Sperlinga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la frazione di Chiaramonte Gulfi, vedi Sperlinga (Chiaramonte Gulfi).
Sperlinga
comune
Sperlinga – Stemma
Sperlinga – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Sicily.svg Sicilia
Provincia Provincia di Enna-Stemma.png Enna
Sindaco Saverio Di Marco (lista civica) dal 7 maggio 2012
Territorio
Coordinate 37°46′00″N 14°21′00″E / 37.766667°N 14.35°E37.766667; 14.35 (Sperlinga)Coordinate: 37°46′00″N 14°21′00″E / 37.766667°N 14.35°E37.766667; 14.35 (Sperlinga)
Altitudine 750 m s.l.m.
Superficie 58 km²
Abitanti 895[1] (31-12-2010)
Densità 15,43 ab./km²
Comuni confinanti Gangi (PA), Nicosia
Altre informazioni
Cod. postale 94010
Prefisso 0935
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 086017
Cod. catastale I891
Targa EN
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona D, 1 800 GG[2]
Nome abitanti sperlinghesi
Patrono san Giovanni Battista
Giorno festivo 24 giugno
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Sperlinga
Posizione del comune di Sperlinga nella provincia di Enna
Posizione del comune di Sperlinga nella provincia di Enna
Sito istituzionale
(LA)
« Quod Siculis placuit, sola Sperlinga negavit »
(IT)
« Ciò che fu stabilito dai Siciliani, solo Sperlinga lo negò »
(Iscrizione nel castello della città, riferita ai Vespri siciliani)

Sperlinga (Sperrënga in gallo-italico, Spillinga in siciliano) è un comune italiano di 896 abitanti della provincia di Enna in Sicilia.

Il comune fa parte del circuito dei borghi più belli d'Italia.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

È situato tra i monti Nebrodi e le Madonie, nel cuore della Sicilia centrale, a 47 chilometri da Enna. Già definita "una regale dimora rupestre" scavata in una gigantesca mole d'arenaria, etimologicamente Sperlinga deriva dal greco e significa "Spelonca", grotta.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Tra i primi documenti storici in cui è citata Sperlinga, si trova un privilegio del Conte Ruggero del 1082. Risale al periodo subito successivo una forte colonizzazione da parte di popolazioni lombarde venute dal Nord Italia. Per questo motivo a Sperlinga si parla ancora oggi un dialetto gallo-italico, il gallo-italico di Sicilia, come in altre zone della Sicilia, dovuto a immigrazioni dalle province di Novara, Asti e Alessandria. Gerhard Rohlfs fece una ricerca sul dialetto galloitalico di Sicilia tra il 13 e 14 aprile del 1924 lasciando delle suggestive foto delle grotte di via Valle.

La storia di Sperlinga si identifica con le famiglie che hanno posseduto il castello e i feudi annessi. Il paese, nato come borgo feudale ai piedi del castello medievale, si è espanso dal 1597 in poi, quando il re Filippo II concesse a Giovanni Forti Natoli, principe di Sperlinga, il privilegio di potervi fabbricare terre.
Il territorio comunale è caratterizzato da numerose grotte scavate nella roccia arenaria.

In contrada Capostrà, nel luglio 1943, fu scattata la famosissima foto di Robert Capa che è diventata a livello mondiale il simbolo dello sbarco alleato.

Si segnalano quelle di Contrada Rossa, Cicera, Perciata, Grotta Vecchia, e all'interno del centro abitato quella del "Balzo" scavate in fila e sovrapposte con antistanti pittoresche stradine che costituiscono nel loro insieme un borgo rupestre, dove, ogni anno, il 16 agosto, si celebra la "Sagra del Tortone". Tale manifestazione folcloristica consiste nella distribuzione e degustazione di cibi locali tipici, espressione della migliore e più genuina tradizione culinaria del luogo. Al centro della proposta alimentare riccamente imbandita il gustosissimo "Tortone".

