Speedtalk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.


La speedtalk (parola composta dall'unione dei termini inglesi speed + talk, cioè "conversazione veloce") è una lingua artificiale creata da Robert A. Heinlein e descritta nel suo romanzo breve del 1949 Vortice Nero (Gulf). Speedtalk viene descritta come una lingua basata totalmente sulla logica che, nel corso della narrazione, adempie al suo scopo attraverso un'intrigante sviluppo nella trama. Il concetto alla base della lingua era che utilizzasse una sintassi complessa con un vocabolario minimo ed un esteso alfabeto fonemico (che include lettere come œ, ħ, ø e ʉ), il che la rendeva estremamente efficiente. In un esempio (l'unico fornito di traduzione), una singola parola significa "Gli orizzonti lontani draw no nearer". La lingua era inoltre sprovvista del verbo essere.

Molte di queste idee sono state in seguito incorporate nella lingua Ithkuil.

Esempi[modifica | modifica sorgente]

Nel corso della storia vengono presentate due sole conversazioni in speedtalk, benché non decifrate. Eccole di seguito:

"œnɪe ʀ ħøg rylp"
"nU"
"tsʉmaeq?"
"nø!"
"zUlntsɨ."
"ɨpbitʹ New Jersey."
lingue artificiali Portale Lingue artificiali: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingue artificiali