Spetters

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Spetters
Spetters.png
I protagonisti
Titolo originale Spetters
Paese di produzione Paesi Bassi
Anno 1979
Durata 120 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, sportivo
Regia Paul Verhoeven
Soggetto Gerard Soeteman
Sceneggiatura Gerard Soeteman
Fotografia Jost Vacano
Montaggio Ine Schenkkan
Musiche Ton Scherpenzeel
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Spetters è un film olandese del 1979 diretto da Paul Verhoeven uscito in Italia nel 1982 - probabilmente sul filone allora in voga sulle bande giovanili. Nel film ricorrono temi cari al regista, violenza, sessualità e religione. Nella versione integrale non si lesinano situazioni scabrose ed inquadrature esplicite sebbene il soggetto sia confacente il genere drammatico.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Protagonisti Eef, Hans e Rien, tre amici che vivono in un sobborgo degradato di Rotterdam. Oltre alla comune passione per il motocross, il quale idolo è il carismatico campione Gerrit Witkamp, sono attratti da Fientje, una procace ed energica proprietaria di un chiosco ambulante di friggitoria, per la quale i tre si sfidano.

Rien ha un incidente di moto, resta paralizzato e si uccide; Eef si scopre omosessuale mentre Hans con Fientje avvierà un pub, lasciando al fratello di lei il lavoro di ambulante.

Significato del titolo[modifica | modifica sorgente]

Spetters, plurale di spetter, spruzzo, termine gergale oramai desueto nella lingua olandese, sta ad indicare l'avvenenza maschile quanto l'attività di friggitoria della protagonista.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema