Spermidina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Spermidina
Spermidine-2D-skeletal.png
modello molecolare
Nome IUPAC
N-(3-aminopropil)butano-1,4-diammina
Nomi alternativi
1,5,10-triazadecano
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C7H19N3
Massa molecolare (u) 145,246
Numero CAS [124-20-9]
PubChem 1102
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 0,925 g/mL a 25 °C
Temperatura di fusione 22-25,0 °C
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
corrosivo

pericolo

Frasi H 314
Consigli P 280 - 305+351+338 - 310 [1]

La spermidina appartiene alla classe delle poliammine ed è coinvolta nel metabolismo cellulare.

È in grado di inibire l'enzima ossido nitrico sintasi neuronale (nNOS). È in grado di attivare la T4 polinucleotide chinasi.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

In biologia molecolare la spermidina può essere utilizzata per aumentare l'attività dell'enzima T7 RNA polimerasi, un tipo di RNA polimerasi.

A pH fisiologico la spermidina è interamente protonata e pertanto è in grado di legare macromolecole che a pH fisiologico sono polianioni, come ad esempio il DNA, dando origine ad interazioni ioniche. Questa proprietà è utilizzata per purificare il DNA tramite precipitazione.

È ancora utilizzata nelle tecniche di elettroporazione per il trasferimento di DNA all'interno delle cellule.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 28.06.2013

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Slocum, R. D., Flores, H. E., "Biochemistry and Physiology of Polyamines in Plants", CRC Press, 1991, USA, ISBN 0849368650
  • Uriel Bachrach, "The Physiology of Polyamines", CRC Press, 1989, USA, ISBN 0849368081

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia