridione Gopcevich

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Spiridione Gopcevich (Trieste, 18151861) è stato un armatore e commerciante austriaco  di origini montenegrine.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Palazzo-Gopcevich

Suo padre, Cristoforo Gopcevich (Hristifor Gopčević / Христифор Гопчевић), nato nel 1765, era di Castelnuovo (nell'odierno Montenegro); tutta la zona era stata annessa dall'Impero austroungarico nel 1815, prendendola dal principato vescovile di Montenegro. La madre era Sofia Kvekich (Herceg Novi, 1792 - Trieste, 1854). L’anno precedente era nato suo fratello maggiore Giorgio.

Spiridione fu inviato a Vienna per essere istruito. Parlava fluentemente tredici lingue e diventò un grande armatore a Trieste, allora parte del litorale austriaco. Le sue navi commerciavano sulle rotte del Mar Nero, e lui era in contatto con il primo ministro britannico Gladstone e con Giuseppe Garibaldi. Un tracollo economico rovinoso, seguito ad una imprudente speculazione durante la guerra di Crimea (1853-1856), lo spinse al suicidio nel 1861. [1]

Suo figlio, Spiridon Gopčević (Trieste, 1855 - Vienna, 1936), è stato un giornalista politico e astronomo di fama mondiale.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Gopcevich, Comune di Trieste. URL consultato il 6 giugno 2013.