Nei giorni precedenti, i vari rioni del paese, ognuno rappresentato da una Dama, si sfidano in vari giochi. La dama del rione che ha ottenuto il maggior punteggio viene eletta Castellana di Sperlinga. Il 16 agosto la Castellana, insieme alle altre dei paesi Gallo-Italici, partecipa al corteo storico, composto da molti personaggi, in costume d'epoca, che sfilano lungo le vie del paese. Una giuria eleggerà la Dama dei paesi Gallo-Italici. La serata in piazza Castello è allietata da rappresentazioni di eventi storici, spettacoli pirotecnici, canti e balli.

Il castello medioevale di Sperlinga

Il castello è un raro esempio di castello rupestre, in parte scavato nella roccia e risalente probabilmente al periodo anteriore ai Siculi pre-greci (XII-VIII secolo a.C.), in parte costruito sulla stessa roccia, intorno all'anno 1000.

È stato sede della baronia dei Ventimiglia fino al 1597, poi dei principi di Sperlinga Natoli (1598 - 1658) e quindi del duca Oneto (1658-1861), l'ultimo dei quali lo concesse in enfiteusi al barone Nunzio Nicosia, i cui discendenti lo donarono al comune di Sperlinga nel 1973.

È famosa la scritta in latino scolpita sull'arco a sesto acuto nell'androne del Castello "QUOD SICULIS PLACUIT SOLA SPERLINGA NEGAVIT", tale scritta postuma è legata alle vicende dei Vespri Siciliani (1282) quando una guarnigione francese si asserragliò all'interno del castello e resistette all'assedio per circa un anno. Michele Amari riuscì a trovare dei documenti che confermano la presenza di soldati angioini all'interno del castello di Sperlinga tanto che in un documento di Carlo d’Angiò, datato 27 settembre 1283, viene messo in evidenzia che i soldati angioini presenti al Castello di Sperlinga arrivarono sani e salvi fino in Calabria e vennero premiati con la concessione di alcuni poderetti. In questo documento vengono così resi noti i nomi di essi: Goffridro de Mornai, Guillelmo de Sancto Vincentio, Bernadus de Laylla, Ynardo Catalano, Guillelmo Catalano, Petro Michaeli, Bertrando Visiano, Gullielmo de Lambesco, Johanni del Mostoralo e Gualtero Luburges con a capo Petro de Lamanno.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Grotte scavate nella roccia
  • Il Castello (Ǫ Casteǫ)[3]
  • Il Borgo Rupestre (ę Ruttə)[4]
  • Via Valle (a Vaǫ)[5]
  • Il Bosco di Sperlinga (Ǫ Boscǫ)[6]
  • Contrada Capostrà dove fu scattata la famosissima foto di Robert Capa

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[7]

Lingue e dialetti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Dialetti gallo-italici di Sicilia.

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Eventi[modifica | modifica sorgente]

  • Sagra del Tortone (16 agosto): non si tratta di una grande torta, ma di un dolce locale. La sagra è caratteristica perché si svolge nello spiazzo antistante il suggestivo castello rupestre di Sperlinga, considerato tra i più belli del suo genere in Europa.

La sagra del tortone è nata nel 1982 in occasione del settimo centenario dei Vespri siciliani. Dolce essenzialmente casereccio fatto da semplicissimi ingredienti: farina impastata e lievitata, olio d'oliva e zucchero cosparso sulle formelle.

Santo Patrono di Sperlinga: San Giovanni Battista, 24 giugno

Economia[modifica | modifica sorgente]

Sperlinga vanta una cospicua produzione di grano, olive, agrumi e foraggi. Fiorente è l'allevamento locale di bovini e ovini.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Castello di Sperlinga
  4. ^ Castello di Sperlinga - Itinerari Sperlinghesi - Borgo Rupestre - Grotte di Sperlinga (rute)
  5. ^ Castello di Sperlinga - Itinerari Sperlinghesi - Via Valle (vao)
  6. ^ Castello di Sperlinga - Itinerari Sperlinghesi - Bosco di Sperlinga
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Pierluigi Bonanno, Liborio Bellone, Salvatore Scalisi, Carlo Bellone, Paolo Totò Bellone, Angelo Bruno, Simone Guglielmo, Antonino Bonomo, Sperlinga, USA, 2007.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia